Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli anticorpi di neutralizzazione dai superstiti di Ebola possono proteggere i mouse dalla sfida virale micidiale

Uno studio dagli scienziati al centro vaccino di Emory, in collaborazione con la società di biotecnologia Atreca, Inc., ha trovato che gli anticorpi generati dal sangue dei superstiti della malattia di virus di Ebola possono neutralizzare forte il virus di Ebola in laboratorio e proteggere i mouse da una sfida virale letale.

La ricerca è stata presentata alla grande riunione annuale di sfide di Bill e delle fondamenta di Melinda Gates a Londra il 26 ottobre 2016. Le fondamenta dei portoni hanno fornito il finanziamento per la ricerca dell'anticorpo di Atreca ed il Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) ha fornito il finanziamento per gli studi piombo da Emory. Carl Davis, MD, PhD, un ricercatore nel laboratorio di Direttore vaccino Rafi Ahmed di Emory e tipo Cavet, PhD, vice presidente senior ed ufficiale della tecnologia del capo a Atreca, ha presentato la ricerca.

L'ospedale di Emory University ha curato quattro pazienti con la malattia di virus di Ebola in una caduta di 2014 e, con l'autorizzazione dei pazienti, ha raccolto i campioni del loro sangue per ulteriore ricerca.

Facendo uso della tecnologia immune e dei metodi di Capture™ del repertorio di Atreca (IRC™) precedentemente descritti nel laboratorio di Ahmed, il gruppo di ricerca poteva isolare gli anticorpi dal sangue dei superstiti. Questi anticorpi sono stati valutati ad un da un consorzio fondato a DARPA che ha incluso i gruppi al centro di ricerca degli aiuti del diamante di Aaron, al centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), all'istituto di ricerca di Scripps, alla Stanford University, all'università di banco di Wisconsin di medicina veterinaria ed all'istituto di ricerca medica dell'esercito di Stati Uniti delle malattie infettive (USAMRIID).

“Questa ricerca di collaborazione ha permesso che noi estendessimo la nostra comprensione del virus di Ebola come pure virus riferiti quale il virus di Marburgo,„ dice Ahmed. “Abbiamo imparato molto circa come il sistema immunitario umano può sviluppare gli efficaci anticorpi contro il virus di Ebola e cui le parti del virus possono essere più vulnerabili alla risposta immunitaria. L'identificazione degli anticorpi di neutralizzazione da cui può proteggere da una sfida virale in modo da di pochi pazienti è così rapidamente egualmente un risultato molto emozionante, offrente il potenziale per ulteriore ricerca che speriamo possiamo piombo ad entrambi gli agenti e vaccini terapeutici contro un virus di Ebola in piena evoluzione.„

Source:

Emory Health Sciences