Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La depressione materna può pregiudicare lo sviluppo del cervello del bambino nelle fasi critiche nella vita

I sintomi depressivi in donne durante e dopo la gravidanza sono associati con spessore diminuito del livello esterno della corteccia- del cervello responsabile di pensiero complesso e comportamento-nei capretti dell'scuola-età, secondo un nuovo studio pubblicato in psichiatria biologica. I risultati suggeriscono che l'umore di una madre possa pregiudicare lo sviluppo del cervello del suo bambino nelle fasi critiche nella vita.

“Le madri vogliono generalmente fare tutto che possano dare alla loro prole la possibilità di successo migliore nella vita. Si assicurano spesso mangiare bene e catturare le vitamine speciali,„ ha detto John Krystal, editore della psichiatria biologica. “Questo nuovo studio ora suggerisce che un'altra cosa che possono potere fare sia di assicurarsi che siano trattate per la loro depressione.„

Diciotto per cento delle donne avvertono la depressione un certo tempo durante la gravidanza e sia la depressione perinatale che successiva al parto è stata associata con i risultati negativi in bambini. Il nuovo studio, piombo da Catherine Lebel dell'università di Calgary in Alberta, è il primo per riferire le associazioni fra la depressione materna e la struttura anormale del cervello in capretti a questa età.

I ricercatori hanno schermato 52 donne per i sintomi depressivi durante l'ogni acetonide della gravidanza e di alcuni mesi dopo che il bambino nasceva. Le donne hanno variato in presenza dei sintomi, alcuno senza o di pochi sintomi ed alcuni che rispondono ai criteri di selezione per la depressione. Quando i bambini hanno raggiunto circa 2,5 - 5 anni, i ricercatori hanno usato l'imaging a risonanza magnetica per misurare la loro struttura del cervello.

Le donne con gli più alti sintomi depressivi hanno teso ad avere bambini con il frontale più sottile e le aree temporali, regioni corticali implicate nelle mansioni che comprendono l'inibizione ed il controllo dell'attenzione. I ricercatori egualmente hanno trovato un'associazione fra i sintomi depressivi e la materia bianca anormale nell'area frontale, i tratti della fibra che connettono la regione ad altre aree nel cervello.

Queste associazioni sono state trovate soltanto quando i sintomi si sono presentati durante il secondo acetonide e successivo al parto, suggerendo che questi periodi fossero specialmente momenti critici per lo sviluppo del cervello del bambino.

L'assottigliamento corticale è un aspetto normale dello sviluppo del cervello durante la prima infanzia, in modo da Lebel dice che i risultati suggeriscono che il cervello possa svilupparsi prematuramente in bambini di cui le madri avvertono i sintomi più depressivi.

Le anomalie in struttura del cervello durante i periodi critici in via di sviluppo sono state associate spesso con i risultati negativi, quali le difficoltà di apprendimento ed i disordini comportamentistici. Ulteriormente, le anomalie della struttura del cervello identificate in questo studio riflettono quelle trovate in bambini con la depressione o ad ad alto rischio per sviluppare il disordine, suggerendo che queste alterazioni possano essere perché i bambini delle madri con la depressione perinatale sono più successivamente più vulnerabili alla depressione nella vita.

Sebbene il meccanismo dietro l'associazione rimanga un mistero, i risultati possono avere implicazioni per i rischi di minimizzazione di sviluppo atipico del cervello in bambini.

“I nostri risultati sottolineano l'importanza del video e della salute mentale supportante in madri non appena nel periodo successivo al parto, ma anche durante la gravidanza,„ ha detto Lebel.

Source:

Elsevier