Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio suggerisce che i mutamenti strutturali nella guida del cervello facciano fronte alle situazioni stressanti

La gente che avverte la perdita del posto di lavoro, il divorzio, la morte di caro o le sollevazioni qualsiasi numero di vita adotta spesso i meccanismi di reazione per rendere la situazione meno traumatica.

Mentre queste strategie si manifestano come comportamenti, una Princeton University e gli istituti nazionali dello studio di salubrità suggerisce che la nostra risposta alle situazioni stressanti provenga dai mutamenti strutturali nel nostro cervello che permettono che noi ci adattiamo ad agitazione.

Gli studi intrapresi con i ratti adulti hanno indicato che i cervelli degli animali stati minacciati dalle rotture nella loro gerarchia sociale hanno prodotto ben meno nuovi neuroni nell'ippocampo, la parte del cervello responsabile di determinati tipi di regolamenti di sforzo e di memoria. Ratti che esibiscono questa mancanza di crescita della cellula cerebrale, o neurogenesis, reagito alla sollevazione circostante favorendo la società dei ratti esperti sopra quella dei ratti sconosciuti, secondo un documento pubblicato nel giornale di neuroscienza.

La ricerca è fra il primo per mostrare quel neurogenesis adulto -- o la mancanza di ciò -- ha un ruolo attivo nella modellatura il comportamento sociale e dell'adattamento, ha detto la prima maya Opendak dell'autore, che ha ricevuto il suo Ph.D. in neuroscienza da Princeton nel 2015 ed ha condotto la ricerca come dottorando. La preferenza per i ratti esperti può essere un comportamento adattabile avviato tramite la riduzione della produzione del neurone, ha detto.

“i neuroni Adulto-nati sono pensati per avere un ruolo nel rispondere a novità e l'ippocampo partecipa ai conflitti di risoluzione fra gli scopi differenti per uso nel processo decisionale,„ ha detto Opendak, che ora è un ricercatore postdottorale del bambino e della psicologia adolescente alla scuola di medicina di New York University.

“I dati da questo studio la suggeriscono che la ricompensa di novità sociale possa essere alterata,„ hanno detto. “Effettivamente, attaccare con un partner conosciuto piuttosto che avvicinandosi ad uno sconosciuto può essere utile in alcune circostanze.„

I risultati egualmente indicano che le risposte comportamentistiche ad instabilità possono essere misurate di scienziati sono venuto a prevedere, l'autore Elizabeth senior spiegata Gould, professore del Dorman T. Warren di Princeton della presidenza di dipartimento e della psicologia. Gould ed i suoi co-author sono stati sorpresi che i ratti interrotti non ne non video c'è ne dei segni stereotipati di emergenza mentale quale perdita di memoria o di ansia, ha detto.

“Neppure di fronte a che cosa sembra essere una situazione molto perturbatrice, c'era una risposta patologica negativa non ma un cambiamento che potrebbe essere osservato come adattabile ed utile,„ ha detto Gould, che egualmente è un professore della neuroscienza nell'istituto della neuroscienza di Princeton (PNI).

“Abbiamo pensato che gli animali fossero più ansiosi, ma stavamo facendo la nostra previsione basata su tutta la tendenziosità nel campo che la rottura sociale è sempre negativa,„ lei abbiamo detto. “Questa ricerca evidenzia il fatto che gli organismi, compreso gli esseri umani, sono in genere resilienti in risposta a rottura e ad instabilità del sociale.„

I co-author sul documento includono: Giglio Offit, che ha ricevuto il suo diploma di maturità classica in psicologia e neuroscienza da Princeton nel 2015 ed è ora un assistente di ricerca al centro medico di Columbia University; Patrick Monari, uno specialista di ricerca in PNI; Timothy Schoenfeld, un ricercatore postdottorale agli istituti della sanità nazionali (NIH) che hanno ricevuto il suo Ph.D. in psicologia e neuroscienza da Princeton nel 2012; Anup Sonti, un ricercatore di NIH; ed erica Cameron, un ricercatore principale di NIH del neuroplasticity.

Lo studio è insolito per l'imitazione della struttura sociale vera dei ratti, Gould ha detto. I ratti vivono nelle società strutturate che contengono un singolo maschio dominante. I ricercatori hanno collocato i ratti in parecchi gruppi che consistono di quattro maschi e di due femmine dentro ad un grande sistema di chiusura conosciuto come un sistema visibile di tana. Poi hanno riflesso i gruppi finché il ratto dominante in ciascuno non emergesse e fosse identificato. Dopo alcuni giorni, gli alfa ratti di due comunità operazione swap, che reignited il concorso per dominanza in ogni gruppo.

I ratti dalle gerarchie interrotte video la loro preferenza per i colleghi esperti sei settimane dopo quei periodi turbolenti, e nel frattempo il neurogenesis era diminuito da 50 per cento, Opendak hanno detto. (Tutti i neuroni generati durante il periodo di instabilità richiederebbero quattro - sei settimane da incorporare nei circuiti degli ippocampi, ha detto.)

Quando i ricercatori chimicamente hanno riparato il neurogenesis adulto in questi ratti, tuttavia, l'interesse degli animali in ratti sconosciuti restituiti apre-rottura livella. Allo stesso tempo, i ricercatori hanno inibito la crescita del neurone nei ratti transgenici “del naïve„ che non avevano avvertito la rottura sociale. Hanno trovato che la mera cessazione del neurogenesis ha fornito gli stessi risultati della rottura sociale, specialmente una preferenza per spendere il tempo con i ratti esperti.

“Questi risultati indicano che la riduzione in nuovi neuroni è direttamente responsabile di comportamento sociale, qualcosa di cui non sia stato indicato prima,„ Gould hanno detto. Il meccanismo esatto dietro come la crescita più bassa del neurone portata a al cambiamento di comportamento non è ancora chiara, ha detto.

Bruce McEwen, professore della neuroendocrinologia alla Rockefeller University, ha detto che la ricerca è “un passo avanti principale„ negli sforzi per esplorare il ruolo della circonvoluzione dentate -- una parte dell'ippocampo -- nel comportamento sociale e nell'efficacia dell'antideprimente.

“La circonvoluzione dentate ventrale, dove hanno trovato questi effetti, ora è implicata nei comportamenti in relazione con l'umore e nella risposta agli antideprimente,„ ha detto McEwen, che ha una conoscenza di con la ricerca ma non ha avuto ruolo.

“La connessione a comportamento sociale indicato qui è un'aggiunta importante perché il ritiro sociale è un aspetto chiave della depressione in esseri umani e l'ippocampo anteriore in esseri umani è l'omologo dell'ippocampo ventrale in roditori,„ McEwen ha detto. “Sebbene ci sia no “il modello animale„ della depressione umana, i diversi comportamenti quale l'evitare sociale ed il cervello cambia quale il neurogenesis, è stato molto utile nel delucidamento dei meccanismi del cervello nella depressione umana.„

A questo punto, le dimensioni a cui il meccanismo esatto ed i cambiamenti comportamentistici i ricercatori osservati nei ratti si applicherebbero agli esseri umani è sconosciuto, Gould e Opendak hanno detto. La conclusione globale dello studio, tuttavia, che la rottura sociale e l'instabilità piombo ai cambiamenti neurologici che ci aiutano a fare fronte meglio sono probabilmente universali, hanno detto.

“La maggior parte della gente avverte una certa rottura nelle loro vite e l'elasticità è la risposta più tipica,„ Gould ha detto. “Dopo tutto, se gli organismi rispondessero sempre allo sforzo con la depressione e l'ansia, è esseri umani in anticipo improbabili la avrebbe fatta perché la vita nel selvaggio è molto stressante.„

“Per la gente che è esposta frequentemente a rottura sociale, il nostro modello animale suggerisce che questi curriculum personali possano essere accompagnati dai cambiamenti a lungo termine nella funzione del cervello e nel comportamento sociale,„ Opendak ha detto. “Sebbene speriamo che i nostri risultati possano guidare la ricerca sui meccanismi di elasticità in esseri umani, è importante come sempre esercitare l'avvertenza quando estrapolano questi dati attraverso le specie.„

Source:

Princeton University