Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La medicina di Penn ha assegnato la concessione di CDC per sviluppare i nuovi approcci a resistenza a antibiotici di combattimento

La scuola di medicina di Perelman all'università della Pennsylvania ha ricevuto più di $1 milione dal centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti (CDC) per sviluppare i nuovi approcci a resistenza a antibiotici di combattimento. I ricercatori di Penn piombo i tre progetti separati per supportare l'iniziativa delle soluzioni della resistenza a antibiotici del CDC. I premi fa parte di più grande annuncio ad ampia base (BELATO) dalla fornitura di CDC complessivamente più di $14 milioni in finanziamento per i 34 progetti messi a fuoco sulla comprensione del ruolo del microbiome nell'ordine impediscono le infezioni di resistenza a antibiotici, anche conosciute come i superbugs.

Gli antibiotici sono medicine di salvataggio, ma anche possono interrompere il microbiome di una persona ed aumentare il rischio per le infezioni resistenti alla droga quali lo staphylococcus aureus meticillina-resistente (MRSA), le enterobatteriacee carbapenemico-resistenti (CRE) ed il clostridio difficile (C. difficile). I pazienti che portano i batteri resistenti alla droga possono spargere facilmente questi all'altra gente, particolarmente coloro che egualmente ha un microbiome anormale, quali i pazienti con i sistemi immunitari compromessi.

Lautenbach rifluente, il MD, il MPH, MSCE, capo della divisione delle malattie infettive, piombo un'iniziativa della ricerca messa a fuoco sulla riduzione di uso antimicrobico in ospedale impedire l'infezione difficile del C. Brendan Kelly, MD, MSCE, un istruttore nella divisione delle malattie infettive, piombo due progetti di ricerca supplementari, uno relativo a colonizzazione difficile ed all'infezione del C. ed un altro messi a fuoco sulle infezioni respiratorie più basse resistenti agli antibiotici durante la cura acuta a lungo termine.

“Le infezioni resistenti agli antibiotici sono quella rapidamente diventante di più grandi sfide nella medicina moderna,„ Lautenbach ha detto. “Quasi 700,000 persone muoiono ogni anno dalle infezioni del superbug e quel numero sta sviluppandosi soltanto. Con questi nuovi sussidi per la ricerca, miriamo ad imparare più circa come questi microorganismi si evolvono in modo da possiamo trovare le soluzioni a lungo termine per impedirle.„

Questo premio viene alle calcagna di una dichiarazione recente delle nazioni unite che richiede un impegno globale per combattere le infezioni resistenti agli antibiotici mondiali. Il 21 settembre, tutti e 193 i stati membri di ONU impegnati per aumentare il coordinamento ed il finanziamento internazionali hanno puntato su riflettere l'emergenza della resistenza antimicrobica e diminuire l'uso improprio degli agenti antimicrobici.

“Studiando il microbiome dei pazienti a rischio delle infezioni resistenti agli antibiotici, cerchiamo di capire meglio come queste infezioni accadono e come possono essere impedite,„ Kelly abbiamo detto. “Speriamo che la nostra ricerca aiuti di avanzamento lo sforzo globale per impedire queste infezioni pericolose.„

Penn, in società con l'ospedale pediatrico di Filadelfia (CHOP), è egualmente uno di soltanto 10 centri medici accademici da designare come epicentro di prevenzione di CDC, uno sforzo di ricerca in materia di sicurezza paziente conosciuto come il programma di epicentri di prevenzione, che è stato creato nel 1997 per affrontare il problema emergente delle infezioni sanità-associate, compreso resistenza a antibiotici.

Source:

Perelman School of Medicine at the University of Pennsylvania