Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La Tailandia ha certificato esente dalla trasmissione del madre--bambino del HIV e della sifilide

La Tailandia è stata certificata ufficialmente esente dalla trasmissione del HIV e della sifilide dalle madri ai loro bambini. La Tailandia è il primo paese in Asia e fra il primo nel mondo in cui la tariffa della trasmissione del HIV dalle madri incinte ai loro neonati è sceso sotto 2 per cento.

Una madre Affetta da HIV tiene suo figlio di tre anni che è esente dal HIV. Oggi, la Tailandia celebra il suo successo nell'eliminazione della trasmissione del madre--bambino del HIV e della sifilide. UNICEF Tailandia/Jingjai N. del ©.

La tariffa della trasmissione del madre--bambino del HIV in Tailandia è diminuito da 10,3 per cento nel 2003 a 1,91 per cento nel 2015, secondo il Ministero della Salute pubblica. La linea guida (WHO) globale dell'Organizzazione mondiale della sanità considera la trasmissione del madre--bambino del HIV efficacemente di eliminarsi quando la tariffa della trasmissione scende sotto 2 per cento.

Secondo la convalida la valutazione da un gruppo degli esperti indipendenti regionali si è riunita dal WHO ed ha supportato l'UNICEF, UNAIDS ed il Centri Per Il Controllo E La Prevenzione Delle Malattie degli Stati Uniti (CDC), Tailandia ha incontrato tutta l'eliminazione dei criteri della trasmissione del madre--bambino per sia il HIV che la sifilide congenita conformemente agli obiettivi globali. Ciò conclude un trattamento di convalida che ha avuto luogo dal dicembre 2014 all'aprile 2016.

“Il successo della Tailandia nel raggiungimento degli obiettivi globali del WHO nell'eliminazione della trasmissione del madre--bambino del HIV e della Sifilide appartiene ad ognuno - tutti gli organizzazioni e partner implicati,„ ha detto il Dott. Piyasakol Sakolsatayadorn, Ministro della Salute pubblica. “È non solo madri e bambini che traggono giovamento da questo, ma tutti Tailandesi che stiano risiedendo nel Regno. Ognuno è autorizzato per ricevere i servizi uguali ed efficaci. Tuttavia, una sfida rimane: come rendiamo questo successo sostenibile. Potremo raggiungere quel sogno attraverso l'efficaci direzione e gestione come pure la forte avvocatura inter-settoriale di criterio e di collaborazione dal Governo.„

“Questo risultato notevole dimostra l'impegno straordinario della Tailandia e direzione nel rispondere alla pandemia globale,„ ha detto Thomas Davin, Rappresentante di UNICEF per la Tailandia. “La Tailandia ha fissato un esempio che ispirerà molti altri Paesi asiatici nei loro sforzi verso AIDS e generazione senza sifilide.„

Il Dott. Daniel Kertesz, Rappresentante del WHO in Tailandia, ha evidenziato il fatto quello:

il Governo degli sforzi esemplari della Tailandia estende non solo fino i cittadini Tailandesi, ma anche fino le popolazioni migratori che risiedono in Tailandia. La Tailandia è uno soltanto di alcuni paesi che hanno esteso la sanità universale per includere le donne migrante, rendendo la prevenzione della trasmissione del madre--bambino accessibile per ognuno.

“Oggi, non solo i bambini Tailandesi ma egualmente bambini dei migranti ammissibili per copertura di sanità non affrontano quasi rischio di acquisto del virus dalle loro madri a causa del loro accesso alla prevenzione dei servizi di trasmissione del madre--bambino,„ il Davin dell'UNICEF ha aggiunto.

Due decadi fa, globalmente circa uno in tre bambini di cui le madri hanno avute HIV nasceva con il HIV, ha detto Tatiana Shoumilina, Direttore del Paese del UNAIDS Tailandia. “La Tailandia è il primo paese in Asia per raggiungerla che cosa è stata reputata una pietra miliare impossibile a quella del tempo di liberazione degli infanti del HIV come pure della sifilide,„ ha aggiunto.

“Questo è un risultato particolarmente importante di salute pubblica,„ ha detto il Dott. John MacArthur, Direttore CDC Tailandia del Paese. “Il progresso notevole della Tailandia che indirizza l'epidemia del HIV fornisce un esempio ai paesi nella regione e nel mondo come possiamo muoverci in avanti per assicurare un futuro più sano per le madri ed i loro bambini e per cessare l'epidemia del HIV.„

Il successo della Tailandia è il risultato di forte proprietà nazionale e dell'impegno politico continuo, le efficaci risposte dalla comunità e un sistema nazionale ben sviluppato di salubrità. In Tailandia, i servizi di sanità per le madri che vivono con il HIV completamente sono integrati nei programmi di salute dei bambini e materni agli ospedali e sono coperti da copertura di sanità universale della Tailandia.

La prova del HIV delle donne incinte è stata coerente superiore a 95 per cento dal 2013 - il più alto nella Regione Asia-Pacifico - e 95 per cento delle donne incinte che verificano il positivo stanno ricevendo le droghe di antiretroviral, secondo il Ministero della Salute pubblica.

Ora è critico che la Tailandia mantiene la sua eliminazione di successo della trasmissione del madre--bambino continuando a rinforzare i servizi per i segmenti difficili da raggiungere della popolazione, quali i migranti e gli adolescenti, assicurare l'individuazione tempestiva del HIV e del trattamento.

Sorgente: http://www.unicef.org/