Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

FAAM 2016: Gli esperti discutono gli avanzamenti nella diagnosi, nella gestione delle allergie alimentari e nell'anafilassi

L'accademia europea dell'allergia e dell'immunologia clinica (EAACI) ha annunciato oggi l'inaugurazione delle sua riunionith di allergia alimentare 4 e di anafilassi (FAAM), ospitante oltre 1.200 ricercatori internazionali, i clinici ed i professionisti del settore medico-sanitario alleati a Roma dal 13-15 ottobre 2016. L'edizione di quest'anno è la più grande allergia alimentare che si incontra organizzato mai, confermando attenzione aumentata che i professionisti di sanità e la comunità generale stanno prestando a questo argomento.

in Europa, più di 17 milione di persone soffrono dalle allergie alimentari, di questi 3,5 milioni hanno luogo al di sotto di 25 anni. Ancora, 8% della gente che soffre dalle allergie alimentari sono esposti al rischio di reazione severa con conseguente morte. Le reazioni di allergia alimentare sembrano essere sull'aumento pricipalmente fra i bambini: un aumento di 7 volte nei ricoveri ospedalieri per anafilassi dell'alimento è stato riferito nel Regno Unito e l'Australia durante gli ultimi 10 anni, fra i bambini ha invecchiato 0-14 anni.

La natura seria e pericolosa della malattia, con il carico di anafilassi e della sua prevalenza aumentante, rende ad allergie alimentari una preoccupazione importante di salute pubblica ed egualmente ha considerevoli implicazioni economiche. Il costo sociale delle allergie alimentari potrebbe essere incontrato con le allergie direttamente di gestione (per esempio approvvigionamento delle droghe, degli alimenti senza allergene, dell'ospedalizzazione e dell'assistenza medica dello specialista), o indirettamente (per esempio tempo perso da lavoro o dal banco come pure la perdita di produttività). È stimato che il costo di gestione delle allergie alimentari sia maggior di per altre malattie croniche, quale il diabete, che costa ad U.S.A. circa USD $4.800.

L'ambizione principale di FAAM è di affrontare questa malattia con un approccio integrato compreso tutti i consegnatari addetti a gestire la natura complessa delle allergie alimentari e dell'anafilassi. Oltre ai allergists, pediatri e gastroenterologi, la riunione sta presenzianda dai tecnologi dell'alimento, dai professionisti del settore medico-sanitario alleati, dai responsabili politici e dalle organizzazioni pazienti. Un'arena pluridisciplinare che porta gli specialisti differenti è insieme determinante per il mantenimento di natura molto riuscita di FAAM, che è caratterizzata dall'apprendimento pluridisciplinare altamente interattivo.  

Linee guida di EAACI sulle allergie alimentari e sull'anafilassi

Il primo giorno di FAAM 2016, EAACI ha fornito un aggiornamento sulla pianificazione di entrata in vigore delle sue linee guida di anafilassi e di allergia alimentare con un fuoco speciale sugli strumenti per i medici di pronto intervento. Infatti, per la prima volta, l'associazione europea principale dei medici di pronto intervento è stata compresa nel dibattito di EAACI sulle allergie alimentari. Gli esperti da EAACI e l'associazione europea dei medici di famiglia (UEMO) hanno illustrato i punti per la riuscita entrata in vigore di queste linee guida durante la tavola rotonda presieduta dal professor Antonella Muraro, Presidente di EAACI e della presidenza di FAAM 2016 ed il Dott. Alberto Lupo, Presidente di UEMO.

“I medici di famiglia sono alla prima linea di diagnostica e di cura dei pazienti e soltanto rinforzando la collaborazione con questi professionisti ci vuole può assicurare un'identificazione più in anticipo migliore e trattamento dei pazienti che soffrono dalle allergie alimentari e dall'anafilassi,„ ha detto il professor Muraro.

La legislazione di UE corrente si è riferita al contrassegno dell'allergene dell'alimento

Un altro argomento importante che sarà discusso durante il FAAM 2016 è la legislazione di UE corrente relativa al contrassegno dell'allergene dell'alimento. Dal dicembre 2014, il regolamento di UE nessun 1169/2011 su informazioni dell'alimento ai consumatori richiede che informazioni su una lista di priorità degli ingredienti allergeni, inclusa in una ricetta, è fornito sul preimballato su, liberamente ed alimenti approvvigionati. Mentre questo sta aiutando i consumatori che soffrono dalle allergie per evitare gli alimenti problematici, la presenza non intenzionale di allergeni è con conseguente uso dei contrassegni preventivi dell'allergene. Relativamente a questo argomento, una nuova proposta di regolamentazione “può contenere„ il contrassegno sarà discussa e una generalità sarà fatta della legislazione regolatrice internazionale su questo argomento.

“L'influenza della legislazione di UE sul lavoro quotidiano dell'industria e l'impatto sui consumatori che soffrono dalle allergie sono enormi. Di conseguenza, tutti i consegnatari dovrebbero essere informati degli enti competenti' atti, compreso le raccomandazioni volontarie di valutazione del rischio stabilite dall'industria,„ dai mulini evidenziati del professor Clare, dal co-presidente di FAAM 2016 e dal coordinatore al del progetto fondato a UE del iFAAM all'università di Manchester. Il professor Muraro allora aggiunto, “la sicurezza è di massima importanza per i pazienti ed i genitori e la loro qualità di vita possono cambiare drammaticamente secondo le raccomandazioni legali definitive„.

La riunione egualmente fornirà i nuovi aggiornamenti sulla ricerca e le attività in questa area, includente al dal progetto fondato a UE del iFAAM, su come tali contrassegni possono essere utilizzati ad un in un modo trasparente e basato a prova comunicare il rischio potenziale di allergene, piuttosto che essendo utilizzando in un modo difensivo senza alcun rischio di contaminazione dell'allergene.

Gli approcci integrati all'allergene dell'alimento ed al programma della gestione di allergia (iFAAM) è coordinato dal professor Mills all'università di Manchester. Il progetto è costituito un fondo per dall'Unione Europea e da 43 partner dall'altro lato di Europa, di U.S.A. e dell'Australia e comprende le organizzazioni accademiche, i gruppi pazienti e l'industria alimentare. Mira a sviluppare agli gli approcci basati a prova e gli strumenti per la gestione degli allergeni in alimento, ad integrare la conoscenza derivata dalla loro applicazione nei piani di gestione di allergia alimentare e nel consiglio dietetico ed a sviluppare le strategie per diminuire il carico delle allergie alimentari in Europa.

Alimenti novelli ed allergeni novelli

La valutazione del rischio allergene degli alimenti novelli e degli allergeni novelli è un argomento di avanguardia e sarà indirizzata in una sessione che caratterizza la presenza, fra altri esperti, di Antonio Fernandez Dumont dall'associazione europea di sicurezza alimentare (EFSA), che discuterà le visualizzazioni dell'Unione Europea su come affrontare questa emissione importante.

In un'era di insicurezza aumentata di alimento e del mutamento climatico, le nuove sorgenti di proteina dietetica saranno urgentemente necessarie. Alcuni di questi, quale la proteina dell'insetto, non possono ampiamente essere consumati ma potrebbero comportare un rischio per quelle con le allergie alimentari. I nuovi approcci scientifici sono richiesti per assicurare l'innovazione nel nuovo progresso degli ingredienti della proteina dell'alimento mentre assicurando le persone con le allergie alimentari sono efficacemente protetti. Tuttavia, il professor Muraro ha commentato che la maturazione alle allergie alimentari è molto vicina all'individuazione.

Nel corso della riunione, i risultati di prova di immunoterapia egualmente saranno presentati. L'argomento “come impedire le allergie alimentari„ sarà discusso completamente, illustrante gli ultimi risultati della ricerca sulla modulazione della risposta immunitaria nella vita e nella gravidanza iniziali come pure il ruolo del microbiome nella modellatura della reazione del sistema immunitario agli allergeni dell'alimento.

Questi e molti altri argomenti più ulteriormente saranno discussi nel contesto di un programma di tre giorni di sbraccio, caratterizzante più di 70 esperti. I simposi, i seminari ed i gruppi di lavoro della riunione offriranno l'opportunità affinchè gli esperti scambino le idee ed innovazioni di avanguardia nella scienza e medicina per quanto riguarda biologia dell'allergene dell'alimento, supporto nutrizionale e approcci terapeutici innovatori a cura paziente ed a sicurezza alimentare.  

“FAAM è stato sempre un'opportunità unica di riaffermare la visione che possiamo soltanto aiutare i pazienti e gestire adeguatamente le parecchie sfide connesse con questa malattia lavorando insieme poichè consegnatari in un approccio paziente-centrato,„ il professor commentato Muraro. “È emozionante venire ad una riunione che riunisce la gente dall'altro lato del mondo e dalle discipline differenti, tutto il lavoro per risolvere il problema delle allergie alimentari - dalle terapie e dalla prevenzione agli allergeni di gestione dell'alimento in alimenti fabbricati. Tutto il lavoro per rendere vita migliore e più sicura per chiunque abbastanza sfavorevole per soffrire da un'allergia alimentare,„ ha aggiunto il professor Mills.