Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori muovono un punto più vicino a sviluppare l'efficace vaccino antiinfluenzale universale

I ricercatori alla McMaster University e due università americane hanno intrapreso un'altra azione più vicino a sviluppare molto un più efficace, vaccino antiinfluenzale universale “della un-perforazione„.

I loro ultimi risultati, pubblicati oggi online negli atti del giornale dell'Accademia delle Scienze nazionale U.S.A. (PNAS), configurazione sopra la loro scoperta più iniziale di classe A di anticorpi capaci di neutralizzazione dei tipi più pericolosi di virus dell'influenza.

Questi anticorpi, secondo i ricercatori, essenzialmente “preparano„ il sistema immunitario per riconoscere una parte del virus che non cambia di anno in anno e, in tal modo, non può aprire la strada verso un vaccino universale che deve essere somministrato appena una volta e potrebbe proteggere da tutti gli sforzi futuri dell'influenza, compreso gli sforzi mutati.

I vaccini antiinfluenzali stagionali funzionano generando gli anticorpi che legano al virus e gli impediscono di infettare le celle. I vaccini antiinfluenzali universali fanno questo pure, ma fanno un passo avanti reclutando i globuli bianchi per distruggere le celle infettate, dice Matthew Miller, l'autore senior dello studio.

Miller ed i suoi colleghi ha scoperto che mentre determinati anticorpi funzionano bene insieme per reclutare questi globuli bianchi utili, altri bloccano la loro assunzione - e dove legano sul virus fa tutta la differenza.

Miller è un assistente universitario della biochimica e delle scienze biomediche alla scuola di medicina del Michael G. DeGroote di McMaster e sta lavorando con gli scienziati alla scuola di medicina di Icahn al monte Sinai, a New York ed all'università di Chicago.

“I nostri risultati mostrano che quello appena avere anticorpi non è abbastanza. Dovete avere anticorpi che legano ai posti molto specifici sul virus,„ avete detto Miller. “Ora che conosciamo i posti in cui gli anticorpi devono legare, possiamo modificare i nostri vaccini in modo che generiamo quegli anticorpi negli più alti numeri.„

L'influenza è stimata per causare globalmente ogni anno 250.000 - 500.000 morti, secondo l'organizzazione mondiale della sanità (WHO).

Mentre le iniezioni antinfluenzali rimangono il migliore modo proteggere dal virus, come gli impianti di un vaccino antiinfluenzale ogni anno dipende dalla salubrità e dall'età della persona che è vaccinata, la similarità fra i virus ed i virus circolanti vaccino stagionali e se un vaccino in tensione o inattivato è stata usata, secondo il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC).

Un vaccino antiinfluenzale universale, come quello proposto dagli autori dello studio, potrebbe efficacemente impedire i disadattamento, poiché avrebbe protetto da tutti gli sforzi di influenza e l'avvenimento delle pandemie di influenza.

“Facendo uso di questa conoscenza, che cosa possiamo ora fare è specificamente progettazione il nostro vaccino universale per generare i tipi più desiderabili di anticorpi e per evitare gli anticorpi che bloccano le funzioni che vogliamo,„ ha detto Miller. “Nel fare quello, possiamo assicurarci che il vaccino funzioni nella maggior parte del modo efficace possibile.„

Gli anticorpi che reclutano i globuli bianchi corrente stanno studiandi come trattamenti per cancro ed il HIV. Questi nuovi risultati da Miller e dai colleghi sono probabili migliorare i trattamenti per quelle malattie pure.

Miller è un membro sia del centro di ricerca dell'immunologia di McMaster che del Michael G. DeGroote Institute per la ricerca delle malattie infettive. Ha detto crede che un vaccino antiinfluenzale universale potrebbe essere una realtà nei cinque anni successivi.

Source:

McMaster University