La durezza nazionale dell'acqua si è collegata al rischio dell'eczema in bambini

Gli alti livelli di durezza dell'acqua nella casa possono essere collegati allo sviluppo di eczema presto nella vita, secondo un nuovo studio piombo dall'College Londra di re.

Influenze dell'eczema intorno ad un quinto dei bambini nel Regno Unito. Il danno della barriera di interfaccia e l'interfaccia asciutta sono probabilmente grilletti di eczema nella vita in anticipo, parzialmente con la predisposizione genetica. I fattori ambientali possono anche contribuire alla ripartizione della barriera di interfaccia, compreso durezza dell'acqua e cloro in acqua della famiglia. Nell'acqua BRITANNICA e per uso domestico tende ad essere più duro nel sud confrontato al Nord e la prevalenza di eczema segue lo stesso gradiente.

Gli studi precedenti nel Regno Unito, in Spagna e nel Giappone hanno indicato le associazioni fra durezza nazionale dell'acqua ed il rischio di eczema in scolari. Tuttavia, il collegamento fra durezza dell'acqua e eczema non è stato studiato nell'infanzia iniziale.

L'ultimo studio, pubblicato nel giornale dell'allergia e dell'immunologia clinica, ha esaminato il collegamento fra durezza dell'acqua e le concentrazioni nel cloro nella famiglia innaffiano, danneggiamento della barriera naturale dell'interfaccia e eczema nell'infanzia.

I ricercatori hanno reclutato 1.300 infanti di tre mesi dalle famiglie attraverso il Regno Unito che partecipano allo studio del CIBO ed hanno riunito i dati ai livelli di carbonato di calcio (cioè durezza dell'acqua) e di cloro in loro acqua della famiglia dai fornitori locali dell'acqua.

Gli infanti sono stati controllati per vedere se c'è dermatite atopica (eczema di infanzia) e la loro funzione della barriera dell'interfaccia è stata valutata misurando la perdita di acqua transepidermal (TEWL) sull'interfaccia di un avambraccio inalterato. Gli infanti egualmente sono stati schermati per le mutazioni nel gene di filaggrin (FLG), che codifica per una proteina chiave della barriera di interfaccia. Mutazioni nel risultato del gene di FLG in una barriera di interfaccia alterata, che è pensata per permettere che gli allergeni penetrino l'interfaccia e predispongano l'organismo verso una risposta allergica. Le informazioni sull'uso di un addolcitore dell'acqua nella casa, di una frequenza di bagno e di un uso degli idratante e dei prodotti del bagno egualmente sono state raccolte.

Vivendo in un'area dell'acqua dura è stato associato con un rischio aumentato fino a 87% di eczema a tre mesi dell'età, indipendente dal contenuto nazionale del cloro dell'acqua. Il rischio ha teso ad essere più alto in bambini con le mutazioni nel gene della barriera di interfaccia di FLG, sebbene questi risultati posteriori non fossero statisticamente significativi.

Sebbene lo studio tenti di rappresentare i fattori di confusione di potenziale, come bagno la frequenza e dell'uso dei saponi e degli sciampi, la cura di interfaccia e le pratiche dell'igiene potrebbero già cambiare prima dell'iscrizione in studio dovuto l'emergenza iniziale di eczema o di interfaccia asciutta. Lo studio egualmente non ha avuto informazioni sull'esposizione dei bambini alle piscine, che contengono i livelli elevati molto del cloro che l'acqua per uso domestico e potrebbero avere un effetto nocivo supplementare sulla funzione della barriera di interfaccia e sul rischio di eczema.

Il Dott. Carsten Flohr, autore principale dall'istituto di St John della dermatologia la fiducia delle fondamenta di NHS all'College Londra di re e del tipo e di St Thomas ha detto: “Le nostre configurazioni di studio su prova crescente di un collegamento fra esposizione ad acqua dura ed il rischio di sviluppare eczema nell'infanzia. Non è ancora chiaro se il carbonato di calcio ha un effetto nocivo diretto sulla barriera di interfaccia, o se altri fattori ambientali direttamente si sono riferiti a durezza dell'acqua, quale il pH dell'acqua, può essere responsabile.„

“Le interazioni fra durezza e livelli del cloro, altri componenti chimici dell'acqua e la microflora dell'interfaccia possono anche svolgere un ruolo e questa autorizza ulteriore ricerca. Ci accingiamo al lancio una prova di possibilità per valutare se installare un addolcitore dell'acqua nelle case dei bambini ad alto rischio intorno al periodo della nascita può diminuire il rischio di eczema e se diminuire i livelli del cloro porta qualunque assegni complementari.„

Il Dott. Michael Perkin, primo autore da St George, università di Londra (e precedentemente all'College Londra di re) ha detto: “Lo studio del CIBO ha reclutato gli infanti in tutto dall'Inghilterra e da Galles. Studiando questo gruppo di bambini così meticoloso, possiamo esaminare i fattori geograficamente disparati come i livelli di durezza e del cloro dell'acqua in questo gruppo unico.„

Il gruppo di ricerca recentemente ha ricevuto il finanziamento attraverso un premio dello sviluppo di carriera di NIHR al Dott. Flohr per studiare più dettagliatamente l'effetto di durezza dell'acqua sull'interfaccia neonatale. I preparati sono in corso stabilire se installare un'unità alla durezza dell'acqua più bassa nelle famiglie intorno al periodo della nascita possa diminuire il rischio di eczema di sviluppo infantile; l'assunzione in questo nuovo studio comincerà alla fine di quest'anno.

Assista per le scienze biologiche, George Freeman, MP ha detto: “L'eczema può essere un doloroso e termine distressing ed investendo nel finanziamento affinchè la ricerca sviluppi una migliore comprensione del collegamento fra durezza dell'acqua e eczema, spero che possiamo contribuire ad impedire ulteriore sofferenza per le migliaia di bambini.

“Con il nostro impegno ad investire £1bn ogni anno di questo Parlamento nell'istituto nazionale per la ricerca di salubrità, stiamo costituendo un fondo per le innovazioni mediche della classe del mondo che possono migliorare i risultati pazienti di NHS e contribuire ad evitare i costi inutili del trattamento di NHS.„

Source:

King's College London