Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori trovano l'ampia variabilità dei prezzi in droghe generiche dell'infarto

La nuova ricerca dalla Saint Louis University trova che i prezzi per le droghe generiche comunemente usate dell'infarto varia ampiamente.

Un gruppo dei ricercatori piombo da Paul J. Hauptman, M.D., un cardiologo di SLUCare che si specializzano in infarto e professore di medicina interna alla scuola di medicina di Saint Louis University, trovato che il costo delle droghe fatte pagare alle farmacie al minuto può variare così ampiamente che i pazienti non assicurati non possono potere permetterle. La ricerca è stata evidenziata il 15 novembre alle sessioni scientifiche 2016 dell'associazione americana del cuore.

Una lettera della ricerca egualmente è stata pubblicata nella medicina interna di JAMA.

“L'idea per lo studio è nato con uno dei nostri pazienti, un uomo di 25 anni con infarto, che ha chiamato l'ufficio e che ha detto che non potrebbe permettere di riempire una prescrizione per la digossina,„ Hauptman ha detto. “Quando ho scoperto che l'offerta di un mese stava andando costargli $100, non potrei crederlo. Come me, penso che molti medici ammettano quello se state scrivendo una prescrizione per un farmaco generico che sarà accessibile -- e quello non è necessariamente il caso.„

I 7,3 milione Americani stimati con la malattia cardiovascolare sono underinsured o non assicurati.

Hauptman ed il suo gruppo hanno esaminato 175 farmacie nella regione di St. Louis dello Bi-stato per determinare che cosa hanno fatto pagare i clienti non assicurati per tre medicine linea guida-dirette generiche (digossina, Lisinopril e carvedilolo) usate all'infarto dell'ossequio. Le farmacie sono state interrogate durante il periodo di tre settimane a maggio ed i dati sono stati forniti da 153 catene di negozi e da 22 di farmacie de proprietà d'indipendente in 55 codici postali differenti.

Il prezzo dell'acquisto in contanti dai 30 giorni per le tre droghe ha variato da $20,19 a $256,77 per le dosi basse delle droghe, con un prezzo mediano di $67,98; e $12 - $397,58 per le dosi elevate delle droghe, con un prezzo mediano di $70,68. I simili dati sono stati ottenuti per 90 offerte del giorno.

La digossina, il più vecchio farmaco, era il più costoso dei tre.

Lo studio non ha trovato un collegamento fra il prezzo, l'area ed il tipo di farmacia. I cluster di reddito mediano e di codice postale nella regione egualmente non hanno dimostrato le differenze in modo che la posizione della farmacia non predicesse la fissazione dei prezzi.

I ricercatori egualmente hanno trovato che i prezzi hanno variato anche alle memorie di proprietà da una singola catena principale della farmacia. Le farmacie di acquisto per corrispondenza non sono state incluse poichè non sono un'opzione disponibile per i pazienti più non assicurati e più underinsured.

I pazienti con infarto catturano comunemente cinque o sei farmaci, Hauptman ha detto. I pazienti nelle aree di reddito basso, che possono essere all'elevato rischio delle complicazioni da infarto non possono avere accesso conveniente alle farmacie multiple al reparto dei prezzi per il farmaco più economico, lasciante li vulnerabili agli intervalli nell'aderenza.

Poiché una maggior comprensione delle pratiche di fissazione dei prezzi al livello al minuto della farmacia è richiesta, i ricercatori raccomandano che lo studio sia ripiegato in altre zone geografiche e con differenti farmaci generici per trattare altre condizioni mediche. Allo stesso tempo, Hauptman ha indicato che ci sono le implicazioni potenziali di criterio di integrità basate sui dati correnti e che dalla prospettiva paziente, la variabilità veduta alla farmacia può essere molto difficile da gestire.

Source:

Saint Louis University