Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo strumento della redditività può aiutare i processi decisionali della guida per quanto riguarda i fondi proposti per combattere lo scoppio del virus di Zika

Uno studio pubblicato nelle malattie tropicali trascurate PLOS presenta uno strumento della redditività che può aiutare i processi decisionali della guida per quanto riguarda l'allocazione delle risorse agli interventi del fondo mirati a ad accorciare lo scoppio in corso del virus di Zika. Le analisi facendo uso dello strumento suggeriscono che i fondi proposti per combattere Zika negli Stati Uniti ed altri paesi siano stati redditizi, in base a quantificazione degli stati di salute seri connessi con l'infezione di Zika. Lo strumento, liberamente disponibile a http://zika.cidma.us/, può essere utilizzato per interrogare un intervallo degli scenari e può essere regolato mentre impariamo più circa come il virus causa la malattia e l'efficacia dei modi impedire e trattare le infezioni.

Le analisi della redditività valutano un intervento pubblico secondo il guadagno che può avere per la società ed il suo costo nei dollari. Un provvedimento comune per l'aumento della salubrità per la società è un'unità chiamata il DALY, o anno di vita di inabilità-regolato, che considera non solo le vite che sono salvate da un intervento dato ma anche dalla salubrità migliore di che la gente gode se l'intervento li impedisce ammalarsi. Il WHO considera un intervento “redditizio„ se il costo per DALY guadagnato è di meno di tre volte l'importo del P.I.L. pro capite (prodotto interno lordo) del paese in questione.

per costruire il loro strumento, Alison Galvani, dall'Yale University a New Haven, U.S.A. e colleghi messi a fuoco sulle due conseguenze gravi conosciute dell'infezione di Zika: microcefalia, una circostanza in cui i bambini nascono con un piccolo cervello che causa il danno mentale e sindrome di Guillain-Barré o GBS, una malattia potenzialmente interna che può causare il danno e la paralisi neurali. Il gruppo di ricerca ha calcolato i rischi per entrambe le circostanze basate su ultime informazioni dagli scoppi correnti di Zika nel Brasile ed in Colombia.

I ricercatori hanno stimato che fra 50 e 210 su ogni 10.000 madri che sono infettate con Zika consegnerà un bambino con microcefalia. Per GBS, fra 2 e 8 di ogni 10,000 persone infettate con Zika sono stimati per avvertire questa complicazione. Lo studio predice che se 40% della popolazione in America Latina e nei Caraibi sono infettati con Zika, ci potrebbero essere più di 22.000 bambini sopportati con microcefalia e fino a 204.000 casi di GBS. Negli scoppi precedenti di Zika in Micronesia ed in Polinesia, più di 66% della popolazione è stato infettato con Zika.

I ricercatori hanno applicato il loro strumento per valutare l'impatto di salubrità che costituisce un fondo per commesso o proposto di combattere Zika avrebbe dovuto raggiungere per essere redditizio. Specificamente hanno considerato i fondi impegnati dal Brasile, dal Costa Rica e dagli Stati Uniti. Per gli Stati Uniti, hanno analizzato una richiesta di Presidente Obama di $1,8 miliardo di combattere il virus di Zika internazionalmente. Il Presidente ha chiesto al congresso la parte posteriore di approvazione a febbraio, ma nessun fondo ancora è stato assegnato e la richiesta è ancora allo studio. Le sezioni specifiche della pianificazione, quale l'importo proposto per aiutare il Porto Rico nel combattimento Zika e dell'importo proposto per sviluppo del vaccino sono state analizzate e trovato per essere redditizie se raggiungessero anche le riduzioni modeste del numero delle infezioni di Zika nel contesto della dimensione preveduta dell'epidemia.

Uno dei pochi esempi che sono stati reputati poichè non redditizio in determinate circostanze erano l'uso delle zanzare maschii geneticamente modificate che si accoppiano con le zanzare femminili selvagge e non producono la prole. La tecnologia è stimata per costare dopo $1,9 milioni per il primo anno e $384.000 ogni anni per una città di 50.000 abitanti. I ricercatori hanno trovato che per alcuni paesi risorsa-limitati gradisca El Salvador o il Nicaragua, il numero delle infezioni di Zika che avrebbero dovuto essere impedite in modo che l'intervento siano redditizie sono superiori all'intera popolazione della città. In altri country che hanno tassi di natalità relativamente bassi, quali Cuba o la Tailandia, molto poche donne incinte sono al rischio ed il numero previsto dei casi di microcefalia è così così basso che la versione delle zanzare geneticamente modificate non sarebbe redditizia neanche. Ci sono, tuttavia, altri country quale il Panama, che hanno il diritto la combinazione di P.I.L. e di tasso di natalità per rendere a questa nuova tecnologia un buon investimento nell'impedire le infezioni di Zika.

“La nostra applicazione interattiva„, i ricercatori dicono, “fornisce uno strumento flessibile per l'informazione della politica sanitaria di salute pubblica via un'analisi costi-benefici rigorosa delle opzioni disponibili„. Lo strumento già sta usando dal ministero della sanità costaricano. Concludono che “dato il carico potenzialmente alto di Zika, il costo di salubrità dell'inerzia--o persino atto insufficiente--può autorizzare la spesa significativa„.

Source:

PLOS