Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il modello innovatore del mouse ha potuto fornire la nuova strategia alla crescita di arresto di cancro del pancreas

L'adenocarcinoma duttale pancreatico, il più comune dei cancri del pancreas, è straordinario letale, con un tasso di sopravvivenza di cinque anni di appena 6 per cento. I trattamenti di chemioterapia sono male efficaci, in parte dovuto un alto livello di farmacoresistenza ai regimi corrente usati.

In un nuovo studio, pubblicato il 6 giugno online in natura, ricercatori al centro della scuola di medicina di San Diego dell'università di California e del Cancro di Moores, insieme ai colleghi all'università di Keio, l'università di Nebraska ed i prodotti farmaceutici di Ionis descrivono un nuovo modello innovatore che non solo li ha permessi di tenere la carreggiata la farmacoresistenza in vivo, ma egualmente ha rivelato un nuovo obiettivo terapeutico, che la prova iniziale suggerisce potrebbe fornire una strategia alla crescita del cancro del pancreas di arresto.

In una collaborazione che ha combinato la competenza scientifica e clinica, i ricercatori principali Tannishtha Reya, il PhD, professore nei dipartimenti di farmacologia e di medicina alla scuola di medicina di Uc San Diego ed in MD di Andrew Lowy, capo dell'oncologia chirurgica nel dipartimento di chirurgia a salubrità di Uc San Diego ed al centro del Cancro di Moores, ha lavorato con i colleghi per sviluppare un nuovo modello del mouse “del reporter„ che permette aa tenere la carreggiata non invadente e basato a immagine dei segnali della cellula staminale in animali vivi.

Facendo uso di questa strategia, il gruppo ha indicato che il gene Musashi (Msi) della cellula staminale è un elemento critico nella progressione del cancro del pancreas. In particolare, il lavoro ha rivelato che l'espressione di Msi aumenta con la progressione del cancro e che Msi che esprime le celle è driver chiave della crescita, della farmacoresistenza e della mortalità del cancro.

Dato il ruolo di Msi nella promozione della malattia aggressiva, i ricercatori partnered con il PhD di Robert MacLeod, vice presidente della scoperta della droga dell'oncologia ai prodotti farmaceutici di Ionis, per sviluppare gli inibitori antisenso di prossima generazione dell'oligonucleotide (ASO) contro Msi. Questi inibitori efficacemente hanno mirato e bloccato a Msi che esprime le celle, con conseguente crescita fermata del tumore nei modelli animali come pure in paziente in- - cellule tumorali derivate, che harbor le mutazioni più complesse e sono costante resistenti alla droga.

Gli inibitori antisenso sono droghe sintetiche dell'acido nucleico che possono essere destinate per legare selettivamente al RNA messaggero dal gene mirato a e malattia-collegato e lo inattivano.

Reya ha detto che i risultati potrebbero essere largamente utili per lo studio del cancro. “Poiché l'attività del reporter di Msi può essere visualizzata dalla rappresentazione in tensione,„ ha detto Reya, “questi modelli può essere usato per tenere la carreggiata le cellule staminali di cancro all'interno del microenviroment del tumore, fornente una visualizzazione in tempo reale della crescita e della metastasi del cancro e servente da piattaforma provare le nuove droghe che possono potere meglio sradicare le celle resistenti.„

Egualmente ha notato il Msi d'ottimizzazione in tumori primari significativamente variabili “la traiettoria della progressione tramite la crescita esitante del cancro del pancreas e sopravvivenza migliorare,„ inibendo entrambe le cellule staminali di cancro ed altre celle del tumore. “Questo realmente evidenzia la nostra capacità di tradurre questi risultati e suggerisce che gli antagonisti di Msi potrebbero essere una nuova strategia per l'ottimizzazione della resistenza alla chemioterapia.„

Source:

University of California, San Diego Health Sciences