Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori identificano la nuova cella immune che protegge i mouse dalle infezioni del polmone durante la chemioterapia

I ricercatori dell'ospedale della ricerca dei bambini della st Jude hanno identificato un nuovo modulo di una cella immune quella mouse protetti dalle infezioni pericolose del polmone nelle circostanze che chemioterapia mimica del cancro. La ricerca compare oggi online negli atti del giornale scientifico dell'Accademia nazionale delle scienze (PNAS).

“Abbiamo identificato un nuovo modulo del macrofago del governo della casa in mouse che possono in futuro essere sfruttati per proteggere dalle infezioni del polmone come polmonite batterica che rimangono una di più grandi minacce contro la sopravvivenza dei malati di cancro durante la chemioterapia,„ ha detto l'autore Peter senior e corrispondente Murray, il Ph.D., un membro del dipartimento della st Jude delle malattie infettive e del dipartimento dell'immunologia.

I macrofagi sono un tipo di globulo bianco che inghiottono e digeriscono i batteri ed altri invasori non Xeros come pure eliminano le celle morte. La funzione polmonare mammifera normale richiede due tipi di macrofago-alveolare e di interstiziali.

Le droghe della chemioterapia uccidono la divisione delle celle, compreso le celle nel midollo osseo che provocano le celle immuni differenti. Quello può piombo ad una riduzione drammatica in globuli bianchi, compreso i neutrofili che svolgono un ruolo centrale nel combattimento batterico ed altre infezioni che sono una complicazione comune della chemioterapia del cancro.

I ricercatori hanno mostrato che i macrofagi identificati in questo studio sono stati prodotti nei polmoni dopo la vaccinazione piuttosto che il midollo osseo. I ricercatori hanno chiamato il tipo recentemente riconosciuto delle cellule da macrofagi indotti da vaccino (ViMs). Una volta che generato, ViMs è stato mantenuto nei polmoni da divisione cellulare. D'importanza, a differenza di altre celle immuni digita, la dimensione della popolazione di ViMs è rimanere stabile durante la chemioterapia. Ciò recentemente ha riconosciuto il tipo attività antibatterica migliorata anche indicata delle cellule in mouse che mancavano dei neutrofili dovuto la chemioterapia.

“Inoltre servendo da medico delle malattie infettive al lato del letto, ho testimoniato come le complicazioni dovuto l'infezione interrompono il trattamento del cancro e minacciano la sopravvivenza paziente,„ ho detto in primo luogo e l'autore Akinobu co-corrispondente Kamei, M.D., un socio di ricerca nel dipartimento delle malattie infettive. “La sfida è stata come creare l'immunità protettiva in pazienti di cui i neutrofili sono stati vuotati severamente dalla chemioterapia. Questo studio suggerisce una struttura possibile per sviluppare le nuove strategie.„

Lavorando in un modello del mouse che imita l'infezione in pazienti chemioterapia-trattati, i ricercatori sono stati sorpresi trovare che mouse protetti della vaccinazione da polmonite letale di Pseudomonas aeruginosa. Le pseduomonas è la causa principale di polmonite batterica in malati di cancro con i neutrofili vuotati di sangue. La ricerca per capire come tale protezione era possibile in assenza dei ricercatori piombo neutrofili a ViMs.

“Tutte le righe di prova cellulare e molecolare in questo punto di studio ai macrofagi alveolari come la sorgente di ViMs,„ Murray ha detto. I macrofagi alveolari provengono dall'embrione, risiedono nelle superfici aero-esposte degli alveoli e auto-sono mantenuti in adulti. Al contrario, i macrofagi interstiziali sono derivati dal midollo osseo e popolano lo spazio interstiziale del polmone fra gli alveoli.

Una volta che attivato, ViMs ha persistito nei polmoni per almeno un mese. Quando ViMs è stato trasferito ai mouse unvaccinated con i neutrofili chemioterapia-vuotati, erano protetti dalle infezioni letali delle pseduomonas.

I ricercatori non sono meccanismi sicuri come ViMs sopravvive alla chemioterapia, ma ricercatori eliminati l'altro uso delle cellule resistere alla radiazione o a determinate droghe della chemioterapia.

“Ora sappiamo che quello aumentare il numero di ViMs nel tessuto può compensare il deficit immune causato dalla chemioterapia,„ Kamei ha detto. “In questo studio, abbiamo contato sulla vaccinazione prima della chemioterapia. Andando in avanti esploreremo altro, metodi più pratici per uso al lato del letto efficacemente indurre i macrofagi residenti del tessuto come ViMs.„ Gli approcci possibili includono facendo uso delle droghe o delle molecole di segnalazione chiamate citochine per indurre la protezione nel host immune-compromesso.

Source:

St. Jude Children's Research Hospital