Il Nuovo simulatore della visione permette che i pazienti della cataratta verifichino le progettazioni artificiali della lente prima di impianto

Oggi, i pazienti con le cataratte possono scegliere da parecchi tipi di lenti artificiali, che sono impiantate chirurgicamente nell'occhio per sostituire le lenti nuvolose che ostruiscono la visione. Un nuovo simulatore della visione potrebbe aiutare questi pazienti a vedere come il mondo avrebbe guardato con ogni tipo di lente artificiale impiantata, prima che avessero chirurgia.

Nel giornale Della Società Ottica per l'alta ricerca di impatto, Optica, ricercatori in Spagna descrive e dimostra la loro nuova unità tenuta in mano chiamata il simulatore simultaneo della visione, o SimVis. Con SimVis, i pazienti possono sperimentare come una determinata lente impiantata pregiudicherebbe la loro visione semplicemente guardando tramite l'unità.

“Ci sono molte lenti intraoculari differenti nel servizio, che forniscono i bilanciamenti differenti della visione vicina e lontana,„ hanno detto Aiswaryah Radhakrishan, ricercatore al Instituto de Optica, Consejo Superior de Investigaciones Clientificas, Spagna. “Abbiamo scoperto un modo simulare queste lenti intraoculari ed abbiamo dimostrato un'unità del prototipo che permette che i pazienti verifichino le soluzioni differenti prima che l'ambulatorio e scegliesse quello quel migliori vestiti i loro bisogni.„

Scelta della lente giusta

Nell'ultima decade, le società della lente hanno progettato le lenti intraoculari che non solo sostituiscono la lente nuvolosa dell'occhio ma possono anche correggere la visione del paziente, per diminuire l'esigenza dei vetri. Questa correzione non è perfetta, tuttavia. La lente naturale è allungata dai muscoli nell'occhio per cambiare la sua forma e così dalla sua lunghezza focale, allo spostamento da avere la su-fine ed oggetti lontani nel fuoco marcato sulla retina. Le lenti intraoculari impiantate Corrente non hanno questa capacità da deformare come questa. Invece, le lenti intraoculari standard sono monofocal, la i, e, essi correggono soltanto la visione lontana, che crea la visione marcata per lontano gli oggetti ma la visione vaga per gli oggetti vicino vicino. I Pazienti poi indosserebbero i vetri per correggere vicino. Ci sono egualmente più nuove lenti multifocali che mettono a fuoco sia gli oggetti vicini che lontani sulla retina allo stesso tempo ma con una certa perdita di qualità di immagine e contrappongono per sia le distanze vicine che lontane. Le scelte per monofocal e, lenti intraoculari multifocali particolari continua crescere mentre più progettazioni accedono al servizio.

“Corrente, la decisione su cui la lente intraoculare è impiantata durante la chirurgia della cataratta è basata tipicamente sulle spiegazioni e sull'esperienza nel chirurgo,„ ha detto Carlos Dorronsoro, primo autore del documento. “Ma è difficile affinchè i pazienti immagini la nuova esperienza visiva fornita da alcune di queste lenti, quindi, è molto difficile da prendere la decisione.„

Il SimVis utilizza una lente musicale optoelettronica che deforma in risposta ad una corrente elettrica applicata. Per simulare le lenti multifocali, la forma di questa lente musicale può essere passata così rapidamente che le oscillazioni risultanti nelle posizioni focali possono essere percepite dalla visione umana. Uno sguardo paziente tramite l'unità vederebbe le distanze vicine e lontane a fuoco allo stesso tempo come pure avvertirebbe la perdita di qualità e di contrasto di immagine che viene con le lenti multifocali.

Il lasso di tempo che la lente di plastica rimane in un'attenzione particolare può essere usato per variare la potenza della lente dedicata a quello stato. Per esempio, una lente bifocale con 70 per cento lontani e 30 di per cento di potenza vicina è simulata inducendo lo stato lontano per 14 millisecondi e lo stato vicino per 6 millisecondi e poi ripetendo questo reticolo continuamente.

Collaudo del simulatore di visione

I ricercatori hanno chiesto a nove volontari di usare il SimVis per paragonare le correzioni monofocal, bifocali o del trifocal differenti di fornitura di sette lenti mentre esaminavano un manifesto di un paesaggio, un computer portatile, una compressa e uno smartphone, ai diagrammi ad alto contrasto di occhio e del testo collocati alle distanze differenti. Sulla Base delle simulazioni della lente, i tester hanno indicato le chiare preferenze per determinate correzioni.

“Le lenti favorite o rifiutate erano differenti per i tester differenti, suggerendo la necessità per questo genere di simulazione prima della chirurgia di personalizzare la selezione delle lenti secondo i requisiti pazienti,„ ha detto Dorronsoro. “L'uso Clinico del SimVis potrebbe fornire ad un modo basato a prova valutare i bisogni e le preferenze soggettivi dei pazienti prima che subissero la chirurgia della cataratta.„

I ricercatori ora stanno lavorando ad una versione binoculare del SimVis che è più piccolo e può simulare le lenti differenti in ogni occhio. Comparendo tanto come un casco di realtà virtuale, questa nuova versione del SimVis egualmente sarà più leggera ed avrà un più ampio campo visivo che l'unità dimostrata nel documento di Optica. I ricercatori stanno lavorando per completare le convalide cliniche necessarie in moda da potere vendere commercialmente la versione binoculare di SimVis dall'anno prossimo.

Sorgente: La Società Ottica

Source:

The Optical Society