Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I trattamenti ad alta intensità dello statin aumentano i tassi di sopravvivenza in pazienti con la malattia cardiovascolare

Un grande studio nazionale ha confermato il valore dei trattamenti ad alta intensità dello statin per la gente con la malattia cardiovascolare, secondo i ricercatori alla scuola di medicina di Stanford University.

Sopra la durata di un anno, i ricercatori hanno trovato che i pazienti che catturano gli statins ad alta intensità hanno avuti una possibilità di sopravvivenza aumentata sopra quelle sugli statins dell'moderato-intensità. Lo studio sarà pubblicato il 9 novembre online in cardiologia di JAMA.

Gli Statins, classe A di droghe che abbassa i livelli di colesterolo nel sangue, sono prescritti comunemente per impedire l'accelerazione della malattia cardiovascolare causata dall'accumulazione di placca nelle arterie, che possono piombo agli attacchi di cuore ed al colpo.

I fornitori di cure mediche lungamente hanno dibattuto i vantaggi di prescrizione degli statins ad alta intensità ai loro pazienti con la malattia cardiovascolare. I pazienti, a loro volta, sono stati titubanti catturarli a causa dei messaggi ambigui dai loro medici e ricerche di Internet delle prospettive di medico e del paziente.

“Precedentemente, c'era definitivamente una certa quantità di timore da parte del paziente perché la maggior parte della gente non gradisce catturare il farmaco,„ ha detto Paul Heidenreich, MD, professore di medicina cardiovascolare e l'autore senior dello studio. Alcuni studi hanno indicato un rischio aumentato di effetti secondari, quale danno del muscolo o del diabete, connesso con gli statins più ad alta intensità.

Raccomandazioni contrastanti

Nel 2013, l'istituto universitario americano della cardiologia e l'associazione americana del cuore hanno raccomandato insieme la terapia ad alta intensità dello statin per i pazienti con la malattia cardiovascolare aterosclerotica che erano non più vecchi di 75. Le linee guida di ACC/AHA hanno differito, tuttavia, dalle linee guida stabilite nel 2014 dal sistema sanitario di affari dei veterani, che ha raccomandato soltanto gli statins dell'moderato-intensità, notando la mancanza di prova concludente che gli statins più ad alta intensità sono più utili di quelli dell'intensità moderata.

Nel loro studio, Heidenreich ed il suo gruppo hanno trovato la prova per supportare le linee guida di ACC/AHA. Hanno determinato che gli statins ad alta intensità in effetti aumentano le tariffe della sopravvivenza, non solo in più giovani e pazienti di mezza età con la malattia cardiovascolare, ma anche in una popolazione paziente non ben esaminata: adulti oltre 75.

“La più grande resistenza di questo studio è che abbiamo usato molto un grande, gruppo clinico ben definito,„ ha detto Fatima Rodriguez, MD, un collega della cardiologia a Stanford e l'autore principale dello studio. “I risultati indicano che statins ad alta intensità confer un vantaggio di sopravvivenza per i pazienti con la malattia cardiovascolare, compreso gli adulti più anziani.„

La grande dimensione del campione diminuisce la possibilità della probabilità

I ricercatori hanno studiato le cartelle sanitarie di 509.766 pazienti attraverso il paese che riceve la cura dal sistema sanitario di affari dei veterani. “Questo è ricchi molto grandi di una popolazione paziente nella malattia cardiovascolare,„ ha detto Rodriguez. “Oltre a definire questa grande, popolazione paziente nazionale, egualmente abbiamo avuti accesso ai loro dati clinici dettagliati, compreso i comorbidities e gli indici del colesterolo.„

Lo scopo primario era di esaminare i tassi di mortalità pazienti globali dal 2013 al 2014, i ricercatori hanno detto. Hanno incluso i pazienti con la coronaropatia, la malattia cerebrovascolare e la malattia periferica dell'arteria. “Queste sono basicamente le tre aree principali influenzate da accumulazione della placca -- il cuore, il cervello e le grandi arterie del resto dell'organismo,„ Heidenreich ha detto.

I pazienti erano catturare ad alta intensità, l'moderato-intensità o statins dell'basso intensità in molti moduli differenti ma comunemente prescritti, quali le rosuvastatine e le atorvastatine. I ricercatori egualmente hanno seguito un gruppo che non stava catturando alcuni statins. I pazienti hanno avuti severities differenti della malattia cardiovascolare, facenti un po'più di probabile essere statins più ad alta intensità prescritti che altri. Così i ricercatori hanno definito ad ogni paziente un punteggio affinchè la tendenza ricevano gli statins ad alta intensità ed hanno regolato i risultati dello studio di conseguenza.

I risultati hanno mostrato una possibilità di sopravvivenza aumentata 9 per cento per i pazienti che catturano gli statins ad alta intensità confrontati a quelli che ricevono i trattamenti dell'moderato-intensità. “Abbiamo trovato basicamente le stesse riduzioni di rischio esaminate dalle linee guida di affari dei veterani, ma non hanno pensato che il vantaggio fosse perché la dimensione del campione era piccola,„ Heidenreich significativo dicesse. “Abbiamo in modo da molti altri pazienti, possiamo essere sicuri che non era dovuto da chance.„

Gruppi pazienti specifici d'esame

Lo studio ha considerato i dati dai pazienti oltre 75 -- un gruppo poco studiato nei test clinici. Ha trovato che i pazienti fra le età di 75 e 85 statins ad alta intensità di cattura hanno avuti un vantaggio di tasso di sopravvivenza comparabile a quello di più giovani pazienti: una possibilità di sopravvivenza più d'altezza 9 per cento ha confrontato a quelle sugli statins dell'moderato-intensità.

“I nostri risultati indicano che i dati di test clinico da cuore studiano per quelli più giovane di 75 potrebbero anche applicarsi a questa popolazione più anziana,„ Heidenreich hanno detto.

Per concludere, hanno studiato l'effetto delle dosi differenti all'interno del gruppo ad alta intensità dello statin. I pazienti curati con la dose massima degli statins erano 10 per cento più probabili da sopravvivere a che i pazienti sulle dosi submassimali. “Questo suggerisce ai professionisti che invece di iniziare un paziente su una dose bassa, per andare appena avanti e metterli sulla dose massima possono tollerare,„ Rodriguez ha detto.

Una limitazione dello studio era che i ricercatori non potevano determinare se i pazienti sono morto della malattia cardiovascolare o di un altro causa.

Sistemazione del dibattito

Il punto seguente, i ricercatori hanno detto, è di scoprire perché alcuni pazienti che dovrebbero essere sugli statins ad alta intensità non sono. Sperano che medici prendano i risultati del loro studio in considerazione quando prescriva gli statins. “Ci sono molte linee guida e raccomandazioni là fuori, in modo da penso che anche dobbiamo rendere il sistema migliore,„ Rodriguez ha detto. “Forse gli ospedali possono impiegare un ricordo clinico a medici, un messaggio quel pop-up sullo schermo del medico che chiede perché un paziente cardiovascolare non è su uno statin ad alta intensità.„

I ricercatori egualmente sperano di continuare sui dati più a lungo termine da queste popolazioni pazienti. “Non solo facciamo speriamo di continuare a studiarci questa popolazione, ma egualmente speriamo di studiare i pazienti senza malattia cardiovascolare priore ma chi sono ad ad alto rischio per,„ ha detto Rodriguez.

Per concludere, sperano che questi risultati contribuiscano a sistemare il dibattito su cui medici delle linee guida dovrebbero usare quando prescrive gli statins ai pazienti. Heidenreich ha detto, “noi pensa che questo dovrebbe dare i clinici, i medici ed i professionisti dell'infermiere più conforto in quanto segue l'istituto universitario americano della cardiologia e delle linee guida americane di associazione del cuore e nel mettere la gente con la malattia cardiovascolare priore su uno statin ad alta intensità.„

Il lavoro è un esempio del fuoco della medicina di Stanford su salubrità di precisione, lo scopo di cui è di prevedere ed impedire la malattia nel sano e precisamente diagnosticare e trattare la malattia nell'Illinois.

Source:

Stanford University Medical Center