Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio esplora le attività antimicrobiche ed antinfiammatorie di colostro bovino

Il colostro è una secrezione mammaria spessa, appiccicosa, giallastra che tutti i mammiferi assicurano ai loro neonati durante le prime 24-48 ore dopo la consegna. I neonati umani ricevono il colostro dalle loro madri durante le ore primissime dopo la nascita e questo “elisir di vita„ non solo fornisce le sostanze nutrienti e gli anticorpi naturalmente prodotti in un modulo altamente concentrato del volume basso ma egualmente crea le fondamenta di immunità per tutta la vita. Il colostro bovino (BC) è ricco in immunoglobuline e lattoferrina, la crescita e fattori antimicrobici, che promuovono la crescita del tessuto e la maturazione dell'apparato digerente e della funzione immune in animali ed in esseri umani neonatali. È stato riferito che i componenti da BC sono di 100 volte alla volta 1.000 più potente del colostro umano. Ciò significa che anche gli infanti umani possono contare sul colostro del bufalo o della mucca per trarre le indennità-malattia. Le immunoglobuline presenti BC nell'attività antimicrobica di manifestazione formando un complesso chelatato con gli antigeni batterici e virali. BC egualmente ha l'alta attività antiinflaamtory e beni antiossidanti. Lo sforzo ossidativo e le infezioni microbiche piombo ad una risposta infiammatoria e generano i radicali liberi quali le specie reattive dell'ossigeno (ROS) ed i composti intermedi reattivi dell'azoto (RNI), che in assenza degli antiossidanti possono causare il danno del DNA. Gli alti livelli degli antiossidanti e dei fattori di crescita presenti in colostro hanno provato utile in ferita che guarisce e diminuire lo sforzo ossidativo in atleti dovuto l'esercizio pesante. Lo scopo dello studio presente era di determinare le attività antimicrobiche ed antinfiammatorie di BC facendo uso delle prove standardizzate.

A 100 μg/ml, a forte attività antimicrobica BC rappresentata contro sia il grammo - la VE che sforzi di +ve dei batteri (s.aureus, Di Escherichia coli, P. vulgaris, aerogeni del E. e salmonella typhi). Dall'l'edema indotto da carrageenano della zampa del ratto è stato diminuito moderatamente in animali BC trattati. È stato trovato che la combinazione di BC con diclofenac, produce i maggiori effetti antinfiammatori che quello di BC da solo, che suggerisce che il trattamento di combinazione potesse diminuire o minimizzare gli effetti secondari di questa droga sintetica antinfiammatoria. I nostri risultati suggeriscono che BC potrebbero essere usati come rimedio alternativo a trattare le infezioni microbiche ed i disordini in relazione con l'infiammazione.

Source:

Bentham Science Publishers