Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori di U-M hanno assegnato una concessione di $7,5 milioni NIH per ampliare la ricerca cronica di dolore

Per capire meglio la disparità fra danno identificabile e dolore cronico, gli istituti della sanità nazionali ha assegnato $7,5 milioni in cinque anni agli medico-scienziati al sistema di salubrità dell'università del Michigan.

“Vogliamo aumentare la comprensione di come il danno o l'infiammazione periferica ed il sistema nervoso centrale scompone, interagiamo per causare acuto e dolore cronico,„ dice il ricercatore co-principale Daniel Clauw, M.D., professore di U-M di anestesiologia, la psichiatria e la reumatologia e Direttore del Chronic Pain di U-M. e centro di ricerca di fatica.

I 100 milione Americani stimati lottano con dolore cronico, eppure molte persone non riescono a rispondere alle terapie comunemente usate quali le droghe antinfiammatorie, gli opioidi, le iniezioni e la chirurgia.

I ricercatori di U-M stanno raccogliendo la prova che suggeriscono che questi trattamenti potessero venire a mancare in parte perché mirano al danno di fondo o all'infiammazione nella regione dell'organismo che danneggia, scontante la partecipazione del sistema nervoso centrale.

Clauw dice, per quelli con la fibromialgia, è come i giri del cervello sul controllo del volume su trattamento di dolore. Quell'più in grande quantità è spesso il problema di fondo, più del danno o dell'infiammazione nella regione dell'organismo che danneggia.

La fibromialgia CORT dell'università del Michigan, o il centro della traduzione della ricerca, lanci questa caduta e studierà 800 oggetti con dolore osteomuscolare cronico, compreso dolore infiammatorio (artrite reumatoide), non infiammatorio (osteoartrite) e neuropatico (sindrome del tunnel carpale).

Il gruppo studierà se, come la fibromialgia, una parte dei pazienti con altri stati cronici di dolore egualmente risponderebbe meglio per drogare e terapie della non droga ha puntato sul cervello che alle droghe antinfiammatorie, agli opioidi, alle iniezioni ed all'ambulatorio standard.

Ogni gruppo degli oggetti subirà l'ultima indagine della fibromialgia, sviluppata in parte da Clauw, auto-rapporto la severità e la posizione del loro dolore. Egualmente parteciperanno a prova sperimentale di dolore ed alla rappresentazione di cervello da contribuire a determinare la regolazione del controllo del volume di ogni oggetto sul trattamento di dolore.

“Speriamo di dimostrare le similarità nel neuroimaging fra coloro che soffre dagli alti livelli di dolore cronico, compreso i segni di dolore centralizzato,„ dice la Repubblica del Chad Brummett, M.D., il ricercatore co-principale, professore associato di U-M della gestione di dolore e di anestesiologia e di Direttore del dipartimento della divisione dell'anestesiologia della ricerca di dolore. “La gente con dolore centralizzato non reagisce bene ai trattamenti periferici come chirurgia. Inoltre, i pazienti centralizzati di dolore non rispondono pure agli opioidi dopo chirurgia a causa delle anomalie del cervello e del midollo spinale.„

Il gruppo egualmente pianificazione svilupparsi ed impianto pilota un'indagine cronica più efficiente e più premonitrice di dolore.

“Capire come il dolore cronico si manifesta permetterà che noi troviamo i migliori modi trattarlo,„ Clauw dice.

Source:

University of Michigan Health System