Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio clinico mostra i risultati migliori per i pazienti NETTI curati con Lutathera sopra il LAR di Octreotide

Studio NETTER-1, mostrando clinicamente i risultati significativi e significativi per Lutathera (77Lu-DOTA0-Tyr3-Octreotate) nei pazienti con i tumori metastatici della neuroendocrina del midgut (NETs). I dati saranno presentati lunedì 6 giugno, durante la società americana della riunione annuale clinica dell'oncologia in Chicago.

Gli analoghi dell'somatostatina, quale il LAR di Octreotide, sono comunemente usati trattare i netti. Diminuiscono i sintomi in relazione con l'ormone e stabilizzano il tumore. Tuttavia, pazienti che sviluppano i netti avanzati del midgut che progrediscono dopo che la terapia analogica dell'somatostatina ha poche efficaci opzioni del trattamento.

Lutathera è un analogo radioattivo dell'somatostatina (Lu-177) che funziona simile agli analoghi standard dell'somatostatina, ma egualmente consegna la radiazione tossica direttamente al tumore. Lutathera ha ricevuto lo stato del medicinale orfano dall'Agenzia europea per i medicinali e dagli Stati Uniti Food and Drug Administration.

NETTER-1 la prova di fase 3 paragona Lutathera al LAR di Octreotide in pazienti ai tumori carcinoidi inoperanti del midgut che hanno progredito LAR seguente di Octreotide ed esprimono il ricevitore dell'somatostatina.

I risultati fin qui in 230 pazienti ripartiti con scelta casuale mostrano i risultati migliori per i pazienti curati con Lutathera sopra il LAR di Octreotide. La sopravvivenza senza progressione mediana (PFS) non è stata raggiunta nel braccio di Lutathera ed era di 8,4 mesi nel braccio del LAR di Octreotide (P < 0,0001, ora 0,21), mentre il tasso di risposta radiografico obiettivo (ORR) era 19% per Lutathera ha curato i pazienti e 3% per Octreotide ha curato i pazienti (P = 0,0008).

Il profilo di sicurezza di Lutathera era egualmente favorevole, con soltanto 5% dei pazienti che avvertono una tossicità che quello piombo ad una modifica della dose. Gli eventi avversi dei gradi 3 o 4 erano bassi, con essere più comune la neutropenia (1%), la trompocitopenia (2%) e la linfopenia (9%)

Source:

Moffitt Cancer Center