Lo studio mostra l'non inferiorità della terapia antipiastrinica doppia a breve termine in pazienti con il collocamento del DES

Un corso a breve termine della terapia antipiastrinica doppia (DAPT) è non inferiore ad un corso più lungo in pazienti che hanno subito il collocamento di un genere particolare di stent d'eluizione (DES), ricercatori riferiti qui.

I risultati del GIAPPONE (NoborI si raddoppia terapia antipiastrinica come durata appropriata) studiano, presentato al congresso di ESC 2016 e pubblicato simultaneamente nel giornale europeo del cuore, indicato le simili tariffe “degli eventi clinici del netto e cerebrovascolari avversi„ (NACCE) - il risultato principale - con entrambe le 6 e durate di 18 mesi di DAPT e nessuna differenza nelle complicazioni di spurgo.

“Ha basato su questi risultati, una combinazione di breve DAPT e un più nuovo DES con il rivestimento bioabsorbable di abluminal dovrebbe potere minimizzare simultaneamente l'incidenza degli eventi trombotici e delle complicazioni di spurgo,„ ricercatore conclusivo Masato Nakamura, il MD, PhD, del centro medico di Ohashi dell'università di Toho a Tokyo, il Giappone.

Tutti i pazienti nella prova avevano ricevuto lo stent abluminal-rivestito bioabsorbable di Nobori, con DAPT che consiste dell'aspirina (81-162 mg/giorno) combinata con clopidogrel (75 mg/giorno) o la ticlopidina (200 mg/giorno).

Lo studio ha iscritto 3.775 pazienti con la coronaropatia o l'infarto miocardico acuto che avevano subito l'intervento ed il collocamento coronari percutanei dello stent a 130 istituzioni giapponesi.

Ha compreso i vasti criteri dell'inclusione per riflettere la regolazione clinica nell'ambiente.

Tuttavia, un'analisi provvisoria ha mostrato l'iscrizione lenta e gli eventi sostanzialmente più bassi di quanto preveduti e lo studio è stato terminato presto.

I risultati soltanto dai primi 2.772 pazienti da seguire per almeno 18 mesi indicati là erano le 0,46% differenze nell'avvenimento del punto finale primario fra i pazienti ripartiti con scelta casuale a breve o DAPT a lungo termine (1,92% contro 1,45% rispettivamente), confermante l'non inferiorità della terapia a breve termine.

La tariffa degli eventi di spurgo era simile (0.73% del lungo termine e 0,96% del gruppo a breve termine di DAPT), come era la tariffa di trombosi dello stent (0,07% in entrambi).

“I risultati dello studio presente dovrebbero essere interpretati con prudenza prima della prova di trarre le precise conclusioni,„ il professor avvertenza Nakamura. “L'interpretazione della prova del GIAPPONE è complicata dal fatto che la tariffa di evento era più bassa dell'incidenza prevista del punto finale primario in entrambi i gruppi. Di conseguenza, la potenza statistica non può essere adeguata completamente valutare il rischio di punto finale primario.„

Source:

European Society of Cardiology (ESC)