Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I batteri affamati possono raccogliere l'energia proveniente da scarichi domestici

La nuova ricerca indica che le acque luride contengono una fonte di energia che può essere raccolta usando i batteri affamati.

Gli scarichi domestici contengono le varie sostanze organiche, pricipalmente dalle toilette e dalle cucine. Questi sono nocivi all'ambiente, ma egualmente contengono l'energia. Ricercatori dall'università di Gand scoperta come estrarre efficientemente questa energia proveniente dall'acqua di scarico.

Dott. Francis Meerburg (centro del ricercatore per ecologia e tecnologia microbiche): “I livelli di materia organica in acque luride sono troppo bassi direttamente essere recuperati. Abbiamo studiato come possiamo usare i batteri per catturare questo materiale. Il nostro approccio è unico perché abbiamo sviluppato una variazione di tasso alto di cosiddetto trattamento di contatto-stabilizzazione. „

Il professor Nico Boon: “Moriamo di fame periodicamente i batteri, in un genere “di regime di digiuno„. In seguito, l'acqua di scarico brevemente è messa in contatto con i batteri affamati che sono golosi ed inghiottono sulla materia organica senza ingerire tutto il. Ciò ci permette di raccogliere i materiali non digeriti per la produzione di energia e dei prodotti di alta qualità. Moriamo di fame il resto dei batteri, di modo che possono depurare ancora le acque luride fresche. „

trattamento delle acque reflue Energia-neutrale

Usando il trattamento di contatto-stabilizzazione, fino a 55% della materia organica ha potuto essere recuperato da acque luride. Ciò è un passo avanti enorme, perché i trattamenti attuali non possono recuperare più di 20 - 30%. I ricercatori hanno calcolato che questo importo può fornire gli importi sufficienti di energia completamente per trattare le acque luride senza l'esigenza dell'elettricità esterna.

“Questo è un punto importante in direzione di trattamento delle acque reflue che è posizione di folle di energia, o persino produce l'energia,„ ha detto il professor Siegfried Vlaeminck.

Interesse internazionale

I partner industriali già hanno mostrato l'interesse nel trattamento di contatto-stabilizzazione.
Francis Meerburg: “All'interno del mio PhD, potrei lavorare con acqua di CC (Washington DC, U.S.A.), che è responsabile della depurazione della capitale degli Stati Uniti. Corrente, una prova di contatto-stabilizzazione è eseguita su una parte del loro impianto completo di trattamento delle acque. Stanno valutando se il trattamento può contribuire a raggiungere un trattamento delle acque reflue più efficiente.„

Andando da uno sviluppo del laboratorio nel Belgio direttamente all'applicazione su grande scala all'estero non è un evento ordinario. L'interesse dall'industria indica chiaramente che è tempo per i trattamenti più accessibili e più sostenibili nel trattamento delle acque reflue.

Source:

Ghent University