Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La terapia di Carfilzomib mostra la promessa per i pazienti di trapianto del pre-rene

I risultati iniziali dai ricercatori all'università di istituto universitario di Cincinnati (UC) di medicina suggeriscono che l'uso di una droga di cancro della seconda generazione, carfilzomib, possa fornire un migliore approccio per la riduzione degli anticorpi dei candidati potenziali del trapianto del rene. Il gruppo di ricerca comprende i membri dalla ricerca clinica del trapianto del UC, dalla divisione del UC dell'oncologia dell'ematologia e dalla divisione biomedica dell'informatica di Cincinnati del centro medico dell'ospedale pediatrico.

Questo approccio di terapia farmacologica del pre-trapianto è puntato su che diminuisce gli anticorpi nei candidati del trapianto del rene con maggior successo che con i metodi tradizionali e con gli effetti secondari diminuiti.

Gli anticorpi sono proteine a y che nella maggior parte delle istanze sono buone perché contribuiscono a combattere l'infezione, ma la gente può anche preparare gli anticorpi che funzionano contro altri esseri umani, che è spesso una barriera importante a trapianto.

“Carfilzomib è stato tollerato bene dal primo gruppo di sei pazienti di studio che riduzioni con esperienza dell'anticorpo fra 31 - 100 per cento,„ dice l'autore principale Simon Tremblay, PharmD dello studio, socio di ricerca nell'istituto universitario del UC dei programmi di ricerca del trapianto della medicina.

I risultati preliminari dello studio saranno presentati al congresso americano annuale del trapianto il 13 giugno, a Boston, Massachusetts, in cui Tremblay riceverà il giovane premio del ricercatore della società americana del trapianto.

Dal 2008, il gruppo di ricerca del UC sta sviluppando le terapie che mirano alle celle delle celle- del plasma che preparano gli anticorpi. La prima generazione della terapia farmacologica studiata era il bortezomib della droga di cancro, un inibitore proteasome che, come carfilzomib, già è approvato da Food and Drug Administration per il trattamento del mieloma multiplo. In quello studio di 50 persone, che è stato pubblicato nel 2015, una diminuzione significativa in anticorpi è stata osservata. Ancora, i pazienti trapiantati hanno avuti tariffe basse di rifiuto e le probabilità di sviluppare un nuovo anticorpo contro il loro rene erano egualmente basse. Inoltre, in alcuni pazienti, gli anticorpi sono rimanere soppressi per parecchio mese-qualcosa che precedentemente non fosse stato descritto con altri approcci.

Nella stessa sessione scientifica, James Driscoll, il MD, il PhD, assistente universitario nell'istituto universitario del UC della divisione della medicina dell'oncologia dell'ematologia, presenterà i risultati degli studi di traduzione della ricerca nei pazienti carfilzomib-trattati. Driscoll presenterà i nuovi dati genomica sulle celle di plasma isolate dai pazienti prima di e dopo la ricezione della terapia del carfilzomib.

“La nostra espressione genica che profila gli studi in celle di plasma umane normali sta dandoci un parere dettagliato e completo di come le celle di plasma sopravvivono ed evitano alla morte che induce gli effetti di carfilzomib,„ dice Driscoll. Questi studi, dice, sono stati svolti in collaborazione con Bruce Aronow, PhD, ai bambini di Cincinnati.

Carfilzomib è uno di quattro nuovi regime-descritti come “terapie mirate a di seconda generazione delle cellule di plasma che stanno valutande dal gruppo di ricerca clinico del trapianto del UC,„ dice il ricercatore principale su entrambi gli studi, E. Steve Woodle, il chirurgo del trapianto di salubrità del UC, di MD e Direttore della divisione di trapianto all'istituto universitario del UC di medicina.

Source:

University of Cincinnati (UC) Academic Health Center