Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I microcantilevers di Nanomechanical possono individuare rapidamente le mutazioni in pazienti con il melanoma maligno

I cambiamenti nel trucco genetico dei campioni di tessuto possono essere individuati rapidamente e facilmente facendo uso di nuovo metodo basato su nanotecnologia. Ricercatori di questo rapporto dall'istituto svizzero di Nanoscience, dall'università di Basilea e dall'ospedale universitario Basilea nelle prime prove cliniche con le mutazioni genetiche in pazienti con il melanoma maligno. Le lettere nane del giornale ha pubblicato lo studio.

Secondo i preventivi dalle fondamenta americane del Cancro di interfaccia, oggi più gente sviluppa insieme il cancro di interfaccia che il petto, la prostata, il polmone ed il tumore del colon. Sebbene il melanoma maligno rappresenti soltanto circa 5 per cento dei cancri di interfaccia, questi sono i casi più seri e possono provocare la morte. Intorno alla metà di tutti i pazienti che sviluppano la mostra del melanoma maligno un cambiamento genetico particolare (mutazione). Ciò comprende un cambiamento nel gene di BRAF (gene di B per accelerazione rapida di Fibrosarcoma) che quello piombo a proliferazione incontrollata delle cellule.

Ci ora sono droghe che sfruttano queste mutazioni specifiche e combattono il cancro, estendenti significativamente la speranza di vita dei pazienti. Tuttavia, lavorano soltanto se la mutazione genetica corrispondente è realmente presente. Dove non è, provocano gli effetti secondari severi senza produrre l'effetto desiderato. “È quindi essenziale che possiamo identificare attendibilmente le mutazioni nei campioni di tessuto. Quello è il solo modo di assicurazione che i pazienti ottengono il giusti trattamento e risultati di successo,„ spiega il co-author del documento, il professor Katharina Glatz dell'istituto di patologia all'ospedale universitario Basilea.

Microcantilevers rivestiti

In uno studio pilota clinico, il gruppo piombo dal professor Ernst Meyer e dal professor Christoph Gerber all'istituto svizzero di Nanoscience ed al dipartimento di fisica all'università di Basilea ha usato per la prima volta i nanosensors per individuare le mutazioni nei campioni di tessuto dai pazienti con il melanoma maligno. Per agire in tal modo, i ricercatori hanno impiegato le travi a mensola minuscole che sono state ricoperte nei modi diversi. Alcuni di loro hanno portato una sequenza del riconoscimento per la mutazione che i ricercatori stavano mirando a.

Poi il materiale genetico (RNA) dai campioni di tessuto dei pazienti è stato isolato e si applicato alle travi a mensola. Se il cambiamento genetico è presente, il RNA del paziente lega alla sequenza del riconoscimento sulla trave a mensola. Lo sforzo di superficie risultante piombo al piegamento della trave a mensola, che può essere misurata. Se la mutazione è assente dal campione del RNA, questa che piega non accade - cioè soltanto un'associazione specifica produce un segnale. Il vantaggio di usando i nanocantilevers è che non ci sono procedure che richiede tempo necessarie. Cattura di meno che un giorno per muoversi dall'esecuzione della biopsia alla diagnosi.

I 30 anni impensabili fa

In questo studio, il gruppo di ricerca di Basilea poteva dimostrare che i microcantilevers nanomechanical possono identificare le mutazioni in miscele complesse di RNA totale isolate dai campioni di tessuto. Inizialmente, le travi a mensola sono state utilizzate soltanto nei microscopi atomici della forza. Il professor Christoph Gerber - chi è dovuta ricevere il premio di Kavli a Oslo il 6 settembre, insieme a Gerd Binnig e la caloria Quate, dato che sviluppando il microscopio atomico della forza - osserva: “Trenta anni fa, non potevamo prevedere che la nostra tecnologia potrebbe l'un giorno essere utilizzata in ospedale per medicina personale - “dal banco al lato del letto„, come se fosse.„