Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il trattamento del progesterone protegge i mouse femminili dalle conseguenze dell'infezione di influenza

Oltre 100 milione donne sia sugli anticoncezionali ormonali. Tutti contengono certo modulo di progesterone, da solo o congiuntamente ad estrogeno. Uno studio ha pubblicato il 15 settembre negli agenti patogeni di PLOS riferisce che il trattamento con progesterone protegge i mouse femminili dalle conseguenze dell'infezione di influenza diminuendo l'infiammazione e migliorando la funzione polmonare, soprattutto con il upregulation del amphiregulin in celle del polmone.

Il progesterone segnala tramite i ricevitori del progesterone presenti su molte celle immuni (per esempio, celle di NK, macrofagi, celle dentritiche e celle di T) e su altre celle in tutto l'organismo. Il progesterone sembra generalmente inumidire le risposte immunitarie e diminuire l'infiammazione. Sebbene gli effetti immunomodulatory alla della contraccezione basata a progesterone siano stati studiati nel contesto delle malattie sessualmente trasmesse quali il HIV ed il virus Herpes simplex, l'impatto potenziale di progesterone sulle infezioni virali fuori del tratto riproduttivo non ha ricevuto molta attenzione.

Nello studio presente, nel Sabra Klein, dalla Johns Hopkins University a Baltimora, U.S.A. e colleghi esaminati se i livelli di progesterone che imitano le concentrazioni fisiologiche presenti dopo ovulazione (e l'equivalente ai livelli utilizzati in anticoncezionali) influenzano la risposta ospite all'infezione di influenza. I ricercatori hanno studiato i mouse femminili di cui le ovaie erano state eliminate e di cui il progesterone è stato fornito tramite impiantato appallottola che livelli di ormone tenuti costanti.

Quando i mouse femminili sono stati sfidati con il virus dell'influenza, i ricercatori hanno trovato che il progesterone esogeno poteva proteggere le femmine dalle conseguenze dell'infezione di influenza in parte. Il progesterone non ha diminuito il livello di virus presente nei mouse, ma ha fatto diminuire la quantità di infiammazione ed il danno di tessuto nei polmoni ed ha promosso il ripristino più veloce dall'infezione.

Coerente con questo, i ricercatori ha trovato che il trattamento del progesterone è stato associato con i livelli elevati di celle immuni chiamate l'assistente di T 17 celle (Th17), che sono conosciute per partecipare a mantenere le barriere e lo spazio mucosi dell'agente patogeno alle superfici mucose delle cellule. Il progesterone egualmente ha aumentato i livelli di proteina chiamata amphiregulin (AREG).

Quando i ricercatori hanno fornito AREG alle femmine influenza-infettate progesterone-vuotate, le loro caratteristiche di ripristino e di malattia hanno somigliato a quelle delle femmine sul trattamento del progesterone. Ciò suggerisce che il progesterone eserciti i sui effetti con l'amplificazione dei livelli di AREG nei polmoni. I ricercatori potevano supportare questo ulteriore con i dati dai mouse che mancano di AREG--in queste femmine, il progesterone non è riuscito a proteggere dalle conseguenze gravi dell'infezione di influenza.

Per valutare il contributo del trattamento del progesterone alla riparazione del tessuto polmonare nocivo, i ricercatori hanno studiato le colture cellulari respiratorie del mouse che erano state danneggiate meccanicamente. Il progesterone ha aumentato i livelli di AREG dopo la lesione in queste culture come pure la velocità della riparazione successiva della ferita.

“Il progesterone„, i ricercatori conclude, “la protezione di cause contro risultato severo da influenza inducendo la produzione del fattore di crescita epidermico, amphiregulin, dalle celle epiteliali respiratorie„. Il loro studio illustra, essi dice, “che l'esposizione dell'ormone sessuale, includente con l'uso degli anticoncezionali ormonali, ha effetti sulla salute significativi oltre il tratto riproduttivo„.

Source:

PLOS