Lo studio di TSRI suggerisce il nuovo approccio alla crescita del tumore di limite mirando alle celle di sistema immunitario

Un nuovo studio piombo dagli scienziati al The Scripps Research Institute (TSRI) suggerisce che ci possa essere un modo limitare la crescita del tumore mirando alle celle di sistema immunitario chiamate macrofagi.

Mauricio Rosenfeld (lasciato), fede H. Barnett (destra) e Martin Friedlander piombo il nuovo studio al The Scripps Research Institute. (Foto da Madeline McCurry-Schmidt)

La ricerca rivela che i macrofagi inscatolano “il trapano„ attraverso i tumori per creare le nuove strutture imbarcazione imbarcazione per la consegna l'ossigeno e delle sostanze nutrienti mentre i tumori si sviluppano.

“Questo può rappresentare un intero nuovo obiettivo terapeutico per il trattamento dei tumori,„ ha detto il professor Martin Friedlander, autore senior di TSRI di nuovo studio, che è stato pubblicato l'11 novembre nei rapporti scientifici del giornale.

Un genere differente di imbarcazione

I vasi sanguigni sono costruiti normalmente dalle celle endoteliali. Nel cancro, le celle del tumore possono incitare le celle endoteliali a costruire le nuove imbarcazioni per portare nei ricchi di sangue con ossigeno e le sostanze nutrienti, un trattamento chiamato angiogenesi.

La ricerca recente ha rivelato che non tutte le imbarcazioni sono allineate dalle celle endoteliali. Nel cancro, le strutture imbarcazione imbarcazione possono essere create da un tipo non endoteliale delle cellule. Questo fenomeno, chiamato “mimetismo vascolare,„ è stato osservato in parecchi tipi di tumori solidi, compreso il glioblastoma, cancro al seno e melanoma ed è stato attribuito ad una sottopopolazione delle celle all'interno del tumore chiamato cellule staminali di cancro.

Eppure gli scienziati in questo studio hanno trovato che i macrofagi possono formare i canali vascolari del mimetismo in tumori come pure in altri ambienti dell'basso ossigeno. Sebbene i macrofagi siano celle chiave del sistema immunitario che riconoscono ed attaccano gli invasori e le cellule tumorali non Xeros, i macrofagi possono essere riprogrammati all'interno dell'ambiente del tumore per promuovere la crescita del tumore.

Gli scienziati nel nuovo studio hanno presentato un nuovo e ruolo strutturale non riconosciuto per i macrofagi nella formazione di rete vascolare del mimetismo connessa alla circolazione sistemica.

“Questi condotti hanno un'architettura distinta da quella dei vasi sanguigni tradizionali,„ ha detto la fede H. Barnett, un ricercatore del cancro ed il neurochirurgo alla clinica di Scripps che ha servito da co-primo autore dello studio con Mauricio Rosenfeld.

Facendo uso di una tintura per via endovenosa iniettata per delineare il sistema vascolare stabilito come pure i condotti vascolari formati di recente del mimetismo, i ricercatori hanno trovato che i macrofagi migrassero rapidamente agli ambienti ossigeno-sfavoriti e formassero questi canali imbarcazioni imbarcazione. Gli esperimenti condutti da Barnett e da Rosenfeld hanno indicato che queste strutture tubolari sono allineate con le celle che esprimono gli indicatori della superficie delle cellule del macrofago.

“I macrofagi sono capaci di formazione della rete tridimensionale,„ ha detto Rosenfeld.

Questi canali imbarcazioni imbarcazione sono sembrato troppo piccoli portare i globuli rossi, ma i ricercatori ritengono che i tenori in ossigeno bassi all'interno dei macrofagi dell'unità dei tumori per formare questa rete dei canali per trasportare abbiano dissolto l'ossigeno ed il glucosio.

Un obiettivo possibile del Cancro

I risultati potrebbero spiegare perché le droghe correnti rallentare l'angiogenesi non rallentano la crescita del tumore in alcuni pazienti. Friedlander ha detto che le terapie future del cancro potrebbero morire di fame i tumori combinando le droghe d'ottimizzazione correnti con le droghe per influenzare l'attività del macrofago.

“Ci può essere un'opportunità di intervenire dal punto di vista terapeutico,„ Friedlander ha detto.

Oltre a fornire un nuovo approccio a cancro, Friedlander ha aggiunto che gli studi futuri potrebbero mettere a fuoco su migliore comprensione come i macrofagi influenzano l'angiogenesi ed il flusso sanguigno retinici nella preoccupazione di tasto dell'occhio-un per la gente con le malattie come degenerazione maculare senile bagnata relativa all'età, dove le imbarcazioni colanti possono causare la perdita della visione.

I ricercatori hanno aggiunto che questo studio non sarebbe stato possibile senza scienziati degli impianti della memoria di TSRI, che hanno aiutato con microscopia elettronica, la rappresentazione confocale, in vivo gli sforzi del mouse e l'analisi quantitativa.