I ricercatori trovano determinato breve ruolo chiave del gioco del DNA del ciarpame in via di sviluppo del sarcoma di Ewing

Gli allungamenti di DNA fra i geni, sporcati la ripetizione delle sequenze, una volta sono stati considerati “il ciarpame del genoma,„ ma gli scienziati stanno imparando che alcuno di questo ciarpame è lontano da ammasso inoffensivo.

I ricercatori all'università di Cancro che completo di North Carolina Lineberger il centro riferisce nella cella del giornale riferisce che determinati brevi, sequenze ripetitive di DNA, o “ciarpame,„ svolgono un ruolo importante nello sviluppo del sarcoma di Ewing, di un osso raro e del cancro del tessuto molle che si presenta il più comunemente in bambini ed in adolescenti.

“Qualche gente può ancora pensare a queste sequenze di non codifica come ciarpame; che realmente non fanno nulla ma fungono da seguaci alle parti più famose del genoma,„ ha detto lo Ian senior J. l'autore, MD, PHD, un oncologo pediatrico e ricercatore Davis dello studio ad UNC Lineberger ed il professore associato di Denman Hammond nel Cancro di infanzia alla scuola di medicina di UNC. “Ma abbiamo trovato che gli elementi ripetitivi contribuiscono allo sviluppo del cancro per il sarcoma di Ewing basato sui tratti che dividono con le celle acerbe.„
Per la maggior parte della gente con il sarcoma di Ewing, i tumori hanno una mutazione che crea un nuovo gene chiamato EWSR1-FLI1. Codici di questo gene per una proteina mutante, chiamati un oncoprotein, che determina il cancro. Ma risulta che la proteina mutante non funziona da solo.

I ricercatori di UNC Lineberger hanno trovato che gli stati specifici di DNA hanno migliorato
predisposizione all'attacco dei oncoprotein. In particolare, il modo che il DNA ripetitivo ordina interagisce con classe A di proteine chiamate istoni, che agiscono come una bobina intorno a cui il DNA è avvolto, offre un ambiente opportunistico per il oncoprotein. A determinati siti, il DNA è più “si apre„ o non imballato intorno alle bobine dell'istone, rendente li più accessibili al oncoprotein.

Davis ed i suoi collaboratori hanno scoperto che le determinate sezioni del DNA di ripetizione di modo interagiscono con gli istoni nell'alesaggio del sarcoma di Ewing una similarità notevole a quella delle cellule staminali, che sono celle che non hanno maturato e possono ancora trasformarsi in in molti tipi di celle. Credono che la scioltezza nel modo che il DNA e gli istoni interagiscono in cellule staminali e le cellule tumorali a questi siti di ripetizione permette che il oncoprotein interagisca con il DNA, cambiante il modo che molti geni sono espressi.

“Abbiamo identificato una nuova funzionalità nel modo che il genoma è organizzato in cellule staminali e questo finito spiegando un collegamento fra queste celle acerbe e lo sviluppo del sarcoma di Ewing,„ Davis ha detto. “Questo è un modo pensiamo che l'oncogene sfrutti un ambiente preesistente ed offra una certa comprensione in perché il cancro potrebbe avere una finestra molto specifica durante cui potrebbe svilupparsi. genere che come che di relazione del terreno e del seme. “Il seme„ del oncoprotein può formare soltanto il cancro terreno nella cellula staminale corretta “. “„

Le configurazioni d'individuazione su ricerca precedente da Davis e da altri che hanno mostrato i viaggi del oncoprotein a determinata non codifica, ripetendo le sequenze di DNA -- ripetendo le sezioni che sono state una sorgente del dibattito scientifico ed evolutivo e contemporaneamente, sono stati chiamati “ciarpame.„ A quei siti, alle guide del oncoprotein per tenere il DNA a quei siti “aperto,„ tenendo conto i geni vicini essere letto ed usato come cianografia per la costruzione della proteina. Molti geni implicati nello sviluppo del tumore sono situati vicino a quei siti del DNA di ripetizione.
Mentre la propensione dei oncoprotein viaggiare è stata conosciuta, i ricercatori non potrebbero spiegare perché ha viaggiato a determinate ripetizioni e non ad altre simili regioni e perché il oncoprotein è sembrato non potere agire in qualunque tipo di cella.

“Gli studi precedenti dal nostro laboratorio hanno dimostrato l'accessibilità aumentata della cromatina a queste regioni del DNA di ripetizione,„ ha detto il primo l'autore Nicholas Gomez, PhD dello studio, che ha lavorato al progetto come studente di laurea ad UNC. “Che cosa non abbiamo saputo è lo stato di queste regioni in cellule staminali. Interessante, abbiamo trovato che quelle regioni ripetitive con il più alta accessibilità in cellule staminali mesenchymal - la cella possibile dell'origine in questo cancro - hanno predetto le regioni che il oncoprotein legherebbe nel cancro.„
Ora, Davis ed i colleghi sono messi a fuoco sull'identificazione dei trattamenti che possono alterare la cromatina mirata a dal oncoprotein del sarcoma di Ewing. Come oncologo pediatrico, Davis è motivato per capire meglio e possibilmente per migliorare il trattamento per, questo cancro ed altri con la ricerca.

“Vedo i bambini con difficile trattare ed i cancri spesso incurabili nella clinica come pure bambini con i cancri curabili che richiedono i mesi o a volte gli anni di chemioterapia tossica,„ ha detto. “L'impatto di questi malattie e trattamenti sui bambini e sulle loro famiglie è profondo. Questo apprezzamento mi dà un'unità speciale agli studi dell'attrezzatura in laboratorio che avanzare la nostra comprensione di queste malattie ed usare quelle informazioni per provare ad avanzare i trattamenti.„

Source:

​University of North Carolina Health Care System