I ritrovamenti di studio diminuiscono nelle ricerche con Google per la varicella dopo l'entrata in vigore della vaccinazione

I paesi che applicano le vaccinazioni governo affidate per la varicella vedono in seguito una diminuzione sensibile nel numero delle ricerche con Google per la malattia infantile comune, dimostranti che l'immunizzazione diminuisce significativamente gli scoppi stagionali.

Quello è uno dei risultati da una nuova università da di studio guidato da Michigan che ha analizzato migliaia di ricerche con Google per “la varicella.„ I ricercatori hanno scaricato liberamente ed analizzato i dati disponibili di tendenze di Google da 36 paesi su cinque continenti, per gli anni 11 che cominciano nel 2004.

La tecnica a volte è chiamata l'epidemiologia digitale e precedentemente è stata usata per identificare gli scoppi di malattie come influenza, il rotavirus e il norovirus. Ma lo studio della varicella è il primo per usare l'epidemiologia digitale per mostrare l'efficacia di un vaccino, ha detto Kevin Bakker, uno studente di laurea nel dipartimento di U-M dell'ecologia e della biologia evolutiva.

“È realmente emozionante vedere comportamento-Google alla ricerca di informazioni umano ricerca-che è diminuito tramite l'entrata in vigore della vaccinazione,„ Bakker ha detto. “È un segnale molto chiaro ed indica che il vaccino sta avendo un forte effetto.„

Ha detto le offerte di approccio un modo novello tenere la carreggiata il carico globale delle malattie infantili ed illustrare degli gli effetti livelli della popolazione di immunizzazione-particolare per le malattie, come la varicella, dove i dati clinici di caso sono insufficienti. Tuttavia, la tecnica è limitata ai paesi in cui il servizio di Internet è ampiamente - disponibili.

Bakker è autore principale di un documento sull'argomento previsto per pubblicazione il 30 maggio online negli atti dell'Accademia nazionale delle scienze. Il lavoro egualmente sarà un capitolo in sua dissertazione di laurea.

Lo studio è uno degli sforzi dell'epidemiologia digitali più completi fin qui, Bakker ha detto. I dati d'esame da parecchie dozzine di paesi hanno permesso ai ricercatori di identificare il carattere stagionale degli scoppi della varicella, che si sono presentati nella primavera universalmente, lui hanno detto.

L'idea principale dietro gli studi digitali dell'epidemiologia è che il numero delle punte di ricerche con Google in risposta ad uno scoppio della malattia infettiva come genitori preoccupati ed altri raccolgono le informazioni sui sintomi, sul trattamento, sui vaccini e sugli argomenti relativi.

Per dimostrare che le query di Internet circa la varicella possono essere usate come proxy affidabile per l'incidenza di malattia, Bakker ed i suoi colleghi hanno dovuto indicare che Google tende i casi clinici esattamente riflessi di dati. Ma la varicella non è inclusa nel sistema di controllo globale dell'organizzazione mondiale della sanità per le malattie vaccino-evitabili e soltanto in una manciata di casi di rapporto dei paesi ai funzionari di salute pubblica di livello nazionale.

Bakker ed i suoi colleghi hanno trovato che nei tre paesi che richiedono la segnalazione dei casi della varicella ma non richieda la vaccinazione contro il malattia-Messico, la Tailandia e le ricerche di Estonia-Google “della varicella„ sono state correlate forte con i casi riferiti. Negli Stati Uniti ed in Australia, due paesi che riferiscono la varicella e richiedono il vaccino, la correlazione ancora tenuta ma erano più deboli.

Queste correlazioni hanno permesso ai ricercatori di creare un modello di previsioni per predire che la sincronizzazione e la grandezza degli scoppi della varicella basati su Google tende i dati.

“Questi risultati indicano che la ricerca di informazioni può essere usata per previsioni rapide, quando la segnalazione dei casi clinici è non disponibile o anche rallenta,„ gli autori ha scritto.

Ma i risultati più interessanti, secondo Bakker, erano le analisi che mostrano una riduzione delle ricerche “della varicella„ che segue l'attuazione di un programma di vaccinazione governo affidato per la malattia.

Questo effetto era più notevole in Germania, che ha aumentato gradualmente i sui requisiti della vaccinazione nel corso di parecchi anni, cominciante nel 2004. I dati di tendenze di Google sono disponibili per il periodo completo e mostrano i cali graduali nelle ricerche con Google per “la varicella„ che segue ogni nuovo requisito della vaccinazione.

“Questi risultati dimostrano che se istituite la vaccinazione nazionale per la varicella c'è una riduzione molto chiara delle ricerche, che è un modo arguire una forte riduzione dell'incidenza totale di malattia,„ Bakker hanno detto.

Una delle resistenze dello studio è che la varicella è una malattia con i sintomi distinti, a differenza di influenza ed altre malattie che sono state studiate facendo uso dell'epidemiologia digitale, Bakker ha detto.

La varicella è una malattia altamente contagiosa causata dal virus di zoster del varicella. Causa un'eruzione, itching, una stanchezza e una febbre del tipo di bolla. L'eruzione compare in primo luogo sullo stomaco, sulla parte posteriore e sulla fronte di taglio e poi si diffonde l'intero organismo, causando fra 250 e 500 bolle che prude, secondo il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. In adulti, lo stesso virus può causare le assicelle.

Da quando le vaccinazioni degli Stati Uniti hanno cominciato nel 1996, il numero annuale dei casi della varicella nel paese è diminuito da 92 per cento, il numero annuale delle ospedalizzazioni è caduto da 84 per cento ed il numero annuale delle morti è diminuito da 90 per cento, secondo il CDC.

Source:

University of Michigan