Le cellule staminali Terapeutiche escono la circolazione sanguigna nel modo diverso che precedentemente hanno pensato

I Ricercatori alla North Carolina State University hanno scoperto che uscita terapeutica delle cellule staminali la circolazione sanguigna in un modo differente che precedentemente è stato pensato. Questo trattamento, angiopellosis definito dai ricercatori, ha le implicazioni per il miglioramento della nostra comprensione non solo delle terapie di cellula staminale endovenose, ma anche cancri metastatici.

Quando i globuli bianchi devono ottenere al sito di un'infezione, possono uscire la circolazione sanguigna via un trattamento chiamato diapedesis. In diapedesis, il globulo bianco cambia la sua forma per schiacciare fra o attraverso le celle epiteliali che formano le pareti del vaso sanguigno. Diapedesis è un trattamento ben recepito ed i ricercatori hanno ritenuto che altri tipi di celle, come le cellule staminali terapeutiche o persino le cellule tumorali metastatiche, uscissero i vasi sanguigni in un simile modo - con le celle che spingono o che si schiacciano fuori.

Ma un gruppo di ricercatori piombo dal KE Cheng, professore associato delle scienze biomediche molecolari allo Stato di NC con una nomina unita nel Dipartimento della Collina di NC State/UNC-Chapel di Assistenza Tecnica Biomedica, trovato che queste cellule staminali si sono comportate diversamente.

Le cellule staminali Terapeutiche dividono la stessa capacità di uscire la circolazione sanguigna e di mirare ai tessuti particolari che i globuli bianchi fanno. Ma il modo preciso che hanno agito in tal modo non era capita buona, in modo da Cheng ed il suo gruppo hanno utilizzato un modello di zebrafish per studiare il trattamento. Gli embrioni geneticamente modificati di zebrafish erano trasparenti e fluorescente avevano tracciato i vasi sanguigni verdi. I Ricercatori hanno iniettato gli embrioni con i globuli bianchi e le cellule staminali cardiache dagli esseri umani, dai ratti e dai cani. Queste celle tutti erano state segnate con una proteina fluorescente rossa.

Con la rappresentazione microscopica della lamiera sottile leggera tridimensionale al rallentatore, Cheng ed il suo gruppo hanno potuto rintracciare il progresso di queste celle come loro hanno lasciato il vaso sanguigno. I globuli bianchi sono uscito via il diapedesis, come previsto. Quando le cellule staminali hanno uscito il vaso sanguigno, tuttavia, le celle endoteliali che allineano l'imbarcazione attivamente le ha espelse. Le Membrane che circondano le celle endoteliali su entrambi i lati della cellula staminale si sono allungate intorno alla cellula staminale, quindi si sono incontrate nel mezzo per spingere la cellula staminale dall'imbarcazione.

“Quando state parlando del diapedesis, il globulo bianco è attivo perché cambia la sua forma per uscire. Le celle endoteliali nel vaso sanguigno sono passive,„ Cheng dice. “Ma quando abbiamo esaminato le cellule staminali terapeutiche, abbiamo trovato che l'opposto era vero - le cellule staminali erano passive e le celle endoteliali non solo hanno cambiato la loro forma per circondare la cellula staminale, essi realmente hanno spinto le cellule staminali dal vaso sanguigno. Abbiamo nominato questo angiopellosis trattato e rappresenta un modo alternativo affinchè le celle lasciasse i vasi sanguigni.„

I ricercatori hanno trovato altre due differenze chiave fra il angiopellosis e il diapedesis: uno, quel angiopellosis richiede le ore, piuttosto che i minuti, per accadere; e due, quel angiopellosis permettono che più di una cella esca per volta.

“Angiopellosis è realmente un biglietto di gruppo affinchè le celle esca dei vasi sanguigni,„ Cheng dice. “Abbiamo osservato i cluster delle celle che passano da parte a parte in questo modo. Ovviamente, questo piombo noi alle domande circa di se altri tipi di celle, come le cellule tumorali metastatiche, possono usare questo più modo efficace di uscire la circolazione sanguigna e di che cosa possiamo avere bisogno per fare per fermarle.„

Sorgente: North Carolina State University

Source:

North Carolina State University