La presenza di Anti-CPP in circolazione sanguigna dei pazienti del RA correla con la risposta della droga

I risultati di uno studio presentato oggi alla Lega Europea Contro il Congresso Annuale di Reaumatismo (EULAR 2016) hanno indicato che la presenza di anticorpo (anti-CPP) nella circolazione sanguigna dei pazienti con l'artrite reumatoide (RA) correla con la risposta ai trattamenti differenti della droga. Ciò che trova è un altro punto importante verso l'introduzione di medicina personale in reumatologia, che già sta avendo un effetto principale nel trattamento del cancro.

Essere positivo per il anti-CCP che l'anticorpo è stato associato con una migliore risposta al abatacept A cellula T dello stampo di co-stimolo tuttavia, questo stato dell'anticorpo non è stato correlato con l'efficacia di un fattore-inibitore di necrosi del tumore (TNFi).

I pazienti positivi Anti-CCP hanno un modulo più severo della malattia; alcuni studi hanno indicato che sia gli anticorpi di RF che del anti-CCP sono preannunciatori indipendenti della progressione di malattia veduti sui Raggi X, altri hanno suggerito che soltanto gli anticorpi anti-CCP fossero un preannunciatore indipendente. Inoltre, questi pazienti anticorpo-positivi sono stati indicati per trarre giovamento di meno dal trattamento con una combinazione di DMARDs non biologico e di steroidi che i pazienti anticorpo-negativi anti-CCP.

“Questi risultati sono per quanto gli anticorpi anti-CCP siano presto emozionanti un indicatore della severità di malattia e rilevabili nel corso della malattia. Una migliore comprensione della relazione fra gli anticorpi anti-CCP e la risposta del trattamento ha il potenziale di avanzare la cura paziente,„ ha detto il Dott. Leslie R. Harrold dell'Università di Massachusetts, di Worcester, di MA, di STATI UNITI e di Corrona, il LLC Southborough, il MA, STATI UNITI. “Specificamente, i pazienti con RA possono passare gli anni che provano i trattamenti differenti fino a gestire correttamente la loro malattia. Di Conseguenza, identificare i sottoinsiemi dei pazienti probabilmente per rispondere ad una droga o ad una classe specifica di droghe è così critica,„ lei ha spiegato.

“I Nostri risultati hanno indicato che gli effetti degli inibitori di TNF non dipendono dallo stato dell'anticorpo di ACPA. Tuttavia, i risultati dei pazienti che ricevono il abatacept A cellula T del modulatore di co-stimolo dipendevano da stato di ACPA con le migliori risposte osservate in coloro che era positivo per gli anticorpi anti-CCP, confrontato a coloro che non ha avuto che questi anticorpi,„ Dott. Harrold ha concluso.

Questo studio ha valutato esclusivamente l'impatto degli anticorpi di RF e del anti-CCP sulla risposta del trattamento in pazienti che iniziano il abatacept o TNFi. Per i 566 pazienti che hanno iniziato il abatacept, lo stato positivo del doppio è stato associato con una risposta significativamente maggior rispetto a stato della doppia quantità negativa su tutti i risultati (misure di attività di malattia e risultato di remissione). Ulteriormente, il singolo stato positivo è stato associato con una maggior probabilità della remissione rispetto a stato della doppia quantità negativa per gli utenti del abatacept. Per Contro, non c'erano differenze significative nelle risposte fra i gruppi di anti-CCP/RF nei 1.715 utenti di TNFi. Quando il gruppo di studio ha studiato esclusivamente la relazione con il anti-CCP e la RF, le risposte indicate sono state determinate dalla sieropositività agli anticorpi anti-CCP da solo e quella RF non era un fattore indipendente che influenza la risposta.

I ricercatori hanno concluso che l'effetto differenziale di stato dell'anticorpo anti-CCP sulla risposta del trattamento può essere dovuto le differenze nel meccanismo di atto fra gli agenti del trattamento.

Sorgente: Lega Europea Contro Reaumatismo

Source:

European League Against Rheumatism