Il vantaggio aggiunto della droga del cancro polmonare non provata, dice IQWiG

Afatinib (denominazione commerciale: Giotrif) è stato approvato dall'aprile 2016 per il trattamento degli adulti con non piccolo il cancro polmonare localmente avanzato o metastatico delle cellule (NSCLC) dell'istologia squamosa che già hanno ricevuto la chemioterapia. In una valutazione iniziale del vantaggio, l'istituto tedesco per qualità ed il risparmio di temi nella sanità (IQWiG) ora ha esaminato se in questi pazienti questa droga offre i vantaggi sopra la terapia appropriata del comparatore. Secondo i risultati, un vantaggio aggiunto di afatinib per questi pazienti non è provato.

Requisiti della terapia del comparatore non incontrata

Il comitato misto federale (G-BA) ha specificato il docetaxel o - se nessuna ulteriore chemioterapia è indicata per i pazienti - migliore cura complementare come terapia appropriata del comparatore. Il produttore della droga non ha presentato dati per questo secondo problema della ricerca.

Per la prima domanda della ricerca - cioè pazienti che può ricevere ulteriore chemioterapia - il produttore ha citato il Lux-Polmone 8. di studio. In questo studio, tuttavia, il afatinib non è stato paragonato a docetaxel, ma a erlotinib. Il produttore sufficientemente non ha giustificato l'equivalenza terapeutica di queste due droghe nel trattamento dei pazienti con carcinoma spinocellulare. IQWiG quindi ha concluso che non c'era confronto con la terapia appropriata del comparatore che potrebbe essere valutata.

Confronto indiretto senza valore informativo

Inoltre, il produttore ha intrapreso un confronto indiretto con erlotinib come comparatore comune, facendo uso dello studio del Lux-Polmone 8 dal lato del afatinib e gli studi del SARTO dal lato del docetaxel. Tuttavia, il produttore non ha tentato di derivare un vantaggio aggiunto da questo confronto. Le informazioni su progettazione di studio e sui partecipanti allo studio del SARTO erano realmente insufficienti valutare se entrambi gli studi erano sufficiente simili. Inoltre, il dosaggio di docetaxel non ha aderito esattamente al riassunto delle caratteristiche di prodotto e soltanto i risultati sulla sopravvivenza globale sono stati riferiti nell'ambito dei risultati paziente-pertinenti.

Quindi anche dal confronto indiretto nessuna conclusione sui vantaggi o sugli svantaggi di afatinib ha potuto essere derivata. IQWiG quindi ha concluso che un vantaggio aggiunto di afatinib in confronto alla terapia appropriata del comparatore non è provato.

Source:

Institute for Quality and Efficiency in Health Care