Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

VIEKIRAX e EXVIERA raggiungono le alte tariffe di SVR in pazienti infettati virus dell'epatite C GT1 e GT4

AbbVie, una società biofarmaceutica globale, i nuovi dati nell'ambiente oggi annunciati mostranti 96 per cento dei pazienti di genotipo 1 (GT1) (n=486/505 imponibile per analisi) e 100 per cento (n=53/53) dei pazienti di genotipo 4 (GT4) hanno raggiunto la risposta virologic continua dopo trattamento a 12 settimane (SVR12). Questi dati supportano i risultati veduti nei test clinici di fase 3 per i pazienti infettati virus dell'epatite C cronici GT1 (HCV) o GT4 curati con VIEKIRAX® (compresse di ombitasvir/paritaprevir/ritonavir) e EXVIERA® (compresse del dasabuvir) con o senza ribavirina (RBV).

L'analisi egualmente riferisce i risultati della sicurezza da 1,017 persone con GT1 o GT4 HCV cronici iscritto alla C-Registrazione tedesca di epatite (DHC-R) che hanno iniziato il trattamento, rappresentante un diverso gruppo di pazienti veduti nelle impostazioni nell'ambiente che sono trattate con VIEKIRAX e EXVIERA. I risultati saranno presentati oralmente oggi al fegato internazionale Congress™ (ILC) 2016 a Barcellona, Spagna.

“Gli studi nell'ambiente complementano le prove controllate ripartite con scelta casuale e guida più ulteriormente per migliorare la nostra conoscenza di VIEKIRAX e di EXVIERA nella pratica clinica di ogni giorno,„ ha detto Heiner Wedemeyer, M.D., guida del gruppo di ricerca, dipartimento della gastroenterologia, epatologia e l'endocrinologia alla facoltà di medicina di Hannover in Germania. “L'efficacia e la sicurezza risulta indicato attraverso una vasta sezione trasversale dei pazienti in questo studio particolare forniscono la comprensione utile nel trattamento dei pazienti nell'ambiente.„

La popolazione di studio della sicurezza (n=1,017) era riflettente di una diversità dei pazienti veduti nella pratica clinica sistematica, compreso i pazienti con la cirrosi (22 per cento) e quelli precedentemente curati per HCV (59 per cento). Più della metà dei pazienti (59 per cento) stavano catturando le medicine per altre condizioni mediche.

“Questi risultati forniscono le comprensioni supplementari che complementano i dati di test clinico di fase 3 per VIEKIRAX e EXVIERA,„ hanno detto Rob Scott, M.D., vice presidente, lo sviluppo ed il capo ispettore sanitario, AbbVie. “Crediamo che ulteriori studi nell'ambiente in corso attraverso i paesi multipli arricchiscano la nostra comprensione del trattamento di HCV.„

Fra i pazienti inclusi nell'analisi di sicurezza (n=1,017), la tariffa della sospensione dovuto gli eventi avversi (AEs) era (1,5 per cento) .1 che basso il AEs più comune (≥ 5 per cento) era fatica (24 per cento), il prurito (10 per cento), emicrania (9 per cento), insonnia (6 per cento) e nausea (5 per cento). AEs serio è stato riferito in 1 per cento (n=5/480) dei pazienti che ricevono VIEKIRAX e EXVIERA senza RBV ed in 3 per cento (n=16/537) dei pazienti che ricevono VIEKIRAX e EXVIERA con RBV. Quindici pazienti hanno interrotto rispettivamente il trattamento dovuto AEs, mentre due pazienti sono morto dovuto infarto miocardico o il colpo. Entrambi i casi sono stati valutati come non relativo al trattamento di studio.