Gli scienziati identificano le mutazioni genetiche in meningiome rhabdoid altamente aggressivi

I meningiome sono i tumori cerebrali primari più comuni, ma il termine comprende sopra dozzina sottotipi che variano da benigno ad altamente aggressivo. I meningiome Rhabdoid sono classificati come altamente aggressivo dovuto i loro tassi alti di ricorrenza e di mortalità, ma l'esperienza ed i risultati per i pazienti con questo modulo raro del tumore cerebrale variano ampiamente. I ricercatori da Brigham e dall'ospedale delle donne, in collaborazione con i colleghi al policlinico di Massachusetts, hanno identificato le mutazioni genetiche in questo modulo di tumore al cervello che può distinguere i meningiome rhabdoid aggressivi dai moduli più benigni facendo uso delle prove di laboratorio sistematiche. I nuovi risultati hanno potuto avere implicazioni immediate per processo decisionale clinico. L'opera è pubblicata il 10 novembre in Neuro-Oncologia del giornale.

“Il nostro lavoro ha implicazioni pratiche per la cura dei pazienti con i meningiome,„ ha detto Sandro Santagata, il MD, il PhD, un patologo nella divisione di neuropatologia a BWH. “Speriamo che questo lavoro abbia un impatto non solo sulla gestione clinica, ma anche per l'iscrizione dei pazienti nei test clinici. I trattamenti novelli per i meningiome sono necessari urgentemente e determinare quali pazienti hanno più aggressivo i moduli della malattia basata sulla genetica del tumore potrebbe aiutarci a progettare le migliori prove e gli approcci più precisi del trattamento.„

Ganesh Shankar, MD, PhD, un neurochirurgo al policlinico di Massachusetts, ha detto, “due meningiome possono sembrare simili sotto il microscopio, ma sappiamo che questi due tumori possono avere decorsi clinici molto differenti. Lo scopo di questo studio era di identificare una funzionalità della facile--misura che avrebbe contribuito a predire quali tumori richiedono la sorveglianza più vicina e in anticipo le terapie che seguono la resezione chirurgica per ritardare la progressione. Ciò è uno sforzo che ha attinto le risorse delle istituzioni di collaborazione multiple che lavorano verso lo stesso scopo.„

Solitamente, i meningiome rhabdoid sono classificati in base all'aspetto ed alle caratteristiche fisici, ma questi tumori enigmatici possono essere difficili affinchè i patologi classifichino esattamente. Per trovare un'impronta digitale molecolare che potrebbe contribuire ad identificare il meningioma rhabdoid, Santagata ed i suoi colleghi ha ordinato 560 geni in relazione con il Cancro da 14 meningiome. In un campione, il gruppo ha individuato una mutazione nel gene BAP1 con le funzionalità fisiche indicarici (quale la forma delle celle del tumore) del meningioma rhabdoid. Gli studi precedenti avevano trovato che quella gente con le mutazioni ereditate nel gene BAP1 che causano una perdita di proteina BAP1 è incline una sindrome di predisposizione del tumore - una circostanza che le mette molto ad un ad alto rischio di sviluppare parecchi generi di tumori compreso i tumori nell'occhio, il polmone, rene ed altrove. Ma i tumori cerebrali primari non erano stati associati già con la sindrome.

Il gruppo ha continuato ad analizzare i campioni da 47 pazienti con i meningiome rhabdoid come pure 265 meningiome supplementari di diversi sottotipi e gradi. Nessuno dei meningiome non rhabdoid hanno avuti una perdita di BAP1. Tuttavia, cinque dei 47 pazienti con i meningiome rhabdoid hanno avuti le mutazioni o eliminazioni che pregiudicano BAP1. Questi pazienti hanno avuti risultati clinici difficili: due sono morto della malattia e due hanno avuti casi multipli della ricorrenza; le informazioni cliniche di seguito non erano disponibili per il quinto. Per quei pazienti con BAP1 intatto, il periodo medio della progressione di malattia era di 116 mesi; per i pazienti con le mutazioni BAP1, era di soltanto 26 mesi.

La presenza o l'assenza di BAP1 può essere riflessa con una prova semplice ed economica conosciuta come il immunohistochemistry - in cui un campione di tessuto è raccolto e macchiato per una proteina particolare. Questo approccio è corrente nell'uso sistematico per la caratterizzazione dei campioni di un cancro dell'occhio conosciuto come il melanoma uveal e un tumore che risulta dai rivestimenti del torace e dell'addome conosciuti come mesotelioma - moduli di cancro legati alla sindrome di predisposizione del tumore.

Il numero delle casse del meningioma rhabdoid studiate in questo lavoro era piccolo; i più grandi studi saranno necessari determinare la prevalenza delle mutazioni BAP1 in meningiome rhabdoid e valutare l'impatto della loro rilevazione su cura clinica. Tuttavia, il lavoro recente suggerisce forte che una valutazione attenta di storia della famiglia sia un critico per i pazienti che sviluppano i meningiome rhabdoid e che i pazienti con i tumori negativi BAP1 possono autorizzare l'osservazione più attenta e la cura messa a fuoco.

“Provare a BAP1 in meningiome rhabdoid potrebbero essere realizzate ordinariamente e ad un basso costo, con il potenziale di cambiare il corso di cura clinica e di evitare overtreatment o di identificare coloro che può avere bisogno della terapia più aggressiva,„ ha detto Santagata. “Speriamo che questo lavoro recente offra egualmente le comprensioni per i clinici ed i pazienti come raccolgono più informazioni su questi tumori.„

Source:

Brigham and Women's Hospital