Indicatore potenziale di attività di malattia identificato per l'esofagite eosinofila

I ricercatori hanno identificato un indicatore potenziale di attività di malattia per una malattia allergica dell'alimento severo e spesso doloroso chiamata esofagite eosinofila (EoE) - possibilmente risparmiando i bambini con EoE il disagio e rischiano delle procedure endoscopiche di valutare se la loro malattia è attiva.

Il 16 maggio pubblicato nel giornale dell'allergia e dell'immunologia clinica, i ricercatori al centro di Cincinnati per i disordini eosinofili (CCED) al centro medico dell'ospedale pediatrico di Cincinnati piombo lo studio.

“Gli adulti ed i bambini con EoE possono essere sulle diete altamente limitate della formula da solo o soltanto alcuni alimenti,„ dice Patricia C. Fulkerson, il MD, il PhD, autore senior di studio. “Uno degli ostacoli principali alle famiglie che partecipano agli studi per presentare gli alimenti nuovamente dentro la dieta del bambino è l'esigenza dell'endoscopia dopo che ogni alimento è provato per vedere indipendentemente da fatto che avvia l'attività di malattia.„

L'attività di malattia di EoE corrente è riflessa facendo uso del conteggio esofageo di punta dell'eosinofilo, che richiede l'endoscopia dilagante di raccogliere le biopsie esofagee del tessuto per la valutazione. La gente con EoE, una malattia per tutta la vita, deve continuare a riflettere l'attività di malattia, anche dopo l'efficace trattamento con le diete limitate o gli steroidi. I cambiamenti del trattamento, come rintroduzione dell'alimento singolo, richiede gli esami endoscopici supplementari di valutare per le fiammate di malattia.

La ricerca priore ha dimostrato che verificare il sangue dei pazienti di EoE non è un'indicazione clinicamente utile della malattia attiva perché i livelli dell'eosinofilo nel sangue non correlano bene con i livelli nell'esofago. Ciò piombo i ricercatori studiare una cella agli eosinofilo, un progenitore stirpe-commesso dell'eosinofilo (EoP) del precursore, come indicatore potenziale. Hanno trovato i livelli elevati di EoP nel sangue dei pazienti pediatrici con la malattia attiva di EoE, suggerente una promessa, indicatore basato a sangue.

“Questo studio clinico è il primo per studiare i livelli di EoP in pazienti con EoE ed identifica un nuovo biomarcatore non invadente potenziale,„ ha detto lo studio l'autore Vincent A. Mukkada, MD, un medico ai bambini di Cincinnati e membro di CCED. “Questo lavoro è un punto essenziale verso il miglioramento dei risultati per i pazienti con EoE. Sarà seguito dalla prova ripetuta di più pazienti e con le misure sequenziali dei livelli di EoP nello stesso paziente durante gli stati differenti di malattia.„

I ricercatori hanno detto che quello livelli di sangue misurare di EoP per riflettere l'attività di malattia ha il potenziale di diminuire il disagio, i costi e gli effetti secondari per i pazienti. Gli autori sottolineano la ricerca supplementare è necessari convalidare all'l'indicatore basato EoP prima del suo uso sistematico in clinica.

Le malattie allergiche sono state sull'aumento in questi ultimi 20 anni, con circa uno di ogni 13 bambini che hanno allergie alimentari ed oltre 2,5 milione bambini che soffrono dall'asma allergica.

Il gruppo di CCED ai bambini di Cincinnati ha riferito negli studi precedenti che l'incidenza di EoE è stimata a 1 su 1,000 persone. La loro ricerca egualmente indica che EoE è causato tramite una combinazione di fattori genetici ed ambientali e soprattutto è mediata da una risposta immunologica agli alimenti. L'marchio di garanzia di EoE sta gonfiando ed infiammazione nell'esofago, accompagnato dagli alti livelli delle celle immuni chiamate eosinofilo.

Source:

Cincinnati Children's Hospital Medical Center