Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

i tassi di mortalità della Post-chirurgia tre volte più su nei paesi di reddito basso, studio mostra

La nuova ricerca ha indicato che i pazienti che subiscono la chirurgia di emergenza nei paesi di reddito più bassi hanno una probabilità maggior tre volte della morte che nei paesi di reddito più alto.

Lo studio, pubblicato nel giornale britannico di chirurgia, dei tassi di mortalità riflessi della post-chirurgia e mappato loro contro l'indice analitico di sviluppo umano (HDI) di ogni paese.

10.745 pazienti sono stati riflessi i fino a 30 giorni dopo avere subito la chirurgia addominale di emergenza, agli ospedali in 58 paesi partecipanti.

Lo studio ha indicato che i tassi di mortalità erano tre volte più su nei paesi di reddito basso che nei paesi di redditi alti, anche dopo adeguamento per i fattori prognostici quale forma fisica per chirurgia, cronologia del diabete e stato di fumo.

Il gruppo dietro la ricerca, dalle università di Birmingham, Edimburgo e Sheffield, crede che lo studio dimostri una necessità di migliorare la sicurezza paziente nei paesi di reddito basso e rivisita l'uso delle liste di controllo chirurgiche della sicurezza - l'indicatore globale standard della sicurezza dell'ospedale.

Il Dott. Aneel Bhangu, dall'università di Birmingham, spiegata, “l'associazione fra sempre più la mortalità ed i paesi di reddito più bassi potrebbe essere spiegato dalle differenze nella prognosi, nel trattamento, o forse da entrambe. Che cosa possiamo dire è che il nostro studio evidenzia la disparità significativa fra i paesi e un bisogno urgente di indirizzarlo.„

È creduto che di meno che un terzo della popolazione del mondo abbiano accesso ad ambulatorio sicuro, tempestivo ed accessibile. Soltanto 6% delle 300 milione procedure chirurgiche eseguite ogni anno hanno luogo nei paesi di reddito medio o di minimo, malgrado un terzo della popolazione del mondo che vive là.

I tassi di mortalità chirurgici sono raccolti ordinariamente nei paesi di redditi alti, quali il Regno Unito e gli Stati Uniti, ma c'è piccolo a nessuna sorveglianza in altrettanto come 70% dei paesi di reddito medio e di minimo.

Il sig. Ewen Harrison, dall'università di Edimburgo, ha descritto l'importanza di raccolta dei questi dati per capire che cosa influenza i risultati chirurgici; “Migliorare l'accesso e la sicurezza chirurgici può essere raggiunto soltanto se realmente capiamo che cosa influenza i risultati chirurgici su scala globale„.

Il gruppo dietro la ricerca ha sviluppato un modello novello della raccolta di dati, formante una collaborazione internazionale di medici conosciuti come “GlobalSurg„.

Questa rete è stata creata in gran parte facendo uso dei media sociali e l'acquisizione di dati durante lo studio è stata migliorata per mezzo di una piattaforma novella accessibile dalle unità di Internet mobili.

Il Dott. Edward Fitzgerald, dal comitato di GlobalSurg, aggiunto, “creando una rete internazionale dei chirurghi è stato possibile raccogliere i dati sui pazienti reali, al lato del letto. Per misurare i risultati chirurgici abbiamo invertito il modello tradizionale della ricerca ed abbiamo reclutato i collaboratori di studio via i media sociali ed altri viali. Ciò ha stabilito una piattaforma di condivisione di dati che è accessibile dagli smartphones.„

Il gruppo egualmente ha analizzato i tipi di chirurgie che sono condotte. Indipendentemente dalla regolazione di reddito, l'operazione addominale il più comunemente realizzata di emergenza era rimozione dell'appendice.

Il gruppo di GlobalSurg spera che la loro ricerca in corso costruisca sui risultati e guardi per identificare gli obiettivi per contribuire a migliorare la sicurezza delle operazioni per i pazienti chirurgici intorno al mondo.

Source:

University of Birmingham