Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il virus di ZIKA può essere trasmesso sessualmente, conferma lo studio di Inserm

Uno studio dai ricercatori da Inserm, dagli ospedali pubblici di Parigi (ospedale di Bichat, AP-HP), dall'università diAix-Marsiglia e dal centro di riferimento nazionale per gli arbovirus conferma che il virus di ZIKA può essere trasmesso sessualmente. Le loro analisi hanno indicato a 100% la correlazione genetica fra il modulo del virus presente in un uomo che ha contrattato il virus nel Brasile e quello di una donna che non aveva viaggiato mai nell'area epidemica, ma chi ha avuto relazioni sessuali con lui. Questi risultati sono pubblicati in New England Journal di medicina.

Il virus di ZIKA, un membro della famiglia di Flavivirus, quasi esclusivamente è trasmesso agli esseri umani dalle zanzare dell'Aedes. Sebbene l'infezione di Zika causi solitamente i sintomi delicati, può essere responsabile delle complicazioni neurologiche severe, specialmente nell'infante di una donna infettata mentre incinta. Alcune indicazioni della trasmissione sessuale possibile del virus sono state riferite prima d'ora.

Per la prima volta e catturare le cose più ulteriormente, i ricercatori francesi hanno potuti coltivare il virus d'infezione da due genti che cercano una consultazione per l'infezione sospettata di ZIKA. Gli esemplari di urina, della saliva e del sangue sono stati catturati da un uomo che ha ritornato dal Brasile ed avevano contratto il virus là. Gli stessi esemplari sono stati catturati da una donna malata che ha avuta relazioni sessuali con questo uomo, ma chi non aveva viaggiato mai ad un'area epidemica.

Mentre il virus è stato individuato nell'urina e nella saliva della donna, l'analisi degli esemplari ha indicato che era assente dal sangue e dalla saliva dell'uomo, rendente la improbabile che la trasmissione si presentasse da questi itinerari. I ricercatori poi hanno verificato il suo seme a virus e gli alti caricamenti virali individuati ai 15 giorni ed a 3 settimane dopo il rendimento del paziente dal Brasile (circa 300 milione copies/ml).

Il virus da entrambe le persone è stato ordinato determinato (facendo uso di un campione della saliva dalla donna e di un campione del seme dall'uomo) per l'analisi genetica. L'esame ha mostrato la correlazione 100% fra le due sequenze genetiche. Oltre a 4 mutazioni, tutti “sinonimi,„ le sequenze di nucleotide entrambe hanno codificato un modulo identico del virus.

“Il nostro lavoro conferma, facendo uso delle analisi molecolari, che la trasmissione sessuale del virus di ZIKA esiste e dovrebbe essere preso in considerazione quando fa le raccomandazioni, dovuto la sua persistenza nel seme parecchie settimane dopo l'infezione. Il periodo per cui gli uomini dovrebbero sistematicamente avere relazioni sessuali protette (anche orali) deve essere definito,„ spiega Yazdan Yazdanpanah.

Source:

INSERM (Institut national de la santé et de la recherche médicale)