La contraccezione ormonale può aumentare la predisposizione delle donne all'infezione genitale

Le donne rappresentano approssimativamente la metà di tutte le persone che vivono con il HIV mondiale ed i ricercatori hanno voluto identificare i fattori di rischio che aumentano la predisposizione delle donne all'infezione genitale.

Poiché HIV ed altro sessualmente - i virus trasmessi devono penetrare la barriera mucosa genitale per stabilire l'infezione, ricercatori al centro medico di Wexner di Ohio State University hanno cercato di identificare i fattori che indeboliscono le difese mucose genitali della barriera.

La loro ricerca, recentemente pubblicata nel giornale dell'immunologia mucosa, mostra la predisposizione significativamente aumentata dei mouse femminili alle infezioni virali del tratto genitale dopo il trattamento con l'acetato del medrossiprogesterone del deposito (DMPA) o il levonorgestrel (LNG), due composti iniettabili usati dalle donne per la contraccezione ormonale.

Specificamente, il trattamento dei mouse con DMPA o il LNG ha fatto diminuire la protezione della barriera nel tratto genitale femminile aumentando la permeabilità epiteliale. Questa maggior permeabilità ha aumentato le probabilità che un agente patogeno virale potrebbe invadere e stabilire l'infezione.

“I nostri risultati forniscono la nuova plausibilità biologica per la connessione fra DMPA e predisposizione aumentata all'infezione genitale suggerita da molti studi clinici,„ ha detto il Dott. Thomas L. Cherpes, un professore associato nei dipartimenti dell'infezione ed immunità e l'ostetricia e ginecologia microbiche all'istituto universitario di Ohio State University di medicina. “Egualmente identificano che il LNG può migliorare similmente la predisposizione alle infezioni virali.„

“Notevolmente, la nostra valutazione del tessuto cervicale di biopsia dalle donne prima che ed un mese dopo l'inizio del DMPA rivelasse la protezione della barriera sono stati diminuiti identicamente di trattamento al cambiamento veduto in mouse progestina-trattati,„ ha detto il Dott. Nirk Quispe Calla, autore principale della pubblicazione.

D'altra parte, gli studi supplementari del mouse svolti dai ricercatori hanno indicato che il trattamento combinato con DMPA ed estrogeno intravaginale ha impedito i mouse l'acquisto del tipo del virus Herpes simplex - 2 riparando la barriera mucosa genitale, un prima linea di difesa contro tutti sessualmente - infezioni trasmesse.

Sulla base dei risultati posteriori, Cherpes ha detto che la capacità di salvare i mouse DMPA-trattati con l'amministrazione locale dell'estrogeno può offrire le fondamenta per lo sviluppo di compromesso contraccettivo di strategie più di meno della protezione della barriera, poichè l'uso di un'unità vaginale dirilascio della consegna potrebbe essere integrato negli approcci per la contraccezione ormonale.

“In uno scenario possibile, donne riceverebbe DMPA e un anello vaginale dirilascio che egualmente rilascia i microbicides antivirali. Mentre soltanto un'alternativa ipotetica attualmente, definire la sicurezza e l'efficacia di un tal approccio autorizza ulteriore studio,„ ha detto il Dott. Rodolfo Vicetti Miguel, un altro autore di studio.

Source:

Ohio State University Wexner Medical Center