Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori progettano il peptide inibitorio per liberare i meccanismi di difesa contro gli agenti patogeni fungosi

Per la maggior parte della gente, un caso semplice del piede dell'atleta o del tordo può essere rapidamente e trattato facilmente facendo uso di antifungoso non quotato in borsa screma e pillole. Tuttavia, anche con il farmaco, gli agenti patogeni fungosi possono sopraffare un sistema immunitario indebolito e causare le infezioni sistematiche - come nella gente con il HIV/AIDS, o nei destinatari del trapianto di organi, per esempio - comportare un rischio sanitario severo.

Infatti, gli agenti patogeni fungosi sono stati classificati come “gli uccisori nascosti„ e 1,5 milione persone in tutto il mondo stimato muoiono da tali infezioni sistematiche ogni anno. C'è eppure nessuna efficace medicina disponibile per le micosi sistematiche.

Conoscere il nemico
Quando le celle fungose entrano nell'organismo, stanno fuori dalle nostre proprie celle perché “sono inbandierate„ con i reticoli unici degli indicatori molecolari. Questi “reticoli molecolari agente-associati„, o PAMPs in breve, sono riconosciuti dalle proteine di ricevitore sulle celle del sistema immunitario. Questi ricevitori poi attivano la segnalazione delle molecole che avviano una cascata delle funzioni immuni differenti, quale infiammazione, puntata su reclutare le celle immuni all'area infettata. Quelli hanno reclutato le celle immuni poi, per esempio via la produzione delle specie reattive altamente tossiche dell'ossigeno, eliminare gli agenti patogeni fungosi.

“Liberando„ una risposta immunitaria
I albicans del candida è riconosciuto da determinati ricevitori di PAMP, chiamati Dectins ed avvia l'attivazione della molecola di segnalazione SYK. I primi autori dello studio, Gerald Wirnsberger (IMBA) e Florian Zwolanek (MFPL), ora scoperto che la proteina CBL-B funge da “freno„ in questa via: quando CBL-B è presente, l'attività di SYK e di Dectin è inumidita e le risposte immunitarie finalmente “sono passate fuori da„, ma quando CBL-B è assente, Dectin/SYK ottengono sovra-attivati e le risposte immunitarie antifungose protettive accadono.

Facendo uso di questa conoscenza, i due gruppi di ricerca intorno a Josef Penninger (IMBA) e Karl Kuchler (MFPL) - ha progettato un peptide inibitorio per bloccare l'attività di CBL-B e quindi per liberare i meccanismi di difesa contro l'invasione degli agenti patogeni fungosi. Dopo con successo le prove del questo peptide con le celle laboratorio-crescenti, il peptide è stato usato per trattare i mouse infettati albicans del candida. Mentre i mouse non trattati hanno soccombuto all'infezione letale, il trattamento del peptide ha assicurato la protezione completa dalla malattia fungosa.

Gerald Wirnsberger spiega: “Questo lavoro costituisce un paradigma novello nella terapia antifungosa - una modulazione farmacologica della risposta immunitaria ospite mediata da CBLB. Una comprensione fondamentale di come spinta molecolare dei meccanismi o o ammortizza la nostra risposta immunitaria contro il candida che i albicans apriranno la strada per droghe contro le micosi micidiali„.

Source:

Institute of Molecular Biotechnology