I genitori affamati possono servire le grandi porzioni di alimento per i loro bambini piccoli, manifestazioni di studio

I genitori più affamati sono alle ore del pasto, manifestazioni le nuove di uno studio, di più che possono alimentare i loro bambini piccoli, in grado di avere implicazioni per l'obesità di infanzia.

In un piccolo studio pilota delle 29 età 3 - 6 e le loro madri dei bambini, l'università di ricercatori di Florida ha chiesto alle madri di valutare la loro fame come pure la fame del loro bambino prima di un pasto. Fra le donne che erano di peso eccessivo o obese, coloro che stimato la loro propria fame su egualmente ha percepito la fame del loro bambino come più su ed a sua volta, servito al loro bambino le più grandi porzioni di alimento. I risultati sono comparso nell'edizione di giugno del giornale dell'alimentazione umana e della dietetica.

“Poiché i bambini piccoli incontrano difficoltà riconoscere quando sono pieni, più alimento è presentato all'ora del pasto, il più sono probabili mangiare,„ ha detto il principale inquirente Sara Stromberg, uno studente di laurea della psicologia clinica nel dipartimento della psicologia di salubrità e clinica nell'istituto universitario di uF della salute pubblica e delle professioni sanitarie, parte di salubrità di uF.

Lo studio è stato destinato per determinare che fattori potrebbero urtare genitori di quanto alimento stanno servendo ai loro bambini piccoli.

“Se possiamo cominciare identificare quei fattori potremmo potere interveniamo per aiutare i genitori a sviluppare più dimensioni appropriate della parte per i più giovani capretti, che eventualmente possono piombo ad una durata più lunga delle abitudini alimentari sane,„ abbiamo detto l'autore David senior Janicke, il Ph.D., un professore della psicologia di salubrità e clinica.

Stromberg e Janicke hanno detto che a causa di piccola dimensione del campione, i loro risultati di studio sono preliminari. La ricerca futura dovrebbe essere condotta con un più grande gruppo di partecipanti e dovrebbe tenere la carreggiata le calorie consumate dai bambini durante tutta la giornata, non appena ad un pasto, come è stato fatto nello studio di uF. Inoltre, i ricercatori dovrebbero osservare i genitori ed i bambini in un ambiente familiare che mangiano gli alimenti che serviscono normalmente, piuttosto che il pasto libero e stile buffet offerto dai ricercatori.

“Penso questo studio sia stato un buon punto di partenza ed infine se possiamo vedere che questi risultati ci hanno ripiegati possono intervenire con conoscenza, la consapevolezza e le strategie per aiutare i genitori ed i capretti funzionano insieme per limitare quanto scherza sta servendo,„ Janicke ha detto.

La ricerca precedente ha trovato che i genitori con la depressione e l'ansia possono essere più probabili credere che i loro bambini stiano avvertendo gli stessi sintomi psicologici. Stromberg e Janicke hanno voluto esaminare se quel genere “di aggettare„ delle sensibilità dei genitori sui loro bambini potrebbe sostenere per le percezioni di fame.

Per lo studio, le paia del madre-bambino sono state chieste di partecipare ad uno studio sulle loro interazioni durante tempo del gioco ed il pasto del pranzo o del pranzo. Dopo 10 minuti di un'attività del gioco ad un laboratorio di uF, le madri sono state chieste di compilare un questionario che informazioni demografiche raccolte e sono state chieste alla madre per valutare la sua propria fame e la fame del suo bambino su un disgaggio sette punti, in cui 1 non aveva fame affatto e 7 avevano estremamente fame. I ricercatori egualmente hanno raccolto l'altezza ed il peso dei partecipanti.

Dopo, ricercatori portati in una selezione di alimento e delle bevande e chiesti alla madre servire il suo bambino e lei stessa. Le opzioni sono state scelte per il loro sapore gradevole in bambini piccoli e carote di bambino incluse, fette della mela, fette del formaggio, cracker, biscotti, maccheroni e formaggio, lasagne al forno di verdure, pepite di pollo, l'acqua, 1 per cento del latte e succo di mele. Tutti i punti sono stati pesati dai ricercatori prima del servizio. In tutto il pasto, i codificatori formati hanno osservato i partecipanti tramite uno specchio unidirezionale ed hanno registrato la quantità di alimento servita e consumata.

I ricercatori hanno trovato che per le madri che erano classificazioni più pesanti e più alte della loro fame personale sono stati collegati con la valutazione della fame del loro bambino come più su. Quelle madri egualmente hanno teso a sciorinare più alimento ai loro bambini che le madri che erano in un intervallo sano del peso.

I ricercatori egualmente hanno scoperto che indipendentemente dal peso o dalle percezioni di una madre di fame, la maggior parte dei partecipanti hanno servito le loro parti del bambino che erano più grandi di quanto le indennità giornaliere raccomandate. Le madri hanno servito 573 calorie, in media, al loro bambino, con i bambini che consumano una media di 445 calorie. L'assunzione quotidiana suggerita per i bambini nei 3 - ad intervallo di 6 anni è 1.000 - 1.400 calorie. Nel migliore dei casi, un pasto per un bambino che l'età non supererebbe 400 calorie, Stromberg ha detto.

Le risorse quale la latta di choosemyplate.gov aiutano i genitori a determinare quanti calorie i loro bambini dovrebbero consumare, ha detto.

“Facendo uso di quelle raccomandazioni può aiutare i genitori ad essere obiettivi quando serviscono i loro capretti e non basano le dimensioni della parte sulla loro propria fame o quanto stanno servendo stesse,„ Stromberg ha detto.

Janicke egualmente suggerisce che i genitori abbiano lasciato la loro guida dei bambini guidarli nel sapere se il loro bambino ha avuto abbastanza da mangiare.

“I genitori decidono che cosa servire i loro capretti e quando, ma i capretti ancora dovrebbero avere una quantità ragionevole di controllo sopra cui mangiano,„ ha detto. “Se i capretti mangiano una dimensione appropriata del servizio ed hanno ancora fame possono chiedere più.„

Source:

University of Florida