Prima innovazione nella terapia genica contro invecchiamento

Nel Settembre 2015, poi il CEO di 44 anni di BioViva USA Inc. Elizabeth Parrish ha ricevuto due delle terapie geniche sperimentali della sua propria società: uno da proteggere da perdita di massa del muscolo con l'età, un altro per combattere svuotamento della cellula staminale responsabile di diverse malattie ed infermità relative all'età.

Il trattamento originalmente è stato inteso per dimostrare la sicurezza di ultima generazione delle terapie. Ma se i dati iniziali sono accurati, è già il primo riuscito esempio del mondo del telomere che allunga via la terapia genica in una persona umana. La Terapia genica è stata usata per allungare prima i telomeres in celle coltivate ed in mouse, ma mai in un paziente umano.

Telomeres è brevi segmenti di DNA che ricoprono le estremità di ogni cromosoma, fungenti da “ha bufferizzato contro usura. Accorciano con ogni divisione cellulare, finalmente ottenendo troppo brevi di proteggere il cromosoma, inducendo la cella a funzionare male e l'organismo ad invecchiare.

Nel Settembre 2015, i dati del telomere catturati dai globuli bianchi di Parrish dal laboratorio di prova clinico specializzato di SpectraCell a Houston, il Texas, immediatamente prima che le terapie sono state amministrate, hanno rivelato che i telomeres di Parrish erano insolitamente bruscamente per la sua età, lasciandola vulnerabile alle malattie età-associate più presto nella vita.

Nel Marzo 2016, le stesse prove sono state catturate ancora da SpectraCell hanno rivelato che i suoi telomeres avevano allungato entro circa 20 anni, da 6.71kb a 7.33kb. Ciò implica che i globuli bianchi di Parrish (leucociti) siano diventato biologicamente più giovani. Questi risultati sono stati verificati indipendente al dal HEALES (Società In buona salute del Prolungamento della Vita) senza scopo di lucro Basato a Bruxelles e dalle Fondamenta di Ricerca di Biogerontology, una carità Con sede in Gran-Bretagna impegnata nelle malattie relative all'età di combattimento.

La reazione di Parrish: “Vantaggi marginali Correnti di offerta di terapeutica soltanto per la gente che soffre dalle malattie di invecchiamento. Ulteriormente, la modifica di stile di vita ha limitato l'impatto per il trattamento delle queste malattie. Gli Sviluppi della biotecnologia è la migliore soluzione e se questi risultati sono dovunque vicino ad accurato, abbiamo fatto la cronologia„, Parrish ha detto.

Bioviva continuerà a riflettere il sangue di Parrish per i mesi e gli anni a venire. Nel Frattempo, BioViva verificherà le nuove terapie geniche e le terapie geniche di combinazione per ripristinare il danno relativo all'età. Resta essere veduto se il successo in leucociti inscatola in espansione ad altri tessuti ed organi e ripetersi in pazienti futuri. Per ora tutte le risposte si trova nelle celle di Elizabeth Parrish, “il paziente zero" di terapia genica ristoratrice.

Poiché le sue prime iniezioni BioViva di terapia genica ha ricevuto l'interesse globale sia dalle comunità di investimento che scientifiche. Più Presto questo mese BioViva ha stato bene ad una società di portafoglio delle Scienze Biologiche Profonde di Conoscenza (DKLS), un fondo di investimento Con sede a Londra che mira ad accelerare lo sviluppo delle biotecnologie per la longevità sana.

Dmitry Kaminskiy, socio fondatore di DKLS, ha detto che “BioViva ha il potenziale di creare le innovazioni nella ricerca umana di terapia genica, mentre società di superamento nel servizio di Biotech.„

Sorgente: Fondamenta di Ricerca di Biogerontology