Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Quasi la metà dei pazienti di HIV neo-infettati avverte le emissioni neurologiche

Un gruppo piombo dai ricercatori da UCSF e da Yale ha trovato che metà della gente recentemente infettata con le emissioni neurologiche di esperienza del HIV. Questi risultati neurologici non sono generalmente severi e la risoluzione dopo i partecipanti ha iniziato solitamente la terapia anti-retroviral.

“Siamo stati sorpresi che i risultati neurologici erano così dominanti in partecipanti diagnosticati con infezione HIV molto recente,„ abbiamo detto l'autore principale di studio, Joanna Hellmuth, il MD, il MHS, collega clinico nel dipartimento di UCSF della neurologia. “Mentre i risultati erano delicati, è chiaro che il HIV pregiudica il sistema nervoso entro i giorni dall'infezione. Poiché la maggior parte di queste emissioni neurologiche era risolta con il trattamento, il nostro studio rinforza le raccomandazioni che la gente a rischio del test HIV spesso ed il trattamento del antiretroviral di inizio immediatamente se sono infettati.„

La ricerca sarà pubblicata nell'emissione della neurologia, il giornale medico del 10 giugno 2016 dell'accademia americana della neurologia.

Il gruppo ha esaminato 139 partecipanti al gruppo tailandese RV254 che recentemente sono stati infettati con il HIV. Il tempo dall'infezione all'entrata nello studio ha variato da 3 ai 56 giorni con una mediana dei 19 giorni. In questa fase, i partecipanti non verificherebbero il positivo sulle prove comuni dell'anticorpo a HIV poiché non sono stati infettati abbastanza a lungo affinchè una risposta immunitaria specifica robusta avessero luogo. Cinquantatre per cento hanno avuti risultati neurologici, con un terzo che avverte i deficit conoscitivi, un quarto che hanno emissioni del motore e quasi 20 per cento che avvertono la neuropatia. Molti hanno avvertito più di un sintomo. Un partecipante è stato diagnosticato con la sindrome di Guillain-Barré, il solo caso severo trovato nel gruppo.

“Negli inizi dell'epidemia a San Francisco, circa 10 per cento dei pazienti con infezione HIV recente hanno presentato con la malattia neurologica drammatica. Ma quello era probabilmente dovuto i pazienti che entrano presto a causa della severità dei sintomi che stavano sperimentando. Il gruppo tailandese ci ha dato un'opportunità di esaminare una vasta gamma di pazienti recentemente infettati, di analizzare il loro funzionamento neurologico sistematicamente e di seguirli col passare del tempo. Stiamo guadagnando le comprensioni più profonde nel grado a cui il HIV in anticipo pregiudica il sistema nervoso,„ abbiamo detto l'autore senior di studio, Serena Spudich, MD, professore associato di Yale della neurologia.

Tutti i partecipanti sono stati offerti e cominciato il trattamento del antiretroviral alla diagnosi. Novanta per cento delle emissioni presenti alla diagnosi erano risolti dopo un mese del trattamento, ma 9 per cento dei partecipanti hanno avuti sintomi neurologici che non erano ancora sei mesi risolti dopo avere iniziato la terapia. Inoltre, i sintomi neurologici sono stati associati con i livelli elevati del HIV trovati nel sangue dei partecipanti.

I partecipanti di studio hanno subito le estese valutazioni neurologiche. L'auto ha riferito che i sintomi sono stati correlati con la prova neuropsicologica obiettiva. Inoltre, un quarto dei partecipanti ha scelto subire una foratura lombare e quasi la metà dei pazienti ha acconsentito per subire un MRI.

“Questo è uno dei primi studi completi che controllano la partecipazione del sistema nervoso nell'infezione iniziale. Poiché abbiamo potuti ora mantenere il gruppo per cinque anni, potremo studiare se ci sono delle anomalie persistenti che devono essere indirizzate. Ulteriormente, l'ubiquità dei sintomi nell'infezione iniziale trovata in questo studio rinforza la necessità per il cervello di essere considerato come compartimento che contiene il HIV latente mentre progettiamo gli studi della maturazione,„ ha detto il co-author di studio, il vincitore Valcour, il MD, il PhD, professore di UCSF della neurologia.

Source:

University of California - San Francisco