Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio PACIFICO può offrire l'orientamento per scegliere dal numero della rappresentazione non invadente dell'arteria coronaria

Per i pazienti che presentano per la prima volta con i clinici sospettati (CAD) della coronaropatia hanno avuti una serie di test diagnostici non invadenti da scegliere da, ma poca prova per cui è la cosa migliore.

Ora, i risultati dalla prova PACIFICA possono offrire un certo orientamento.

Il primo confronto testa a testa tra le tecniche non invadenti più comunemente usate e per valutare la severità del miocardio dell'arteria coronaria di stenosi o di aspersione ha trovato che la tomografia a emissione di positroni (PET) ha avuta accuratezza più diagnostica che la singola tomografia computerizzata dell'emissione del fotone (SPECT) o l'angiografia coronaria di tomografia computerizzata (CCTA), ricercatori riferiti durante la sessione del hot line al congresso 2016 di ESC.

“Attualmente, c'è poco consenso circa la scelta della modalità non invadente della rappresentazione e l'europeo e le linee guida degli Stati Uniti non sostengono per alcun'sopra un altro,„ ha detto Ibrahim Danad, MD, dal centro medico del VU, Amsterdam, che ha presentato i risultati.

“La vasta maggioranza degli studi ha usato l'angiografia coronaria dilagante come standard di riferimento, che può piombo alle interpretazioni erronee. Questi dati rappresentano la prima valutazione completa della coronaropatia e contribuiranno a guidare il clinico per scegliere la prova non invadente appropriata per i suoi pazienti.„

Il PACIFICO (che corrisponde al confronto testa a testa futuro di angiografia coronaria di CT, di aspersione del miocardio SPECT, dell'ANIMALE DOMESTICO e della rappresentazione ibrida per la diagnosi della malattia di cuore ischemica facendo uso della riserva frazionaria di flusso come indice analitico per severità funzionale delle stenosi coronarie) era un singolo studio del centro che ha incluso 208 pazienti con cad sospettato.

Inizialmente, tutti i pazienti hanno subito il test diagnostico di sistema monetario aureo - angiografia coronaria dilagante - che richiede l'infilatura del catetere nell'arteria coronaria per ottenere i raggi x e valutare la pressione intracoronary (riserva frazionaria di flusso, o il FFr).

Questo esame ha provato che 44,2% dei pazienti hanno avuti cad hemodynamically significativo.

I pazienti poi hanno ricevuto l'ANIMALE DOMESTICO non invadente, SPECT e CCTA come pure alcune combinazioni “ibride„ di ANIMALE DOMESTICO e CCTA o SPECT e CCTA destinati per combinare le valutazioni funzionali ed anatomiche.

Confrontando i risultati di questi risultati non invadenti ai risultati di sistema monetario aureo, i ricercatori hanno indicato che l'ANIMALE DOMESTICO era sensibilmente più accurato (85%) per la diagnostica dell'ischemia coronaria rispetto a CCTA (74%, P<0.01) e a SPECT (77%, P < 0,01).

La sensibilità degli approcci non invadenti era rispettivamente 87% per l'ANIMALE DOMESTICO, 90% per CCTA e 57% per SPECT, mentre la specificità era 60%, 94% e 84%.

Ulteriormente, l'accuratezza diagnostica non è stata migliorata dall'ibrido CCTA/SPECT o da CCTA/PET ed invece è stata provocata un aumento nei falsi negativi e la diminuzione nei risultati del falso positivo (p<0.001), il professor celebre Danad.

“I risultati di questo studio sono novelli e, a nostra conoscenza, rappresentano il primo del suo genere per confrontare la prestazione diagnostica delle modalità non invadenti della rappresentazione con uno standard di riferimento ampiamente considerato per cad dal punto di vista funzionale significativo.„

“I risultati definitivamente scintilleranno ulteriore ricerca. C'è sempre molta discussione se dobbiamo scegliere SPECT o PET come la prova funzionale iniziale per i nostri pazienti. Penso che dobbiamo investire più nella rappresentazione clinica dell'ANIMALE DOMESTICO, che sarà futura. È più conveniente per i pazienti in termini di tempo, accuratezza e dose di radiazioni.„

Source:

European Society of Cardiology (ESC)