Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori studiano il collegamento fra assicurazione sanitaria, tabacco ed uso dell'alcool fra le donne riproduttive dell'età

I ricercatori al banco del postino dell'università di Columbia della salute pubblica hanno studiato la relazione fra copertura di assicurazione sanitaria ed uso dell'alcool e del tabacco fra le donne riproduttive dell'età negli Stati Uniti e se c'erano differenze secondo stato di gravidanza. I risultati hanno indicato che le donne incinte con copertura di assicurazione hanno avute probabilità più basse di uso dell'alcool nel mese passato; tuttavia le probabilità di uso del tabacco non erano commoventi. Per le donne non gravide, la copertura di assicurazione ha provocato le più alte probabilità di uso dell'alcool ma le probabilità più basse di usando il tabacco. Lo studio è pubblicato online nella dipendenza della droga e dell'alcool del giornale.

“L'uso prenatale della sostanza è una preoccupazione importante di salute pubblica e posa le minacce significative contro materno e salute dei bambini,„ ha detto il Dott. Qiana L. Brown, ricercatore postdottorale nel dipartimento dell'epidemiologia ed autore dello studio del primo. “La disponibilità diffusa di assicurazione sanitaria con la Legge accessibile di cura può servire da intervento universale di prevenzione contribuire a diminuire l'uso prenatale della sostanza.„

I ricercatori hanno studiato i dati a partire da 97.788 anni delle età 12 - 44 delle donne che hanno partecipato all'indagine nazionale degli Stati Uniti di uso e di salubrità della droga dal 2010 al 2014. Fra queste donne, 3 per cento erano incinti. Stavano gestendo per l'età, la corsa e l'origine etnica, la formazione, lo stato civile e la povertà, là differenze significative fra le donne incinte e non gravide nella relazione fra uso dell'alcool e dell'assicurazione sanitaria e assicurazione sanitaria ed uso del tabacco.

Una più grande percentuale di donne incinte ha utilizzato l'alcool ed il tabacco nel loro primo acetonide rispetto ai secondi e terzi acetonidi, indipendentemente da stato di assicurazione: 19 per cento hanno bevuto l'alcool nel mese passato durante il primo acetonide e 22 per cento hanno utilizzato il tabacco nel mese passato durante il primo acetonide. Per tutte le donne dell'età riproduttiva, 22 per cento con assicurazione hanno riferito l'uso del tabacco negli ultimi 30 giorni contro 33 per cento delle donne senza copertura. , Fra tutte le donne riproduttive dell'età, 50 per cento di quelli con assicurazione hanno riferito l'uso dell'alcool nel mese passato, confrontato ulteriormente a 47 per cento delle donne non assicurate.

“Le visite prenatali possono presentare una buona opportunità per la schermatura e l'intervento breve per quanto riguarda tabacco e specialmente uso dell'alcool,„ ha notato il co-author Deborah Hasin, il PhD, professore dell'epidemiologia al banco del postino della salute pubblica e nel dipartimento della psichiatria al centro medico di Columbia University. “Specialmente per l'alcool, prova indica che schermare ed il breve consiglio possono essere sorprendente efficaci per i pazienti medici di cui bere è maggior dei livelli consigliabili ma chi non sia alcoldipendente.„

“Inoltre, c'è l'esigenza di maggior attenzione del fornitore di salubrità al fumo fra le donne incinte,„ ha detto la silvia Martins, il MD, il PhD, il professore associato dell'epidemiologia al banco del postino della salute pubblica e un co-author del documento. “I nostri risultati indicano le opportunità mancanti per la prevenzione del tabacco nelle visite prenatali.„

Source:

Columbia University's Mailman School of Public Health