La ricerca mostra il nuovo ruolo per i plasmidi nella resistenza a antibiotici

Un nuovo studio piombo dagli scienziati all'università di Oxford ha trovato che le piccole molecole del DNA conosciute come i plasmidi sono uno dei colpevoli chiave nella diffusione della minaccia globale principale di salubrità di resistenza a antibiotici.

Facendo uso di un modello sperimentale novello, il gruppo internazionale dei ricercatori indica che i plasmidi, che batteri interni in tensione e sono conosciuti per essere un veicolo per i geni di resistenza a antibiotici di trasferimento, possono accelerare l'evoluzione di nuovi moduli della resistenza - rendendoli più importanti al trattamento che precedentemente hanno pensato.

Lo studio è pubblicato nell'ecologia e nell'evoluzione della natura del giornale.

Il professor senior Craig MacLean, un ricercatore dell'autore della fiducia di Wellcome nel dipartimento di Oxford della zoologia, ha detto: “La scoperta degli antibiotici ha rivoluzionato la medicina rendendola molto più semplice trattare le infezioni batteriche e questa ha avuta un grande impatto sulle sanità e sulla longevità. Per esempio, l'uso di penicillina piombo ad una diminuzione di 90% nella mortalità causata da certi moduli di polmonite. Purtroppo, pochi nuovi antibiotici sono stati scoperti durante gli ultimi 30 anni e la resistenza agli antibiotici attuali si è sparsa costantemente perché gli antibiotici sono utilizzati molto nella medicina. Ciò piombo ad una crisi nella medicina, poichè abbiamo perso la capacità di trattare le infezioni batteriche che possono avere conseguenze pericolose.„

Un rapporto influente dalla Commissione di O'Neill predice che la resistenza a antibiotici piombo a 10 milione morti all'anno da ora al 2050, cancro incomparabile come sorgente della mortalità umana.

Il professor MacLean ha detto: 'La diffusione dei geni di resistenza in popolazioni batteriche è determinata tramite la selezione semplice e darwiniana: durante il trattamento antibiotico, i batteri con i geni di resistenza hanno un'più alta tariffa riproduttiva che i batteri sensibili e, di conseguenza, l'uso degli antibiotici causa la diffusione dei geni di resistenza.

'Molti dei geni di resistenza più importanti sono trovati sui plasmidi, che sono piccole, molecole circolari del DNA che vivono dentro i batteri. I plasmidi sono capaci di muoversi fra i batteri e solitamente sono pensati a come essendo “veicoli„ importanti che geni di resistenza di trasferimento fra i batteri.

'Il nostro documento dimostra che i plasmidi possono anche fungere da catalizzatori evolutivi che accelerano l'evoluzione di nuovi moduli della resistenza. Ciò accade perché i batteri portano solitamente più di una copia di un plasmide, che permette i geni di resistenza portati dai plasmidi per evolvere rapido le nuove funzioni - in questo caso, la capacità di degradare un antibiotico. Ulteriormente, i plasmidi ampliano automaticamente il numero delle copie di questi nuovi e geni di resistenza migliori.

“Questi risultati dimostrano un nuovo ruolo per i plasmidi nella resistenza a antibiotici e nell'innovazione evolutiva ed evidenziano la minaccia posata dai plasmidi contro la salute pubblica.„

Il professor MacLean ha aggiunto: “La visualizzazione convenzionale dei plasmidi è che fungono da veicoli importanti che trasferiscono i geni di resistenza fra i batteri. La nostra ricerca mostra un nuovo ruolo per i plasmidi nella resistenza a antibiotici dimostrando che i plasmidi determinano l'evoluzione dei moduli novelli di resistenza a antibiotici. Mentre questo non offre alcune soluzioni di per sé, più ulteriormente evidenzia l'importanza di mettere a punto i nuovi metodi per affrontare i plasmidi. Per esempio, può essere possibile sviluppare le nuove droghe che bloccheranno la replica del plasmide.„

Source:

University of Oxford