Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Migrazione interna della mappa dei geografi attraverso tre continenti da contribuire a combattere le malattie infettive

I geografi all'università di Southampton hanno completato i dati della larga scala ed il progetto di mappatura per tenere la carreggiata il flusso di migrazione umana interna nei paesi di reddito medio e di minimo.

I ricercatori dal progetto WorldPop all'università, per la prima volta, hanno mappato la migrazione interna stimata in paesi attraverso tre continenti; L'Africa, l'Asia ed America Latina ed i Caraibi.

Il professor Andy Tatem, Direttore di WorldPop, osservazioni: “Capire come la gente sta muovendo intorno presso i paesi è vitale nelle malattie infettive di combattimento come malaria. Il parassita che causa la malattia può essere rintrodotto rapidamente ad un'area libera di malaria dalle popolazioni altamente mobili.

“Avere una generalità accurata di come le regioni differenti di paesi sono connesse tramite movimento umano aiuta l'efficace pianificazione del controllo di malattie ed aiuta le risorse dell'obiettivo, quali i netti del letto o gli ufficiali sanitari trattati della comunità, nei giusti posti. Avere dati per tutti i paesi di reddito medio e di minimo attraverso tre continenti notevolmente aiuterà il controllo di malattie e la pianificazione di eliminazione sui disgaggi globali e regionali.„

Lavorando con i colleghi alle fondamenta di Flowminder e di supporto da Bill e dalle fondamenta di Melinda Gates, i ricercatori hanno usato i microdati di censimento (informazioni di censimento anonimizzate al livello determinato) per modellare i preventivi dei flussi di migrazione presso i paesi e poi hanno prodotto una serie di mappe per rappresentare visivamente i dati. La pubblicazione “che mappa la connettività interna con la migrazione umana nei paesi endemici di malaria pubblicati nei dati scientifici dettaglia i metodi che hanno impiegato e presenta i dati liberamente disponibili.

Il Dott. Alessandro Sorichetta dell'autore principale dall'università di Southampton dice: “Originari i dati censuali da intorno 40 paesi differenti ed abbiamo prodotto le mappe dettagliate di migrazione della popolazione su un disgaggio non veduto prima. Mostrano i Web della connettività presso i paesi - indicare flussi di minimo e massimi della gente che si muove fra le posizioni differenti.„

Le figure dall'organizzazione internazionale per migrazione e la banca mondiale indicano che, senza rappresentare i migranti stagionali e temporanei, più di un miliardo genti vivono fuori del loro luogo d'origine - 740 milioni come “migranti interni„. La mobilità umana si pensa che continui ad aumentare, creando un intervallo degli impatti, quali le specie, la diffusione di farmacoresistenza e le pandemie dilaganti di malattia.

Osservazioni di Dott. Sorichetta: “È cruciale noi ci capisce la mobilità umana, in modo da può quantificare l'effetto che ha sulle nostre società e sull'ambiente e fornire la prova ben fondata per supportare lo sviluppo delle polizze per affrontare le emissioni, quali i problemi sanitari di salute pubblica.„

I ricercatori ora stanno integrando i preventivi di migrazione con i dati su prevalenza di malaria - contribuendo ad informare l'eliminazione regionale ed i piani di eradicazione globali per la malattia. Ugualmente, credono che i dati potrebbero essere usati per supportare le strategie regionali di eliminazione e di controllo per altre malattie infettive, per esempio, la schistosomiasi, la cecità di fiume, il HIV, la febbre rompiossa e la febbre gialla. Ancora, i gruppi di dati hanno potuto contribuire ad informare le decisioni nei campi di commercio, della demografia, del trasporto e dell'economia.

Source:

University of Southampton