Avanzamenti nella ricerca del cervello dal HM paziente: un'intervista con Dott. Jacopo Annese

Dr. Jacopo AnneseTHOUGHT LEADERS SERIES...insight from the world’s leading experts

Jacopo Annese, presidente e direttore generale l'istituto per il cervello e la società, di un'organizzazione senza scopo di lucro dedicata alla neuroscienza di democratizzazione ed a fare gli strumenti della neuroscienza e di una conoscenza circa il cervello più disponibile al pubblico, discute il suo lavoro sulla libreria del cervello umano.

In che modi può il cervello umano essere studiato?

Ci sono corrente due modi di esame del cervello umano. Possiamo esaminare il cervello non invadente, facendo uso delle tecniche quali imaging a risonanza magnetica (MRI) e tomografia automatizzata.

Metodi di esame del cervello da AZoNetwork su Vimeo.

MRI è una tecnica meravigliosa perché, sebbene la risoluzione sia bassa, ancora permette abbastanza una visualizzazione dettagliata del cervello, mentre la persona è viva.

Potete usare quello per prendere le decisioni circa il trattamento o per vedere che cosa sta accendendo. Tuttavia, poichè è risoluzione molto bassa, non tutte le risposte possono essere trovate.

L'altro modo di esame del cervello è post mortem, che è necessario quando volete vedere il tessuto ad un livello microscopico.

Le tecniche istologiche sono usate per elaborare il tessuto cerebrale ed esaminare le diverse celle e fibre e quindi per osservare i fenomeni patologici che creano la malattia.

Per esempio, con il morbo di Alzheimer quando esaminate il cervello facendo uso di MRI, potete vedere shriveling, o una perdita nella massa, ma realmente non vedete la lesione reale dell'marchio di garanzia di Alzheimer, che è le placche, i grovigli.

Per vedere quelli, dovete lavorare post mortem sopra, cervelli donati. Li affettate e macchiate le fette (che è realmente una vecchia procedura come l'istologia ha cominciato 200 anni fa).

È ancora il solo modo che dobbiamo esaminare le diverse celle ed i trattamenti che hanno causato la malattia. È estremamente importante ed è ancora il sistema monetario aureo.

Attualmente naturalmente, appena come niente altro, questo ramo della neuroscienza ha fornito il dominio digitale e così ora usiamo la rappresentazione digitale per esaminare le celle.

Possiamo catalogarli e ci sono bei, strumenti quantitativi che permette che noi studiamo il cervello determinato nella risoluzione microscopica.

Immagine del cervello congelato al livello dei lobi frontali durante la procedura di taglio.

Immagine del cervello congelato al livello dei lobi frontali durante la procedura di taglio.

Quanto i cervelli variano da personale?

Che interessato me il la maggior parte, come scienziato del cervello, non ero così tanto che cosa in comune in termini di anatomia del cervello, ma che cosa distingue ciascuno determinato.

Dal cervello e dalla sua connettività, il modo che si sviluppa ed il modo matura è molto unico, più in modo da che qualunque altro organo dell'organismo, è molto differente in gente differente.

Mappatura dell'universo del cervello da AZoNetwork su Vimeo.

Non c' è un cervello che assomigli ad un altro. Anche in gemelli monozygotic, i cervelli sono differenti, perché i gemelli si sono sviluppati, sollevato diversamente e scelte differenti operate. È realmente meraviglioso.

Ecco perché parliamo del cervello come universo personale, perché potreste mai non realmente smettere di studiare il cervello. Anche se avete mappato precisamente il cervello di un essere umano, quasi dovreste cominciare da zero quando avete mappato il cervello di qualcun altro.

Amo la tecnologia permettendoci di digitalizzare un cervello a cellulare e perfino a sotto risoluzione cellulare. Quando zummate, trovate che i livelli ed i livelli di dettaglio e poi le differenze fra due cervelli diventano in modo schiacciante.

Essenzialmente, abbiamo voluto catalogare i cervelli, che è perché ho chiamato il nostro progetto la libreria del cervello piuttosto che la Banca del cervello.

La nostra funzione non è così tanto di ricevere un esemplare del cervello, di elaborarlo e distribuirlo, ma ricevere quel cervello donato, virtualizzarlo, catalogarlo e fare tutte quelle informazioni quali le immagini ed i dati che estraiamo da quel cervello particolare, disponibili all'più ampia comunità di ricerca possibile.

Come facciamo quello? Con il Web. Essenzialmente digitalizziamo tutto e poi è messo in un formato, nelle immagini o nei dati, che possono finalmente essere scaricati dalla nuvola. Li chiamiamo cervelli del ` nella nuvola', che è un'immagine molto sconosciuta.

Stiamo cominciando ad esaminare le malattie differenti quali Alzheimer e Parkinson, non come le malattie che agiscono lo stesso modo in ogni paziente, ma realmente malattie che seguono il reticolo determinato della connettività del cervello.

Appena come se esaminaste due città diverse dal satellite facendo uso di Google Maps; vedereste una carta stradale differente per San Diego che la carta stradale per LA.

Il cervello di H.M. è incassato in un blocchetto della gelatina

Il cervello di H.M. è incassato in un blocchetto della gelatina.

Chi era paziente H.M. e perché era lui famosi?

La molta motivazione per creare l'infrastruttura tecnologica per la maggior parte della libreria del cervello umano proviene da uno particolare, caso iconico in neuroscienza, che è il caso del paziente H.M. Ora sappiamo che il suo nome era Henry Molaison.

Quando era un giovane ragazzo, ha sofferto dall'epilessia. Ha subito la neurochirurgia quando era nel suo fine anni '20 e una parte del lobo temporale è stata eliminata da entrambi gli emisferi.

Ciò era nel 1953 ed i chirurghi non hanno saputo allora, quello che abbiamo bisogno di quelle aree di creare le memorie. Quando questo paziente ha svegliato, non potrebbe creare le nuove memorie e si è trasformato nel amnesiac più famoso in cronologia della neuroscienza.

È morto nel 2008. L'osservatorio del cervello è stato chiesto per creare una mappa del suo cervello, perché già avevamo sviluppato la nuova tecnologia.

Potevamo istologicamente elaborare un intero cervello umano in un pezzo solo. Il progetto si è trasformato in più circa la condivisione di dati.

Da migliaia di pubblicazioni era stato scritto circa lui in 50 anni o più e perché era così iconico, che cosa ho voluto fare con questo cervello molto famoso, era di creare un cervello di open source.

Invece di una collezione che si sarebbe seduta in qualcuno il laboratorio per anni e le decadi, ho voluto dividere questo cervello con la comunità scientifica.

Dott. Annese durante i preparati per tagliare

Dott. Annese durante i preparati per tagliare.

Come avete effettuato lo scansione per il paziente H.M. e quanto c'è voluto?

Il progetto ha cominciato svilupparsi nelle fasi differenti. Una fase molto emozionante stava conservando questo cervello sotto forma di diapositive, in modo da stava affettando e macchiando - era quasi come uno studio legale.

Lo scopo era di capire che cosa i chirurghi hanno fatto nel 1953 che creato questa sindrome, questa amnesia. Essenzialmente ha iniziato il ramo della memoria umana, ma nessuno realmente aveva guardato dentro il cervello di questo paziente, perché non potete realmente fare dettagliatamente quello fino a donare il cervello.

Abbiamo voluto capire che cosa è accaduto durante quell'ambulatorio fatidico. Abbiamo dovuto creare una collezione istologica per potere vedere la lesione in dettaglio microscopico.

L'altra parte, che è appena come eccitando, era che, poichè facciamo quello, criamo un archivio digitale in moda da non pubblicare appena questi informazioni in un articolo scientifico, ma realmente è divisa con la comunità scientifica.

Inoltre, abbiamo voluto dividerlo con il pubblico perché il pubblico ha saputo circa H.M., particolarmente dopo che è morto.

Le notizie sono uscito e la sue identità e cronologia sono state rivelate. Egualmente si è trasformato in in un caso molto affascinante. Se esaminate allora i media e le notizie nel 2009, tutti stavano parlandolo di.

Dott. Annese che taglia il cervello

Dott. Annese che taglia il cervello.

La prima fase era la metodologia in laboratorio per elaborare gli esemplari del cervello e per formare una collezione istologica. Il punto seguente era di virtualizzare questa raccolta istologica.

La terza fase era di metterlo a disposizione con il Web ed essenzialmente di creare i file che la gente potrebbe osservare sopra il Web, a casa sui loro computer o ad un laboratorio in Germania o nel Giappone, o dovunque fossero.

Quando si tratta della divisione delle immagini di dati del cervello acquistato con MRI, l'output è immagini digitali. È diretto; potete creare semplicemente i " server " di immagine e gli ospedali usano i sistemi di comunicazione di archiviatura e di maschera (PACS) dove queste immagini digitali sono messe a disposizione.

La divisione delle immagini del tessuto reale che acquistiamo dalle diapositive fisiche e istologiche comprende una sezione trasversale, una fetta fisica reale di cervello che è stato montato su vetro ed è stato macchiato per rivelare le fibre.

C'è una quantità di informazioni enorme all'interno di questi 20 micron della fetta, che è montata sulla diapositiva. Quando zummate, vedete i diversi assoni che vengono dai neuroni differenti. Potete o non potete vedere, è una macchia molto più debole, ma c'è un'altra tintura che usiamo essenzialmente per macchiare i neuroni nelle fette.

Considerando che usiamo le particelle d'argento per attaccare agli assoni per queste macchie particolari, questa è una tintura quella bastoni a DNA dentro le celle. Di conseguenza, possiamo individualizzare e contare ogni cella. Ci sono probabilmente centinaia di migliaia di celle appena in questo. Per ogni cervello, criamo circa 2.500 - 3.000 di questi.

Come gli scanner hanno avanzato dal post mortem del paziente H.M?

Nel 2008, quando abbiamo cominciato con il progetto H.M., avevamo modificato i microscopi per fare questo lavoro.

Ciò è formato molto ampio; la superficie che abbiamo bisogno dell'immagine è molto grande, che era, naturalmente, un grave ostacolo, perché catturando le maschere microscopiche di così ampio formato, ci catturerebbe circa un giorno e una metà, circa 19 ore.

La vostra conduttura ottiene in ritardo quando avete tanti. Immagini la catena di montaggio; create molte fette e poi tutte ottengono riempite nella fase di digitalizzazione.

Digitalizzazione della patologia da AZoNetwork su Vimeo.

Attualmente, la tecnologia è migliorato molto. C'è riga scanner e la tecnologia che possono essenzialmente fare che cosa abbiamo usato per fare in 19 ore in appena un'ora.

H.M. era un cervello, ma lo scopo della libreria del cervello umano è di digitalizzare 1.000 cervelli, perché vogliamo avere una sezione trasversale dei pazienti differenti e similarmente, della gente differente senza disordini neurologici.

Per rappresentare la validità, dobbiamo avere moltissimi cervelli. Ogni cervello, una volta digitalizzato, è potenzialmente 1 petabyte dei dati, in modo dalle sfide sono nella velocità e nella facilità della digitalizzazione, la conduttura e poi, naturalmente, stoccaggio.

La tecnologia è venuto al nostro salvataggio in un certo senso, nel corso del progetto, perché ora la compressione di immagine è diventato molto meglio. Ciò significa che potete ancora prevedere il dettaglio avete bisogno di, ma in file, sono molto più piccoli di hanno dovuto essere prima.

La velocità della digitalizzazione egualmente è migliorato molto che, che è determinante per noi, perché dobbiamo fare migliaia e migliaia delle diapositive disponibili ai ricercatori.

TissueScopeLE

Vogliamo dividere i nostri microscopi e creare un microscopio virtuale che la gente può utilizzare, dovunque siano. Penso che questa tecnologia potrebbe essere messa a disposizione non solo agli esperti, ma di chiunque che possa osservare le immagini tramite schermo.

Per esempio, uno studente della scuola secondaria che fa un progetto circa il cervello umano, può volere mostrare alcune maschere dei neuroni. Piuttosto che andando googlare ed esaminando alcune maschere casuali, potrebbero accedere alla libreria del cervello, scegliere che la persona particolare essi avrebbe voluto rappresentare ed esaminare le aree del loro cervello.

La motivazione per fare i preparati è egualmente importante poiché questa tecnologia è quasi come controllo di qualità per il molto lavoro che facciamo perché, ora, non possiamo nascondere qualche cosa.

Non vorrei mai nascondere qualche cosa, ma quando tutti voi devono presentare la vostra immagine in un giornale pubblicato, sono un quadrato di un-pollice, voi devo scegliere che cosa è il migliore modo di presentazione dei vostri dati, i vostri risultati.

Questo modo, tuttavia, posso avere dati supplementari per il mio documento e mostrare loro tutto. Anche se nel giornale reale sta andando soltanto essere un campione, il lettore può poi andare online ed osservare l'intero cervello.

Per me, quella è la responsabilità, perché se quel cervello non è ben fatto, quindi la gente sta andando dire “oh sì, che l'immagine è sembrato piacevole, ma il resto del cervello è terribile„ o “aspetti un minuto, questo non abbina.„

È buono da avere responsabilità nella ricerca e penso che questa tecnologia possa contribuire molto verso quella.

Quando, quando abbiamo digitalizzato la prima serie di diapositive da H.M., avevamo costruito i microscopi che ci abbiamo costruiti da un certo modello di base ri-avevano costruito. Era un bit di un pezzo di strumentazione Frankenstein tipo.

La strumentazione nuova di sviluppo e la nuova tecnologia è un trattamento molto lungo e costoso, in modo da era allora un investimento enorme per il mio laboratorio.

Era giusto per uno scenario prodotto su commissione; una volta che lo otteneste fatto era grande, ma era evidente che se dovessimo industrializzare quel trattamento, poi non sarebbe stato pratico perché egualmente ha richiesto molto tempo del tecnico di installare.

Ora, la tecnologia ha avanzato in modo che invece di un microscopio, in termini di velocità, fosse quasi come un documento che è scandito su uno scanner a base piatta molto di alta risoluzione.

La tecnologia della digitalizzazione dei questi istologici, patologica, diapositive è più simile ad uno scanner a base piatta che un microscopio.

La sfida là per l'industria e coloro che ha sviluppato questa, è, naturalmente, guadagnante o acquistante le immagini alle più alte velocità e con il maggior dettaglio.

Per noi, che cosa era importante, era di accelerare il trattamento della digitalizzazione dei materiali perché quando avete le centinaia e migliaia di diapositive, voi non vuole essere tenuto indietro. A noi almeno, questa nuova tecnologia è molto importante perché abbiamo volumi di diapositive molto grandi.

Il progetto è ambizioso. Se volete archivare le centinaia di migliaia di diapositive che rappresentano dettagliatamente ciascuno dei cervelli di questa gente, dobbiamo creare questo archivio in un modo più veloce.

L'altro punto è, ancora, il formato di file e la capacità dividerla con altri ricercatori. Non c'è realmente punto nell'avere tutte questi informazioni digitali sul mio disco rigido in laboratorio, ma con compressione ed usando la tecnologia della nuvola, questo può essere diviso.

Potete descrivere prego il progetto che corrente state lavorando sopra con il cervello di un pittore? Che cosa sono gli obiettivi principali di questo lavoro?

Uno di ultimi casi che abbiamo digitalizzato era il cervello donato da una persona che era un artista, un pittore che si è specializzato nei cavalli della pittura. Ciò era molto interessante me, personalmente, perché essenzialmente stavamo creando l'arte - il cervello art.

Queste immagini sono molto belle esaminare ed alcune macchie sono solo splendide. Le produciamo come arte che potrebbe essere video in una casa o in un ufficio.

L'idea del genere del cervello di questo artista di oltrepassare in più arte, la fa sembrare quasi come se non abbia rifinito creare l'arte, anche dopo che era passato.

Abbiamo esaminato il suo cervello per scoprire che cosa gli ha reso un artista e come il suo cervello gli ha permesso di avere quel talento.

Abbiamo saputo che c'erano documenti pubblicati recentemente, quel MRI usato per dare un parere dell'esterno dell'anatomia lorda del cervello e che abbiamo indicato che ci sono alcune morfologie potete trovare nel cervello della gente che è formata in trafilatura.

Realmente lontano-non sarà prelevato più per considerare che cosa è circa il cervello di una persona che permette loro di essere un artista.

Ecco perché facciamo che cosa facciamo. Oltre ad essere uno strumento affinchè la diagnosi contribuisca a trovare i trattamenti per le malattie, l'idea della libreria del cervello è di provare realmente a capire che cosa è alla base di essere umano. Per esempio, che cosa incita la gente a scegliere una professione o ad avere passioni che sono differenti da quelle di qualcun altro.

In questo caso, questa era una persona che ha scoperto nella fase iniziale che ha avuto un talento e perseguito quello come carriera. Sono convinto che stiamo andando trovare qualcosa nel suo cervello. Dobbiamo studiare molti cervelli degli artisti, perché un risultato è soltanto aneddotico.

Se vediamo le differenze fra il suo cervello ed il cervello di qualcuno che non sia un artista, che sia forse un uomo d'affari, o un ingegnere, non possiamo poi trarre le conclusioni.

Ecco perché la libreria del cervello umano deve raccogliere tanti cervelli. Dobbiamo generalizzare le informazioni soggettive da ogni persona determinata, in alcuni reticoli in cui possiamo poi dire “sì, questo realmente siamo veri.„

Ciò è che cosa ora fanno con MRI, perché è più facile. Potete reclutare 30 persone, eseguite le scansioni, con l'ogni 10 minuti di cattura e tutti vanno a casa felici. Nessun cervello donato è richiesto ed è molto più semplice.

Ci sono studi di MRI su migliaia di gente, esaminanti i reticoli fra la gente con una malattia o confrontanti la gente che fa determinate cose.

Ciò è il livello seguente di analisi. È post mortem, in modo dallo rende un poco più macabro come progetto, ma eppure affascinando, perché realmente stiamo esaminando la biologia di fondo di cui questa gente era quando erano vive.

Quello la rende molto umana ed è perché la chiamiamo la libreria del cervello umano. Connettiamo la persona al cervello. La gente differente ha cervelli differenti e mentre zummate, trovate che le differenze ottengono sempre più più grandi.

L'un giorno, avremo mappe che essenzialmente ci diranno che questa è come gli artisti sono collegati e permetterci di esaminare le root di creatività, le root del genio, se. Al giorno d'oggi, è molto semplicistico.

Ci sono scienziati, ci sono artisti, ma lo scienziato potrebbe essere un artista, altrettanti scienziati è. Vivono la loro scienza come arte, o sono molto artistici nel modo che fanno la loro scienza.

Penso che i cervelli di questa gente ci dicano di che cosa sono realmente capaci. L'un giorno, possiamo anche potere predire se un bambino potrebbe essere un buon artista, in base a cui il loro cervello assomigliato.

Possono essere un ingegnere, ma dovremmo sapere. C'è la gente che scopre che la pittura e quella essi hanno talento quando sono 80, perché non hanno avute mai l'opportunità di scoprirla prima, ma il loro cervello già sarebbe stato collegato per permetterli di fare quello. Se avessero saputo, potrebbero iniziare la verniciatura più presto.

Come pensate questa tecnologia urterete la ricerca del cervello che si muove in avanti?

Il campo della neuroscienza, appena come qualunque altro campo di scienza, è diventato molto fiducioso nella tecnologia. Dipende dal ricercatore o dallo scienziato per mantenere una svista ed il suo proprio giudizio perché la tecnologia può anche assumere la direzione di.

Potete delegare la scienza la tecnologia, ma che cosa fa le scoperte è intuizione umana. È il bilanciamento di questi due, quando l'intuizione umana può usare la tecnologia per la scoperta, che piombo ultimamente a tanti avanzamenti.

In termini di tecnologie digitali per l'anatomia o la patologia, l'avanzamento di grande era di potere dividere questi informazioni. Prima, ogni laboratorio di ricerca dell'ospedale ha avuto loro proprie collezioni ed era molto insulare.

Ora, c'è definitivamente più collaborazione. Ciò ha permesso alla inter-convalida fra i laboratori differenti e molta cooperazione. Per esempio, qualcuno nel Giappone potrebbe studiare le stesse immagini che sto studiando qui nel mio laboratorio.

Potremmo farlo insieme ed allo stesso tempo, come una teleconferenza. Vederebbero lo stesso dettaglio che faccio e sto lavorando allo stesso caso.

Quello è che cosa è realmente buono circa questa tecnologia. Penso in futuro, se avessi una società che ha creato questo ordinamento della tecnologia, la tirata dovrei renderlo facile da usare come possibile.

Il limite fra scienza ed i consumatori sta offuscando.

Sto usando i generi di consumo sempre più disponibili immediatamente per effettuare la mia ricerca. Il computer che sto sedendomi accanto a ha 192Gb di RAM.

Quando lo ho comprato, ha costato circa $11.000. Ora, è metà dei prezzi ed ha 250Gb di RAM. Lo abbiamo bisogno di manipolare i volumi che criamo dalla rappresentazione che sono molto, molto grande in termini di dimensione.

Per 50-60 GB, abbiamo bisogno di molta memoria di RAM di potere prevedere i dati, ma ora è diventata accessibile.

Penso che questo trattamento stia andando continuare e, nel caso di uno scanner del microscopio, per esempio, finalmente chiunque dovrebbe potere usarlo.

Non dovreste conoscere MATLAB o come programmare. Non dovreste sapere usare o essere preparato su software molto difficile.

Penso che il punto seguente sia di fare questa tecnologia, che è software scientifico e hardware, altrettanto di facile impiego quanto la macchina fotografica che comprate in una memoria perché la gente che incita i generi di consumo a sapere che se sono troppo difficili da usare, la gente sta andando appena lasciarle soli.

Gli scienziati ancora hanno molti dottorandi che possono sedersi là per i giorni che capiscono come il software funziona. Penso che le curve di apprendimento ripide che vediamo sempre nel nostro campo dovrebbe eliminarsi.

Dovrei potere fare che cosa faccio gli studenti di raccolto dalla scuola secondaria, che sono molto più astuti di sono già, con molte tecnologie che non so usare. Penso che è il punto seguente.

Sezioni del tessuto montate sulle lastre di vetro prima della macchiatura

Le sezioni del tessuto hanno montato sulle lastre di vetro prima della macchiatura.

Potete dirci un po'circa il concetto dell'osservatorio del cervello?

L'idea dietro l'osservatorio del cervello è un laboratorio che è egualmente aperto al pubblico. Considerando che i laboratori o i centri di ricerca la hanno solitamente i giri organizzati e, occasionalmente, una manifestazione e dice, non è realmente lo spazio in cui la ricerca accade ed il pubblico non è generalmente sui locali.

Vogliamo avere una posizione che sarà molto accessibile, in modo da realmente vogliamo averlo città, accanto ad altre vendite al dettaglio, che attirano il traffico di piede.

La nostra iniziativa senza scopo di lucro è circa salubrità del cervello, vogliamo mettere a disposizione la scienza direttamente e le informazioni e la conoscenza circa il cervello accessibile al pubblico.

Un modo di farlo è un approccio al minuto al laboratorio. Apriremmo questi osservatori del cervello in città differenti, essi essenzialmente saremmo sale d'esposizione viventi della ricerca e della scienza, perché i ricercatori realmente stavano lavorando là, ma ci egualmente sarebbero aree che sono come una mostra del cervello, un museo del cervello.

Immagini “la mostra degli impianti di organismo„, ma per il cervello. Potete immaginare avere, naturalmente, commputer di MRI in moda da potere realmente anche usare la gente quella posizione per avere scansioni di MRI.

Se voleste essere ancor più creativo, potreste avere self-service. Sappiamo che i self-service o l'alimento attirano il traffico di piede ed oggi, musei, per esempio, tutti hanno self-service.

In questo caso, sarebbe un self-service o un ristorante di tema intorno ad alimento che è sano per il cervello. Quello egualmente servirebbero la nostra missione educativa, per rendere la gente informata circa quali alimenti e gli stili di vita è il cervello sano e quale non sono.

La missione dell'istituto per il cervello e la società era essenzialmente di fare la conoscenza e gli strumenti i ricercatori o i professionisti di sanità che a disposizione al pubblico e basicamente metterle a disposizione di tutti, compreso il layperson. L'idea è di democratizzare le tecnologie che sono realmente molto utili nei termini come i nostri cervelli stanno facendo.

Per metterla appena nel contesto, ora controlliamo ordinariamente la nostra pressione sanguigna; controlliamo le nostre interfacce per vedere se ci sono mole che potrebbero essere maligne e generalmente facciamo molti controlli sanitari sistematici che ora catturiamo per accordato.

Il solo organo che non controlliamo regolarmente è il cervello. Penso che tutti abbiano acconsentito che il cervello è probabilmente una della maggior parte delle parti importanti di nostro organismo.

Senza mio cervello, non potrei parlare di questo e non potrei ottenere il mio grado. Non potrei anche amare chi ho amato nella mia vita.

A mio parere, è stata sempre sconosciuta a me, che la gente non sembra interessata nel controllo come i loro cervelli stanno facendo e non è perché sono un neuroscenziato.

Faccio sempre un'analogia con la scatola nera di un aeroplano. Se le cadute di aeroplano, poi i tecnici esaminassero la scatola nera per provare a scoprire che cosa è accaduto. Ciò è realmente come ora usiamo i sistemi diagnostici per il cervello.

Se avessi un sintomo di un colpo, quindi finalmente un medico mi farebbe riferimento per un MRI, in modo da potrebbero vedere che cosa è accaduto. Forse vederebbero che il colpo o quello là era fluido nel cervello e, a quel punto, sarebbero intervenuto.

Tuttavia, il colpo, il liquido, la demenza tutta accade molto prima che realmente mostriamo i sintomi. Se potessimo vedere questo accadere nel cervello regolarmente, cominceremmo fare qualcosa. Eviterei che ottiene un colpo se vedessi una certa indicazione che quella potrebbe accadere.

Che cosa l'istituto senza scopo di lucro per il cervello e la società fa, è prova per mettere a disposizione queste tecnologie più accessibili e, di modo che incoraggiamo la gente a controllare il loro cervello, con la stessa facilità come controllano altre cose.

Naturalmente, la nostra sfida è di rendere questa tecnologia accessibile, sia finanziariamente che in modo logistico. Dove è questo MRIs e come possiamo inviare qualcuno per avere un MRI?

È egualmente cultura. La formazione è una delle nostre più grandi preoccupazioni perché dobbiamo rendere la gente cosciente del fatto che avere un controllo sanitario sistematico per il cervello può realmente migliorare la loro vita o persino salvare la loro vita in futuro.

Penso una volta che possiamo aiutarli per capire ed interpretare queste immagini che riuniscono dei loro cervelli, possiamo poi prepararli circa i modi in cui possono realmente conservare la loro salubrità.

Se vediamo, per esempio, in una persona anziana, che c'è un reticolo che non è molto positivo, ci sono modi in cui potete influenzare i risultati, anche nel caso di demenza.

Ci sono parecchie pubblicazioni che connettono la dieta Mediterranea con l'incidenza più bassa di demenza.

Non sto dicendo che è il richiamo d'argento, ma se vedessi nel mio cervello che c'erano alcune aree che sono atrofizzate ad una tariffa più veloce che dovrebbero, penso sia stato molto probabile mangiare gli alimenti che conosco ho indicato che alcuni effetti positivi sul cervello o impegnarsi nelle attività che egualmente conosciamo sia utile per l'ossigenazione del cervello.

Penso che le informazioni siano molto importanti. Penso che potendo osservare il vostro cervello sia molto utile e quello è che cosa stiamo provando a fare per il pubblico, per tutti.

Quali alimenti dovrebbe la gente mangiare per mantenere un cervello sano?

Ci sono alimenti eccellenti per il cervello. Direi che l'olio di oliva è il re degli alimenti del cervello.

Pensiamo spesso a se il vino sia buon o cattivo; molta gente mi chiede quella. Realmente bolle giù a che cosa è nel vino. Provo personalmente a bere i vini organici. In Italia, c'è una tendenza ora che sta accadendo per un po', citata come agricoltura biodinamica.

Essenzialmente, è molto simile all'agricoltura organica, così non c'è uso degli antiparassitari ed egualmente l'uso dei solfiti è limitato o eliminato. Catturato come succo di uva fermentato, il vino rosso con le interfacce ed il tannino dalle interfacce è molto ricchi in polifenoli, che sono molto buoni per il cervello. Ci sono altri alimenti che sono ricchi in antiossidanti, che sono molto buoni.

Non c'è dieta del cervello che potrei inventare. Potrei essere molto vicino a qualcosa che conoscessimo aumentassimo le vostre probabilità di non essere alterati conoscitivo con la vecchiaia.

La salubrità del cervello è essenzialmente egualmente la salubrità del cuore, in modo dall'esercizio è molto importante. Un cuore sano è un cervello sano.

Anche se Alzheimer è il nome più comunemente usato per demenza, molte demenze non sono causate da patologia di Alzheimer, ma dai problemi vascolari quale ipertensione. Penso che i neurologi ed i cardiologi dovrebbero lavorare sempre insieme su qualcuno la salubrità.

L'organismo è sempre olistico. Il cervello non si siede da solo nell'organismo; ha connesso con tutto. È circa consapevolezza.

Se vedo le mole sospettose che mi ingrandisco, posso chiedere il parere, ma non posso vedere il mio cervello. Il solo strumento ora disponibile affinchè me consideri del mio cervello è MRI.

Personalmente, ho una scansione ogni anno, da controllare appena e la ho fatta sul mio ultimo compleanno, quando ho girato 50 due mesi fa. Era grande da sapere che sto facendo abbastanza bene.

Sono nel giusto percentile in termini di dimensione, salubrità e modo che guarda e c'era niente preoccuparsi circa. Mi ha incitato a ritenere come se potessi fare un passo nella seconda metà della mia vita sapendo che ho un cervello sano.

Posso lavorare ed intraprendere un grande progetto quale la libreria del cervello umano sapendo che ho un cervello sano per farlo.

Dove possono i lettori trovare più informazioni?

Circa Dott. Jacopo AnneseDOTT ANNESSE

Il Dott. Jacopo Annese si è laureato dall'università di Roma in Italia con le lauree e del celibe in biologia e zoologia.

Utile una laurea nelle scienze neurologiche all'University College di Londra, Regno Unito ed ha completato il programma di Ph.D. in neuroscienza conoscitiva all'istituto universitario di Dartmouth, Hannover, il NH.

Successivamente si è preparato in anatomia di calcolo all'istituto neurologico di Montreal, Canada ed al laboratorio di Neuroimaging all'università di California, Los Angeles.

La sua ricerca è stata descritta in vari radiodiffusione e media di pubblicazione, compreso la NOVA di PBS, geografico nazionale, BBC, Discovery Channel, New York Times, le notizie di Bloomberg, Financial Times, caricatore di Esquire e scopre il caricatore.

L'obiettivo primario del Dott. Annese nel campo della neuroscienza è di condurre la ricerca che è aperta all'impegno pubblico e promuove gli più alti livelli in condivisione di dati e la collaborazione all'interno della comunità scientifica.

Read in:

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Huron Digital Pathology. (2018, August 23). Avanzamenti nella ricerca del cervello dal HM paziente: un'intervista con Dott. Jacopo Annese. News-Medical. Retrieved on June 19, 2019 from https://www.news-medical.net/news/20160825/Advances-in-brain-research-since-patient-HM-an-interview-with-Dr-Jacopo-Annese.aspx.

  • MLA

    Huron Digital Pathology. "Avanzamenti nella ricerca del cervello dal HM paziente: un'intervista con Dott. Jacopo Annese". News-Medical. 19 June 2019. <https://www.news-medical.net/news/20160825/Advances-in-brain-research-since-patient-HM-an-interview-with-Dr-Jacopo-Annese.aspx>.

  • Chicago

    Huron Digital Pathology. "Avanzamenti nella ricerca del cervello dal HM paziente: un'intervista con Dott. Jacopo Annese". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20160825/Advances-in-brain-research-since-patient-HM-an-interview-with-Dr-Jacopo-Annese.aspx. (accessed June 19, 2019).

  • Harvard

    Huron Digital Pathology. 2018. Avanzamenti nella ricerca del cervello dal HM paziente: un'intervista con Dott. Jacopo Annese. News-Medical, viewed 19 June 2019, https://www.news-medical.net/news/20160825/Advances-in-brain-research-since-patient-HM-an-interview-with-Dr-Jacopo-Annese.aspx.