Le politiche Finanziarie potrebbero contribuire a diminuire il consumo di bevande zuccherate, il nuovo WHO riferisce rivela

La Tassazione delle bevande zuccherate può abbassare il consumo e diminuire l'obesità, diabete di tipo 2 e carie dentaria, dice un nuovo rapporto (WHO) dell'Organizzazione mondiale della sanità.

Le politiche Finanziarie che piombo almeno ad un aumento di 20% del prezzo al dettaglio delle bevande zuccherate provocherebbero le riduzioni proporzionali del consumo di tali prodotti, secondo il rapporto nominato politiche Finanziarie per la Dieta e la Prevenzione delle Malattie Noncommunicable (NCDs).

Consumo Diminuito di assunzione zuccherata di mezzi delle bevande più in basso “degli zuccheri liberi„ e calorie complessive, nutrizione migliore e meno la gente che soffrono dal peso eccessivo, dall'obesità, dal diabete e dalla carie dentaria.

Gli zuccheri Liberi si riferiscono ai monosaccaridi (quali glucosio, fruttosio) ed ai disaccaridi (quali saccarosio o lo zucchero di tabella) aggiunti agli alimenti ed alle bevande dal produttore, dal cuoco o dal consumatore e gli zuccheri naturalmente presenti in miele, sciroppi, succhi di frutta e succo di frutta si concentra.

Obesità sull'aumento

“Consumo di zuccheri liberi, compreso i prodotti come le bevande zuccherate, è un fattore principale nell'aumento globale della gente che soffre dall'obesità e diabete,„ dice il Dott. Douglas Bettcher, Direttore del WHO è Dipartimento per la Prevenzione di NCDs. “Se i prodotti di imposta di governi come le bevande zuccherate, essi possono diminuire soffrire e salvare le vite. Possono anche ridurre i costi di sanità ed aumentare i redditi per investire nei servizi sanitari.„

Nel 2014, più di 1 in 3 adulti (di 39%) universalmente di 18 anni e più vecchi era di peso eccessivo. Prevalenza Mondiale di obesità più di quanto raddoppiato fra 1980 e 2014, con 11% degli uomini e 15% delle donne (miliardo adulti più mezzi) che sono classificate come obeso.

Inoltre, i 42 milione bambini stimati invecchiati al di sotto di 5 anni erano nel 2015 di peso eccessivo o obesi, un aumento di circa 11 milione durante i 15 anni scorsi. Quasi la metà (48%) di questi bambini ha vissuto in Asia e 25% in Africa.

Il numero della gente che vive con il diabete egualmente sta aumentando nel 2014, da 108 milioni nel 1980 a 422 milioni. La malattia era direttamente nel 2012 responsabile di 1,5 milione morti da solo.

Necessità di diminuire l'assunzione dello zucchero

“Nutrizionalmente, la gente non ha bisogno di alcun zucchero nella loro dieta. Il WHO raccomanda che se la gente consuma gli zuccheri liberi, tengano la loro assunzione inferiore a 10% dei loro bisogni energetici totali e lo riduce a meno di 5% per le indennità-malattia supplementari. Ciò è equivalente di meno che un singolo servizio (almeno 250 ml) delle bevande zuccherate di consumo corrente al giorno,„ dice il Dott. Francesco Branca, Direttore del WHO è Dipartimento di Nutrizione per Salubrità e lo Sviluppo.

Secondo il nuovo rapporto del WHO, le indagini dietetiche nazionali indicano che le bevande e gli alimenti su in zuccheri liberi possono essere una sorgente importante delle calorie inutili nelle diete della gente, specialmente nel caso dei bambini, degli adolescenti e di giovani adulti.

Egualmente precisa che alcuni gruppi, compreso la gente che vivono sui redditi bassi, i giovani e coloro che frequentemente consuma gli alimenti e le bevande non sani, è il più rispondente ai cambiamenti nei prezzi delle bevande e degli alimenti e, pertanto, trae le più alte indennità-malattia.

Facendo Uso delle politiche finanziarie per diminuire consumo

Le politiche Finanziarie dovrebbero mirare agli alimenti e le bevande per cui le alternative più sane sono disponibili, il rapporto aggiunge.

Il rapporto presenta i risultati di una riunione mid-2015 degli esperti globali riuniti dal WHO e di un'indagine su 11 esame sistematico recente dell'efficacia degli interventi di politica finanziaria per il miglioramento delle diete ed impedire NCDs e di una riunione tecnica degli esperti globali. Altri risultati includono:

  • Le Sovvenzioni per le frutta e le verdure fresche che riducono i prezzi di 10-30% possono aumentare il consumo della verdura e della frutta;
  • Le Tasse di determinati alimenti e bevande, specialmente quel livello in grassi saturati, grasso del trasporto, gli zuccheri liberi e/o sale sembrano promettenti, con la prova attuale che indica chiaramente che gli aumenti dei prezzi di tali prodotti diminuisca il loro consumo;
  • Le Accise, come quelle usate sui prodotti del tabacco, che applicano una quantità (specifica) dell'insieme di tassa su una quantità o su un volume data del prodotto, o l'ingrediente particolare, sono probabili essere più efficaci delle vendite o di altre tasse basate su una percentuale di prezzo al dettaglio;
  • Gli aiuti pubblici Per tali aumenti di imposta potrebbero essere aumentati se il reddito che generano è stanziato affinchè gli sforzi migliorasse i sistemi di salubrità, per incoraggiare le diete più sane e per aumentare l'attività fisica.

Una serie di paesi hanno approntato le misure fiscali per proteggere la gente dai prodotti non sani. Questi includono il Messico, che ha applicato le accise sulle bevande analcoliche con lo zucchero aggiunto e l'Ungheria, che ha imposto una tassa ai prodotti confezionati con i livelli elevati degli zuccheri, del sale o della caffeina.

I Paesi, quali le Filippine, il Sudafrica ed il Regno Unito egualmente hanno annunciato le intenzioni di applicare le tasse sulle bevande zuccherate.

Sorgente: http://www.who.int/