Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La proteina virale NS5 ha potuto promettere l'obiettivo vaccino contro il virus di Zika

Una proteina virale conosciuta come NS5 è un obiettivo di promessa per i vaccini contro Zika ed i virus relativi, secondo gli Istituti Nazionali degli scienziati e dei colleghi di Salubrità (NIH) alla Scuola di Medicina del Icahn del Monte Sinai. Il Loro studio, pubblicato il 19 maggio 2016 online in Host delle Cellule & Microbo, suggerisce che alterare o rimuovere la proteina NS5 dal virus di Zika abbia permesso che le proprie difese immuni del corpo umano attacchino il virus. Lo studio ha trovato che NS5 impedisce le cellule umane infettate da virus di Zika le celle di sistema immunitario di segnalazione per preparare l'interferone, una proteina antivirale potente.

I ricercatori precedentemente hanno trovato che NS5 svolge un simile ruolo di interferone-didascalia per altri membri della famiglia di flavivirus, specialmente virus di febbre rompiossa e Virus del Nilo Occidentale. Lo studio corrente estende quei risultati fino altri quattro virus poco noti. Ogni virus sembra evolversi diversamente, dicono ed usi un meccanismo differente NS5 alterare la risposta immunitaria ospite. I ricercatori, compreso un gruppo dall'Istituto Nazionale di NIH dell'Allergia e delle Malattie Infettive, hanno notato quell'dei virus che hanno esaminato--Virus di Spondweni--ha il potenziale di emergere come agente patogeno umano. Spondweni, un parente prossimo del virus di Zika, è sparso dalle zanzare in Africa Subsahariana ed in Sud-est Asiatico.

Con il virus di Zika, i loro dettagli di studio come NS5 specificamente inibisce le risposte umane dell'interferone bloccando la proteina STAT2, che è essenziale per la segnalazione della risposta dell'interferone. I ricercatori paragonano la risposta dell'interferone a tirare un allarme antincendio per avvisare la risposta immunitaria che un virus è vicino, ma usando NS5, il virus di Zika può fare tacere l'allarme e stabilire l'infezione.

Gli scienziati ritengono che possa essere possibile progettare un vaccino contro il virus di Zika usando un modulo in tensione e indebolito del virus fatto alterando la proteina NS5, sebbene questo concetto sia ancora lontano dall'applicazione ad un prodotto. Egualmente hanno indicato con il Nilo Occidentale, la febbre gialla ed i virus di encefalite da zecche che le mutazioni NS5 indeboliscono quei virus, che suggerisce che NS5 potrebbe essere un obiettivo vaccino per quelle malattie pure.

Sorgente: Istituto di NIH/National dell'Allergia e delle Malattie Infettive