Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

TSRI, scienziati di IAVI rivelano la nuova strategia vaccino riduzionista per combattere contro il HIV

Una serie di nuovi studi piombo dagli scienziati al The Scripps Research Institute (TSRI) e l'iniziativa vaccino dell'AIDS dell'internazionale (IAVI) descrivono un salto-avvio potenziale di strategia della vaccinazione la selezione e l'evoluzione di anticorpi largamente efficaci impedire l'infezione HIV. I ricercatori pianificazione verificare questa strategia in un test clinico umano imminente.

Il lavoro recente mostra che il sistema immunitario può essere spinto per imitare ed accelerare un trattamento naturale raro durante cui gli anticorpi si evolvono lentamente per diventare migliori e migliorare a mirare al virus costantemente subente una mutazione del HIV. È indicata qui la molecola eOD-GT8 60mer, utilizzata nella strategia riduzionista del gruppo.

I nuovi studi, pubblicati l'8 settembre 2016, nelle pubblicazioni cella e scienza, hanno mostrato che il sistema immunitario può essere spinto per imitare ed accelerare un trattamento naturale raro durante cui gli anticorpi si evolvono lentamente per diventare migliori e migliorare a mirare al virus costantemente subente una mutazione del HIV.

“Sebbene ancora abbiamo parecchio da fare, stiamo realizzando i progressi realmente buoni verso un vaccino umano,„ ha detto William Schief, professore a TSRI e Direttore di progettazione vaccino per il centro di neutralizzazione dell'anticorpo di IAVI (NAC) a TSRI, di cui il laboratorio ha sviluppato molte delle proteine vaccino provate in questi studi.

Schief guidato co vari di nuovi studi con il professor David Nemazee di TSRI; La presidenza secondaria di Dennis Burton, di James & di Jessie del dipartimento di TSRI dell'immunologia e di Direttore scientifico microbico e di scienza del NAC di IAVI e degli istituti della sanità nazionali (NIH) concentra per l'immunologia di HIV/AIDS e la scoperta vaccino dell'immunogeno (CHAVI-ID); ed Ian Wilson, professore di Hansen di biologia strutturale e presidenza del dipartimento di biologia strutturale e di calcolo integrante a TSRI.

Sviluppare una cianografia

Un vaccino deve suscitare quegli anticorpi rari, chiamati “anticorpi largamente di neutralizzazione„ (bnAbs), di cui combatti un'ampia varietà di sforzi HIV-e deve suscitarle rapidamente.

Una strategia per compire questo, che gli scienziati a TSRI hanno definito la strategia “riduzionista„, è di trovare quali mutazioni dell'anticorpo sono più importanti per renderli efficaci contro il HIV, quindi “innescare„ il sistema immunitario per cominciare fare i precursori dell'anticorpo. Da là, gli scienziati sperano di richiedere una mutazione importante dopo un altro con una serie di scatti differenti “del ripetitore„, accumulante deliberatamente un bnAb un passo alla volta.

In uno studio recente negli agenti patogeni del giornale PLOS, gli scienziati hanno creato le mappe 3D di una struttura sul HIV conosciuto come la sede del legame CD4. Se gli anticorpi attaccano con successo questo sito, gli scienziati ritengono, la maggior parte dei sforzi del HIV potrebbero essere paralizzati. I ricercatori egualmente hanno creato le mappe ad alta definizione dei bnAbs che potrebbero legare alla sede del legame CD4.

“Questa è una delle cianografie che più complete abbiamo avuti per questo obiettivo,„ ha detto Jean Philippe Julien, un socio di ricerca nel laboratorio ai tempi dello studio, che di Wilson ha servito da co-primo autore dello studio con il socio di ricerca di TSRI Joseph Jardine, il ricercatore di IAVI Devin Sok e Bryan Briney, assistente universitario dell'immunologia a TSRI.

Gli scienziati poi hanno studiato le versioni reso essenziali dei bnAbs per vedere esattamente che le componenti erano importanti nell'ottimizzazione della sede del legame CD4.

Con i risultati dagli agenti patogeni di PLOS studi, i ricercatori definitivo ha avuto una guida a cui le mutazioni erano il più importante. Egualmente hanno avute una migliore idea di cui anticorpo-suscitare le molecole, chiamata immunogeno, potrebbe arrendersi gli scatti di ripetitore per avviare le giuste mutazioni al momento giusto.

“Stiamo calcolando come amplificare gli anticorpi al seguente punto-come continuare camminare loro lungo il percorso alla larghezza aumentata e potenza dopo che le otteniamo iniziate con uno scatto di innesco,„ ha detto Jardine.

Anticorpi di promessa di formazione

Questo insieme d'individuazione la fase per i tre nuovi studi. Per quello primo, pubblicato in cella, i ricercatori hanno provato un immunogeno di innesco, seguito da una serie di immunogeno del ripetitore dal laboratorio di Schief. Gli immunogeno sono stati provati in un modello del mouse, sviluppato dal laboratorio di Nemazee, che è stato costruito per avere i geni (le materie prime) per preparare gli anticorpi con le giuste mutazioni per mirare alla sede del legame CD4.

Il gruppo ha trovato che gli anticorpi suscitati hanno somigliato più molto attentamente agli anticorpi maturi. La sequenza degli immunogeno aveva fatto il loro processo.

“Lo studio ha indicato che gli immunogeno stanno funzionando,„ ha detto Nemazee. “Subiscono una mutazione i linfociti B producenti anticorpo nella giusta direzione.„

“Gli anticorpi suscitati dividono molte funzionalità genetiche con i bnAbs maturi ed hanno la capacità di neutralizzare un isolato indigeno del HIV come pure multiplo altri isolati del HIV che abbiamo modificato leggermente per rendere loro più facili neutralizzare,„ Briney aggiunto, che ha servito da primo autore dello studio con Sok, Jardine, lo scienziato Daniel Kulp del personale di TSRI e di IAVI ed assistente di ricerca di TSRI Patrick Skog. “Probabilmente avremo bisogno degli immunogeno supplementari del ripetitore di suscitare gli anticorpi che possono neutralizzare largamente gli isolati indigeni del HIV, ma i nostri risultati indicano che siamo sulla buona strada.„

Nel secondo studio delle cellule, piombo da John R. Mascola all'istituto nazionale del NIH del centro di ricerca della malattia infettiva e di allergia (NIAID) e di Frederick vaccino W. Alt, un ricercatore (HHMI) di Howard Hughes Medical Institute all'ospedale pediatrico di Boston ed alla facoltà di medicina di Harvard, con i co-author di TSRI, ha intrapreso all'approccio riduzionista un'azione più ulteriormente, indicando che potrebbe indurre gli anticorpi in mouse modella con i sistemi immunitari che possono creare una vasta gamma ancora di anticorpo-più simile al sistema immunitario umano.

I risultati dallo studio di scienza avanzano hanno supportato l'approccio vaccino riduzionista. Per lo studio, i ricercatori hanno intrapreso ancora un più grande sfida-agli anticorpi “principali„ in un modello del mouse con un sistema immunitario del tipo di umana messo a punto Kymab la srl, una società con sede in Gran-Bretagna.

Il sistema immunitario complicato di Kymab del modello del mouse lo ha reso più difficile affinchè una proteina vaccino trovi ed attivare le celle “del precursore„ che hanno potenziale di produrre i bnAbs contro la sede del legame CD4. Infatti, i ricercatori hanno stimato che ogni mouse di Kymab contenesse soltanto una tale cella del precursore sopra medio-con alcuni mouse che contengono nessuno-fra circa 75 milione celle producenti anticorpo.

Malgrado questa sfida “del ago di stampa-in-un-mucchio di fieno„, gli scienziati hanno trovato che la loro proteina vaccino di innesco ha attivato i precursori appropriati dell'anticorpo in un terzo - a metà dei mouse collaudati, suggerendo che questa abilità egualmente fosse possibile in esseri umani, in cui le celle mirate a del precursore sono più abbondanti. “Questa sembra essere una barra molto più alta che affronteremo in esseri umani,„ Schief ha detto.

“L'approccio che vaccino riduzionista stiamo intraprendendo eventualmente non solo piombo ad un vaccino del HIV, ma anche potrebbe potenzialmente applicarsi ad altri obiettivi vaccino provocatori,„ ha detto Sok, che ha servito da co-primo autore dello studio di scienza con Briney, Jardine e Kulp.

I ricercatori egualmente hanno dato credito alla loro forte collaborazione internazionale. “I nostri risultati fenomenali con il gruppo al The Scripps Research Institute sono venuto da lavoro al interfaccia-e tecnologia di limite-de vaccine, immunologia, assistenza tecnica della proteina e biologia strutturale,„ ha detto il professor Allan Bradley, direttore tecnico a Kymab e Direttore emeritus dell'istituto di Sanger della fiducia di Wellcome.

IAVI ed i partner pianificazione per un test clinico affinchè l'anno prossimo più ulteriormente mettano a punto e sperimentare se il vaccino riduzionista cheavvia con l'attivazione della destra precursore-funzionerà in esseri umani. Se riuscito, il punto seguente sarà di provare i loro immunogeno del ripetitore.