Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La cellula tumorale dell'origine nel glioma maligno di infanzia urta la predisposizione alla terapia del cancro

I bambini che sono diagnosticati con il severo il glioma maligno del tumore cerebrale hanno spesso una prognosi molto difficile. La conoscenza circa come il glioma maligno pediatrico sorge e si sviluppa ancora è limitata. I nuovi risultati dall'università di Upsala indicano che in mouse lo sviluppo del glioma ed i beni delle cellule del glioma sono influenzati sia dall'età che dal tipo delle cellule da cui il tumore è risultato. La cellula tumorale dell'origine era egualmente importante per la predisposizione delle cellule tumorali verso le droghe di cancro.

Lo studio è pubblicato nella ricerca sul cancro del giornale.

Il cervello è composto pricipalmente di due tipi di celle; i neuroni e le celle complementari hanno chiamato le celle glial. Il glioma è tumori cerebrali che sono simili alle celle glial e nel glioma maligno degli adulti è il modulo più comune del tumore cerebrale primario. In bambini il glioma maligno è relativamente raro, ma, per quanto riguarda gli adulti, la prognosi è molto povera e di tutti i cancri di infanzia il glioma maligno è fra il più letale.

Il glioma maligno in bambini molto più di meno è studiato che in adulti e migliorare le possibilità per trovare le droghe efficienti più conoscenza e modelli pertinenti di malattia sono necessari. Inoltre, la maggior parte dei studi nel campo sono stati messi a fuoco sulla genetica della malattia e c'è una mancanza di conoscenza circa in quale tipo delle cellule il tumore ha prodotto e come questo tipo particolare delle cellule pregiudica i beni del tumore. Ciò è esattamente che cosa i ricercatori hanno studiato nello studio presente dove hanno usato i modelli del mouse di glioma ed hanno trovato che il glioma maligno che proviene dai tipi differenti delle cellule si comporta diversamente.

I ricercatori hanno indotto i tumori del glioma da entrambe le cellule staminali non differenziate, quello può provocare sia i neuroni che le celle glial e dalle celle del precursore del oligodendrocyte (OPC), che sono differenziate e possono provocare soltanto le celle glial.

“È risultato che i tumori che provengono dalle cellule staminali erano sia più frequenti che più aggressivi rispetto a quelli che sono provenuto da cemento Portland comune. Un'individuazione molto interessante era che le cellule tumorali che erano provenuto dalle cellule staminali non differenziate erano più suscettibili di un intervallo delle droghe di cancro,„ dice Lene Uhrbom che piombo lo studio al dipartimento dell'immunologia, della genetica e della patologia.

I ricercatori egualmente hanno confrontato come i tumori sviluppati in giovani mouse rispetto ai mouse adulti e trovati che sia l'età che la cella dell'origine sono importanti per lo sviluppo del tumore. Ancora, potrebbero indicare che i loro modelli del tumore in giovani mouse erano altamente simili ad un sottogruppo di glioma maligno in bambini.

“Abbiamo sviluppato i nuovi modelli che sono pertinenti per gli studi del glioma maligno di infanzia. C'è una mancanza di tali modelli e crediamo che questi possano diventare molto utili in ulteriori studi da scoprire i sostegni di questa malattia devastante. La nostra individuazione che la cella dell'origine potrebbe influenzare della risposta al trattamento egualmente mostra che è importante da identificare clinicamente i sottogruppi pertinenti di glioma maligno di infanzia, per potere progettare la terapia più efficiente per ogni paziente. La nostra sfida seguente sarà di scoprire come le celle differenti dell'origine per glioma provoca queste differenze ed identificare i nuovi obiettivi per la terapia,„ dice Lene Uhrbom.

Source:

Uppsala University