Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La pornografia di visualizzazione può avere effetti negativi sulla stabilità coniugale, manifestazioni di studio

L'uso di pornografia dell'inizio è associato con un aumento sostanziale nella probabilità del divorzio per gli Americani sposati e questo aumento è particolarmente grande per le donne, trova un nuovo studio che sarà presentato alla 111th riunione annuale dell'associazione sociologica americana (ASA).

“L'uso di pornografia dell'inizio fra le onde di indagine quasi ha raddoppiato la sua probabilità di divorzio entro il periodo prossimo di indagine, 6 per cento - 11 per cento e quasi triplicato per le donne, 6 per cento - 16 per cento,„ ha detto Samuel Perry, l'autore principale dello studio e un assistente universitario della sociologia all'università di Oklahoma. “I nostri risultati indicano che la pornografia d'esame, in determinate circostanze sociali, può avere effetti negativi sulla stabilità coniugale.„

Nominato, “finché la pornografia ci fa parte? Gli effetti longitudinali di uso di pornografia sul divorzio,„ lo studio usa i dati nazionalmente rappresentativi del comitato di generale Social Survey raccolti da migliaia di adulti americani. I dichiaranti sono stati intervistati tre volte circa il loro uso di pornografia e stato civile -- ogni due anni dal 2006-2010, 2008-2012, o 2010-2014. Lo studio usa una progettazione statistica che i fuochi sul cambiamento dei dichiaranti inizialmente sposati nell'uso di pornografia e sullo stato civile fra l'indagine ondeggia. I dichiaranti che non hanno riferito la pornografia di visualizzazione durante l'anno scorso ad un'onda iniziale, ma hanno agito in tal modo dall'onda successiva sono stati caratterizzati come essendo cominciando l'uso di pornografia. Lo studio poi isola la connessione fra questo cambiamento nell'uso di pornografia e la probabilità dei dichiaranti che sono divorziati da quell'onda di indagine successiva, confrontata alla probabilità del divorzio fra coloro che non ha guardato la pornografia in qualsiasi onda di indagine.

Oltre a studiare l'associazione fra le abitudini cambianti di visibilità di pornografia e la probabilità del divorzio generalmente Perry ed il suo co-author Cyrus Schleifer, un assistente universitario di sociologia all'università di Oklahoma, anche esaminata come l'età, la religiosità e la felicità coniugale hanno moderato il collegamento fra le abitudini cambianti di visibilità di pornografia e la stabilità coniugale.

Mentre cominciavano a guardare la pornografia è stato associato con un aumento nella probabilità del divorzio per il campione degli Americani sposati, l'aumento era maggior per i più giovani adulti. Infatti, lo studio ha trovato che più giovane un adulto fosse quando lui o lei cominciasse a guardare la pornografia, il più alto la sua probabilità di ottenere divorziata dall'onda seguente di indagine.

“I più giovani Americani tendono ad osservare più spesso la pornografia degli Americani più anziani e gli Americani più anziani hanno generalmente matrimoni più stabili poiché tendono ad essere più maturi, stabilito finanziariamente e probabilmente già hanno più tempo investito nella relazione,„ Perry ha detto. “Così, abbiamo pensato che avesse significato perfetto che l'effetto di uso di pornografia sul divorzio si sarebbe sviluppato più debole con l'età.„

L'uso di pornografia dell'inizio egualmente è stato associato con un maggior impatto negativo sui matrimoni di coloro che era meno religioso, che è stato misurato da partecipazione di servizio religioso. Per coloro che non ha assistito ai servizi religiosi ogni settimana o più, cominciando l'uso di pornografia è stato associato con un aumento 6 per cento - 12 per cento nella probabilità di ottenere divorziata dall'indagine seguente. Al contrario, coloro che ha assistito almeno ai servizi religiosi settimanalmente non hanno veduto virtualmente aumento nella loro probabilità del divorzio cominciando osservare la pornografia. Secondo Perry, il fatto che essendo più religioso sembrato per diminuire l'influenza negativa di uso di pornografia sulla stabilità coniugale devia da una certa ricerca precedente.

“Parecchi studi precedenti che trovano un'associazione negativa fra uso di pornografia e qualità coniugale hanno mostrato che l'effetto era più forte per i frequenti praticante,„ Perry ha detto. “Questo era probabilmente perché l'uso di pornografia porta un maggior sociale ed il parapsicologo ha costato per quelli nelle comunità che stigmatizzano il suo uso. Ma i nostri risultati suggeriscono che la religione abbia un effetto protettivo sul matrimonio, anche di fronte ad uso di pornografia. Poiché i gruppi religiosi stigmatizzano il divorzio e danno la priorità alla stabilità coniugale, è probabile che gli Americani sposati che sono esperienza più religiosa di volontà un la maggior combinazione di pressione della comunità e pressione morale interiorizzata restare hanno sposato, indipendentemente dall'effetto della pornografia sulla loro qualità coniugale.„

Ulteriormente, i ricercatori hanno trovato che i dichiaranti inizialmente riferiti a livello di felicità coniugale hanno svolto un ruolo importante nella determinazione della grandezza dell'associazione della pornografia con la probabilità del divorzio. Fra la gente che ha riferito erano “molto felici„ nel loro matrimonio nella prima onda di indagine, cominciante la visibilità di pornografia prima che l'indagine seguente fosse associata con un aumento considerevole -- 3 per cento - 12 per cento -- nella probabilità di ottenere divorziata prima di quell'indagine seguente.

Tuttavia, la pornografia d'inizio usa non ha avuta associazione statisticamente significativa per le persone che hanno riferito inizialmente la felicità coniugale più bassa. “Abbiamo catturato questo per significare che uso di pornografia -- forse se ha scoperto inatteso dal suo coniuge -- potrebbe oscillare un matrimonio altrimenti felice al punto del divorzio, ma non sembra rendere un matrimonio infelice affatto peggiore di già è,„ Perry ha detto.

Interessante, Perry e Schleifer egualmente hanno trovato che la cessazione di uso di pornografia è stata associata con un rischio ridotto di divorzio per le donne. Donne che hanno riferito che pornografia di visualizzazione in un'onda iniziale di indagine e nell'onda successiva ha avuta una probabilità di 18 per cento di divorzio da quell'onda successiva, confrontate ad una probabilità di 6 per cento per le donne che hanno interrotto l'uso di pornografia fra le onde. Ma, fra gli uomini, interrompere l'uso di pornografia non ha avuta associazione statisticamente significativa, che i ricercatori dicessero potrebbero essere dovuto il fatto che gli uomini tendono ad essere più coerenti nel loro uso di pornografia, con conseguente più piccola dimensione del campione per l'osservazione della connessione possibile.

In termini di implicazioni dello studio, i ricercatori hanno detto i loro risultati potrebbero aiutare le coppie per prendere le decisioni più informate circa i fattori che possono pregiudicare i loro matrimoni, ma hanno sottolineato che non stanno suggerendo che una revisione di polizza fosse nell'ordine. “Non abbiamo desiderio di spingere “una pornografia„ l'ordine del giorno di divieto considerando che può essere nocivo ai matrimoni,„ Perry abbiamo detto. “Nessuno di noi è su una crociata morale. Pensiamo che le informazioni siano utili e gli Americani dovrebbero essere informati delle conseguenze potenziali di pornografia in determinate circostanze.„

Source:

American Sociological Association