Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori di UNAM sviluppano il rivestimento commestibile per prolungare la vita delle frutta e delle verdure

Per prolungare la vita delle frutta e delle verdure e per conservarli per la refrigerazione più lunga, i ricercatori di UNAM hanno sviluppato un rivestimento commestibile con gli ingredienti funzionali aggiunti applicati agli alimenti di recente tagliati.

Il Dott. Maria de la Luz Zambrano Saragozza, ricercatore alla facoltà di più alto Cuautitlán (FES) Cuautitlán, ha spiegato che i vantaggi variano da avere un prodotto del taglio attraente, “dall'ossidazione, molta frutta più non consumata con questa tecnologia, le perdite del ventriglio diminuiranno egualmente conservano le sostanze nutrienti dalle frutta o dalle verdure„.

Con la tecnologia dell'università è stata la mela conservata tagliata i fino a 25 giorni e un kiwi per due settimane. Inoltre, la loro produzione è costosa perché costa 70 pesi che un litro di dispersione può essere 20 chilogrammi rivestiti di frutta tagliata pronta ad essere collocato in negozi di alimentari ed ad essere consumato successivamente.

Dopo nove anni di ricerca, gli scienziati dell'università hanno trovato che se i nanocapsules caricati con l'alfa tocoferolo ed il beta-carotene in frutta ed in verdure fresche di taglio sono dispersi, la pellicola omogenea forma un flessibile, inibisce dorare enzimatico e prolunga la durata di questi.

“Il microincapsulato progettiamo siamo additivi alimentari con un simile a quello di una palla della dimensione nanometric che varia fra cento - 500 nanometri che la struttura internamente può collocarvi sostanza attiva quali l'olio o rosmarino di limone, o alfa tocoferolo o beta-carotene antiossidante; gocce da questa area della sostanza attiva tramite la parete che migrano alla frutta che raggiunge la loro conservazione„, spiegata il responsabile accademico della ricerca.

Fisicamente, il rivestimento non è evidente all'occhio, non è una pellicola dovuto l'immersione applicata alle sostanze tensioattive della frutta assorbenti, ottenendo un prodotto pronto da mangiare.

Inoltre, i rivestimenti con differenti sapori possono essere sviluppati per rendere il prodotto attraente.

Lo sviluppo scientifico già ha brevettato ed estratto i primi premi del posto “nel brevetto e nell'innovazione del programma di sviluppo„ (PROFOPI 2015-2016), di cui lo scopo sta promuovendo una cultura dei beni industriali a UNAM. A seguito di questo, i ricercatori mirano a portare ad un impianto pilota per produzione industriale.

“Uno degli interessi del UNAM è di contribuire alla società con le tecnologie utili che possono essere commercializzate bene ed esportazione,„ il Dott. conclusivo Zambrano Saragozza.

Source:

Investigación y Desarrollo