Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo trattamento con breve RNA d'interferenza terapeutico ha potuto contribuire a contrastare il cancro

Nella lotta contro cancro, medici sciorinano i combinazione-colpi di chirurgia, della chemioterapia e dell'altra parte posteriore di bordeggiare delle droghe un nemico spietato. Ora, gli scienziati hanno intrapreso le azione iniziali verso l'aggiunta della perforazione bruciante al repertorio dei clinici.

Una terapia mirata a romanzo facendo uso delle nanoparticelle ha permesso ai ricercatori al Georgia Institute of Technology di purgare i tumori ovarici in limitato, in vivo prova in mouse. “L'effetto che drammatico vediamo è la riduzione massiccia o l'estirpazione completa del tumore, quando il trattamento “del nanohydrogel„ è dato congiuntamente alla chemioterapia attuale,„ ha detto il ricercatore principale John McDonald.

Quel nanohydrogel è una pallina minuscola del gel che smerigliatrice dentro sulle celle maligne con un carico utile di un filo del RNA. Il RNA ha entrato nella cella, in cui ha abbattuto una proteina andata storto che è compresa in molti moduli di cancro.

Nelle prove sui mouse, ha messo i freni sulla crescita del cancro ovarico ed ha suddiviso la resistenza alla chemioterapia. Quello ha permesso che una droga comune della chemioterapia, cisplatin, drasticamente diminuisse o eliminasse i grandi carcinoma con la velocità ed il modo molto simili. I riusciti risultati nel trattamento di quattro mouse con la combinazione di siRNA e di cisplatin hanno mostrato poca varianza.

Crepa nell'armatura

Il breve RNA d'interferenza terapeutico (siRNA) sviluppato dai ricercatori Minati Satpathy e Mezencev romano di tecnologia della Georgia e di McDonald, la sovrapproduzione cancerogena contrastata delle strutture della cellula ha chiamato i recettore del fattore di crescita dell'epidermide (EGFRs), che estendono dalla parete di determinati tipi delle cellule. La sovrapproduzione di EGFR è associata con i cancri aggressivi.

I ricercatori dal banco della tecnologia della Georgia delle scienze biologiche hanno pubblicato i loro risultati lunedì 7 novembre 2016, nei rapporti scientifici del giornale. La ricerca è stata costituita un fondo per dagli istituti nazionali del programma del IMAT della salubrità, dall'istituto del Cancro ovarico, dal fondo di dotazione di Deborah Nash, dalle fondamenta di Curci e dalle fondamenta di Markel.

Il nuovo trattamento non è stato provato sugli esseri umani e la ricerca sarebbe richiesta da scienza e da legge per dimostrare i risultati coerenti - efficacia - tra l'altro, prima che le prove umane preliminari potrebbero diventare possibili.

Il successo della corrente in vivo rinforza l'idea che tramortire EGFR al livello del RNA può essere uno scopo degno da esplorare nella lotta contro i carcinoma in generale. Lo stesso nanohydrogel brevettato imballato con altri tipi di RNA terapeutici corrente sta provando a trattamento di altri tipi cancri.

Uccisore girato assistente

EGFRs è ricevitori trovati in celle epiteliali, che allineano gli organi in tutto l'organismo: Polmoni, bocca, gola, intestini ed altri. In donne, egualmente allinea gli organi riproduttivi: Ovaie, utero e cervice.

Sono proteine lunghe che colpiscono tramite la membrana cellulare, connettenti l'interno delle cellule con l'esterno. Assomigliano ai vermi deformati con le bocche minuscole sull'esterno che prendono una proteina del messaggero.

In una cella in buona salute, quelle molecole del messaggero inducono EGFRs ad avviare le catene lunghe delle reazioni biochimiche che piombo all'attivazione dei geni in questione in varie funzioni cellulari. In celle di carcinoma, il numero del presente di EGFRs sale alle stelle tipicamente.

“In molti cancri, EGFR overexpressed,„ McDonald ha detto. “Il problema è quello a causa di questa sovraespressione, molte funzioni cellulari, compreso la replica delle cellule e la resistenza a determinate droghe della chemioterapia, a gomito drammaticamente su.„

La cella impazze, metabolizza troppo zucchero, divide troppo e resiste alla chemioterapia. Il cancro si sviluppa in un tumore e può spargersi attraverso l'organismo.

Una sovrabbondanza di EGFRs ha trovato in una biopsia è solitamente un segno che il cancro è aggressivo e quella prognosi paziente è povera. “In 70 per cento dei malati di cancro ovarici, EGFR overexpressed molto agli alti livelli,„ McDonald ha detto.

Suicidio delle cellule: apoptosis

La sovraespressione di EGFR egualmente rende le cellule tumorali resistenti alla chemioterapia contrastando un meccanismo di difesa naturale.

“Alle le chemioterapie basate a platino usate per trattare i cancri ovarici causano il danno del DNA, che inserisce il apoptosis,„ McDonald hanno detto. Il Apoptosis è suicidio delle cellule. Quando le celle non possono riparare il danno del DNA, sono programmate uccidersi per tenere le cellule danneggiate dalla diffusione.

La chemioterapia primaria usata per trattare il cancro ovarico funziona persuadendo le cellule tumorali per avviare il programma di suicidio, ma avendo troppi recettore del fattore di crescita dell'epidermide si mette nel mezzo.

“La sovraespressione di EGFR ostacola il apoptosis; non moriranno. Abbattendo EGRF, rendiamo la cella ipersensibile alla droga. Il Apoptosis è riattivato,„ McDonald ha detto.

Le droghe mirate a EGFR esistenti chiamate inibitori della tirosina-chinasi interrompono una funzione di EGFR, ma il loro successo nel trattamento del cancro ovarico è stato limitato. “I clinici hanno provato gli inibitori di EGFR per trattare i cancri ovarici per determinati anni ed ottengono soltanto circa 20% dei pazienti che rispondono a,„ McDonald ha detto. “Apparentemente, la funzione particolare di EGFR inibita da queste droghe non è critica a cancro ovarico.„

Garretti d'ottone guida

Il breve RNA (si) d'interferenza progettato dai ricercatori di tecnologia della Georgia attacca il cancro molto più vicino alla sua root.

Per fare la proteina per EGFR, il RNA deve trasferire il suo codice genetico da DNA. Il siRNA dei ricercatori lega al RNA delle cellule e lo ferma dal lavoro.

“Stiamo abbattendo EGFR al livello del RNA,„ McDonald ha detto. “Poiché EGFR è multifunzionale, non è esattamente chiaro che le disfunzioni contribuiscono alla crescita del cancro ovarico. Completamente tramortendo la sua produzione in cellule tumorali ovariche, tutte le funzioni di EGFR sono bloccate.„

Il nanohydrogel che consegna il siRNA alle cellule tumorali è una palla coloida di una molecola organica del compatto e comune e di circa 98 per cento dell'acqua. Un'altra molecola si aggiunge alla superficie del nanohydrogel come guida. Fa le palline aderire alle cellule tumorali come le bombe a grappolo appiccicose.

Il tessuto cancerogeno può anche aiutare il nanohydrogel nell'ottimizzazione. “Quando entrate in un tumore, ci sono molti vasi sanguigni e molti sono rotti,„ McDonald ha detto. “Questo può aiutare le nanoparticelle per ottenere intrappolate passivamente nella vicinanza dei tessuti tumorali.„

In vivo nelle prove, il siRNA, che ha contenuto un tag fluorescente, ha permesso che i ricercatori osservassero le nanoparticelle con successo smerigliatrice dentro sulle cellule tumorali.

Vittoria fortuita

“Originalmente abbiamo selezionato per mirare al gene di EGFR perché la sua attività è misurata facilmente ed abbiamo voluto usarlo semplicemente come indicatore che il nostro delivery system del siRNA di nanoparticella stava funzionando,„ McDonald abbiamo detto. “Il fatto che il colpo di EGFR ha sensibilizzato così drammaticamente le celle alla chemioterapia standard è venuto come bit di una sorpresa.„

Inizialmente, il suo gruppo osservato come i tumori hanno risposto alla chemioterapia da solo. Poi la hanno combinata con il trattamento di nanoparticella.

“Quando abbiamo dato la chemioterapia da solo, la risposta era moderata, ma con l'aggiunta delle nanoparticelle, il tumore o è stato diminuito significativamente o completamente andato,„ McDonald ha detto.

Ma ha temperato con prudenza l'entusiasmo. “Ulteriormente lavori sarà richiesto per vedere se il trattamento completamente distruggesse ogni traccia di cellule tumorali nei tumori che sono scomparso, o se la ricorrenza futura è possibile.„

Se gli studi continui dei ricercatori più ulteriormente risultano essere coerenti, la combinazione del nanohydrogel con l'altro RNAs terapeutico potrebbe rappresentare un avanzamento significativo nel trattamento di ampia gamma di cancri.

Source:

Georgia Institute of Technology